GamesCom 2013: round decisivo tra PS4 e Xbox One

GamesCom 2013: round decisivo tra PS4 e Xbox One

Eccovi il nostro report dal consumer game show più grande al mondo, che si è svolto la scorsa settimana a Colonia. Non solo gli eventi pre-show di Microsoft, Electronic Arts e Sony, ma il resoconto su tutti i giochi che abbiamo avuto modo di provare in anteprima. All'interno, tra gli altri, trovate quindi dettagli su Call of Duty Ghosts, The Sims 4, Command & Conquer, Assassin's Creed IV, Watch Dogs, Ryse Son of Rome, Battlefield 4, e molti altri ancora.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyMicrosoftXboxElectronic ArtsAssassin's CreedCall of DutyBattlefield
 

Mad Max

Mad Max
publisher: Warner Bros. Interactive Entertainment
software house: Avalanche Studios
piattaforme: PC, PlayStation 4, Xbox One
data di pubblicazione: 2014

Sviluppato da Avalanche Studios, la software house con sede a Stoccolma che ha creato Just Cause, Mad Max è una sorta di evoluzione del precedente gioco free roaming dello sviluppatore svedese. Naturalmente grande enfasi sarà riposta sulla figura iconica di Max, alla base di una trilogia di film cult che sono arrivati nei cinema negli anni '80. L'anno prossimo arriverà nelle sale il nuovo Mad Max, che sarà accompagnato proprio dal gioco di Avalanche Studios.

Max è dato per morto e la sua famosa vettura risulta distrutta. Sarà una missione di redenzione per Max, che come al solito avrà a che fare con il mondo post-apocalittico e con il reperimento di risorse ormai sempre più rare, come la benzina, ovvero la causa che ha scatenato il conflitto mondiale che ha ridotto il mondo in un cumulo di macerie.

Il combattimento veicolare e la personalizzazione dell'auto saranno alla base di Mad Max. Le fasi d'azione, poi, si fonderanno con quelle cinematografiche, realizzate secondo uno stile che richiama alla mente la vecchia serie cinematografica.

Al GamesCom il gioco girava su PlayStation 4 (uscirà anche su PC e Xbox One) e dal punto di vista tecnico colpiva soprattutto per la gestione di grossi spazi aperti, realizzati con una palette cromatica convincente e capaci di consegnare al giocatore la sensazione di apocalisse che imperversa nel mondo di Mad Max. Il feeling di gioco è, invece, molto simile a quello di Just Cause, sia nelle fasi di guida che in quelle in cui si procede a piedi.

Max, insieme a un suo amico meccanico, deve assaltare un insediamento protetto da banditi. Si trova nella parte posteriore del veicolo e inizia a sparare con un fucile da cecchino. Le distanze sono molto importanti e i bersagli colpiti, che si trovano su piattaforme sopraelevate, cadono da altezze considerevoli. Si nota, poi, come le strutture siano regolate da fisica dinamica, e possano distruggersi.

Il modello poligonale di Max è notevolmente dettagliato, e le sue animazioni convincenti. Rispetto a Just Cause, inoltre, è stato rivisto il sistema di combattimento ravvicinato, che adesso assomiglia molto a quello dei giochi della serie Batman Arkham. Ci sono diversi stili di attacco, così come delle mosse conclusive.

All'interno degli insediamenti fatti di abitazioni arruginite, che richiamano ancora una volta alla mente gli scenari della serie originale, il giocatore può interagire con diversi elementi, oltre che utilizzare armi storiche per i fan della serie come l'iconico shotgun. Non manca ovviamente la possibilità di rubare le auto, e ognuna di esse ha un preciso modello di guida. Quest'ultimo, inoltre, può cambiare a seconda di come si configura la vettura e dei potenziamenti che vengono installati.

Tutto ciò rende i combattimenti veicolari decisamente convincenti, con effetti particellari, esplosioni, spazi aperti e diversi modelli poligonali contemporaneamente coinvolti. I personaggi possono prendere fuoco e i veicoli perdere ogni singola parte. Il mondo appare decisamente variegato da queste prime demo: vi si trovano diversi insediamenti, ognuno con un suo leader, e diverse possibilità di interazione, come i garage. Ogni insediamento, inoltre, è specializzato in un certo tipo di upgrade per l'auto. Ci viene mostrato come, dopo il trattamento del meccanico locale, l'auto di Max assuma un aspetto che ricorda molto da vicino gli Interceptor dei vecchi film.

Le modifiche incidono sul modello di guida come dicevamo, ma anche sulla resistenza dell'auto e sulle sue prestazioni. Nella demo al GamesCom venivano installati un nitrous boost e delle ruote per la sabbia. La carrozzeria del veicolo può essere rinforzata mentre una corona per gli speronamenti va installata gioco forza visto il mondo in cui ci si ritrova a vivere in Mad Max. Le modifiche vengono infatti testate in una missione secondaria, che viene affrontata subito dopo. In questa missione si va alla ricerca di benzina, rubandola da uno dei veicoli della fazione avversaria. La benzina, infatti, è una risorsa fondamentale in Mad Max, al punto che sulla mappa generale il giocatore troverà notificate le posizioni in cui si trova, che corrispondono ad altrettante missioni secondarie.

Mad Max è un gioco interessante, che piacerà sicuramente a chi ha amato Just Cause e la serie di film originale. Vanta un'ottima ricostruzione degli scenari e dà la sensazione di essere esagerato come Just Cause. Però, quest'ultima cosa potrebbe non essere completamente positiva, con un Max che fose è fin troppo devastante.

 
^