È scontro tra Xbox One e PS4 all'E3 più importante di sempre

È scontro tra Xbox One e PS4 all'E3 più importante di sempre

Di ritorno da Los Angeles, facciamo il punto della siturazione su un E3 che è punto di svolta, e non solo per l'introduzione dei nuovi hardware su cui, con ogni probabilità, graviterà l'industria dei videogiochi nei prossimi anni. Ma ci sono anche molti giochi importanti come Metal Gear Solid 5, Company of Heroes 2, Total War Rome II, The Witcher 3, Dead Rising 3 e Forza Motorsport 5.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxThe WitcherTotal WarMicrosoft
 

Command & Conquer e Need for Speed

Command & Conquer
publisher: Electronic Arts
software house: Victory Games
piattaforme: PC
data di pubblicazione: autunno 2013

Command & Conquer torna in chiave free to play, con il motore grafico Frostbite 3 e in veste di reboot rispetto al resto della serie. Nato come Generals 2, il nuovo C&C era disponibile in versione giocabile all'E3.

La componente legata alla generazione di lavoratori e alla raccolta delle risorse torna ad essere quella fondamentale, occupando una posizione rilevante tra le meccaniche di gioco, come vuole la tradizione della serie. Si potrà scegliere di giocare dalla parte di una fra tre fazioni, ovvero: Unione Europea, Alleanza Asiatica-Pacifica ed Esercito di liberazione globale. Scegliendo la fazione si sceglie anche un generale, che influirà sulle abilità speciali a disposizione sul campo di battaglia.

Spendendo valuta reale si potranno acquistare generali di qualità superiore, che saranno in grado di sprigionare abilità speciali più potenti. Gli sviluppatori di Victory Games assicurano, però, che l'esperienza di gioco rimarrà bilanciata e divertente anche per coloro che non vorranno spendere.

In Command & Conquer, poi, ci saranno modalità di gioco single player, competitive e cooperative. La grafica è molto interessante, ma il gioco sembra aver bisogno di quegli spunti di originalità che è ormai così difficile trovare in un mercato inflazionato come quello degli RTS.

Need for Speed Rivals
publisher: Electronic Arts
software house: Ghost Games
piattaforme: PC< PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One
data di pubblicazione: 19 novembre 2013

All'E3 è stato possibile giocare per la prima volta il nuovo capitolo di Need for Speed, sviluppato da Ghost Games, una software house con sede a Goteborg. Il gioco girava su PS4 e offriva una competizione tra racer e poliziotti. Come saprete, il focus di questo nuovo Nfs riguarda proprio il duello tra i folli corridori e i più ragionevoli poliziotti, un po' come accadeva in Hot Pursuit, di cui sembra un seguito diretto. Rivals quindi assomiglia più a un Burnout che a un Nfs tradizionale.

Come racer bisognerà accumulare i cosiddetti Speedpoint attrraverso derapate, salti spettacolari o procedendo a velocità sostenute. Ma questi punti verranno accreditati solamente nel momento in cui si arriva a un punto sicuro sulla strada: per cui i racer devono posticipare il più possibile il raggiungimento di questo traguardo, per accumulare prima il maggiore quantitativo di punti possibile.

I poliziotti invece devono fare il Takedown dei giocatori che hanno conquistato più Speedpoint, per accaparrarsi a loro volta dei punti conquistati fino a quel punto dai racer. La struttura è identica a quella di Burnout, visto che i poliziotti dovranno speronare e mandare fuori pista i racer per ottenere il Takedown. Per i poliziotti diventa molto importante collaborare, spartirsi gli obiettivi e i Takedown, mentre i racer devono stare attenti sia ai poliziotti che agli altri piloti che potrebbero conquistare un maggiore quantitativo di punti.

In una sessione online di Need for Speed Rivals ci saranno un massimo di sei corridori, e il sistema di matchmaking curerà le eventuali sostituzioni o i rimpiazzi con piloti getiti dall'intelligenza artificiale. Il nuovo Need for Speed è costruito su motore grafico Frosbite 3 e presenta piste ambientate su grossi spazi, per le quali non mancano le scorciatoie. Se abbiamo descritto bene le caratteristiche, risulterà evidente come sia un gioco pensato soprattutto per il multiplayer, anche se ovviamente non mancherà la possibilità di giocare in solitaria.

 
^