È scontro tra Xbox One e PS4 all'E3 più importante di sempre

È scontro tra Xbox One e PS4 all'E3 più importante di sempre

Di ritorno da Los Angeles, facciamo il punto della siturazione su un E3 che è punto di svolta, e non solo per l'introduzione dei nuovi hardware su cui, con ogni probabilità, graviterà l'industria dei videogiochi nei prossimi anni. Ma ci sono anche molti giochi importanti come Metal Gear Solid 5, Company of Heroes 2, Total War Rome II, The Witcher 3, Dead Rising 3 e Forza Motorsport 5.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxThe WitcherTotal WarMicrosoft
 

Battlefield 4

Battlefield 4
publisher: Electronic Arts
software house: DICE
piattaforme: PC, PlayStation 3, PlayStation 4, XBox 360, Xbox One
data di pubblicazione: 1 novembre 2013

Sullo showfloor dell'E3 c'era la possibilità di provare l'appena rivelata modalità multiplayer di Battlefield 4. Con un sontuoso stand con ben 64 postazioni PC Battlefield 4, insomma, occupava una posizione rilevante nella South Hall del Los Angeles Convention Center. Ovviamente non potevamo lasciarci scappare l'occasione per provarlo.

Si poteva affrontare un match in modalità Conquest nella nuova mappa Siege of Shanghai, ottimizzata per evidenziare alcune delle novità del multiplayer di Battlefield 4 rispetto al gioco precedente. Fermo restando che il feeling di gioco rimane identico, si nota la presenza di fisica su larga scala, una mappa più complessa del solito e il ritorno del comandante da Battlefield 2.

I giornalisti potevano scegliere se giocare con mouse o tastiera o con il nuovo gamepad di Xbox One. Ovviamente, abbiamo propeso per il secondo...calma calma, stavo solo scherzando!

È un Conquest atipico rispetto al solito visto che una delle bandiere vale di più rispetto alle altre quattro. Questa bandiera è posta nell'ultimo piano di un lunghissimo palazzo e, una volta conquistata, consente di ottenere più risorse e soprattutto di poter sfruttare un punto strategico decisamente interessante. Dalla sommità del palazzo, infatti, ci si può paracadutare praticamente ovunque nella mappa di gioco.

Ma la pacchia non durerà molto. A causa del fatto che la battaglia si concentrerà soprattutto in quel punto e per via anche dei nuovi poteri del comandante, che può lanciare missili terra-aria contro i punti sensibili, questo palazzo inevitabilmente crollerà, con un effetto di distruzione così roboante come non si era mai visto in un multiplayer di Battlefield.

Il palazzo si ridurrà in macerie, ma quella zona di mappa continuerà ad essere accessibile ai giocatori per il resto del match, anche se ovviamente apparirà in forma ben diversa rispetto a prima. Ci sarà anche una bandiera da controllare in quest'area, ma ovviamente non darà più i vantaggi che c'erano quando il palazzo era intero.

Si tratta di una meccanica di gioco interessante e innovativa per Battlefield, soprattutto nella misura per cui servono nuove strategie per scalare il palazzo e per difenderlo. Per salire su, infatti, bisogna utilizzare un ascensore, che porta il cuore della squadra all'ultimo piano mentre il match continua a svolgersi intorno al palazzo. Una volta giunti in prossimità della bandiera, poi, bisogna proteggerla dagli attacchi del team avversario, che su questa mappa può sprigionare la forza degli elicotteri.

I match multiplayer di Battlefield 4 vedranno fronteggiarsi le forze Usa e quelle cinesi. Queste ultime prendono il posto dei russi per via dei cambiamenti alla storia principale della campagna. Sulla mappa Siege of Shanghai gli americani possono contare soprattutto sulla forza della fanteria e di potenti mezzi corazzati come l'M1 Abrams, mentre i cinesi dispongono di tanti elicotteri.

Abbiamo deciso di spendere la nostra prova con la classe Assalto, ma non ci sono novità importanti su questo aspetto del gioco. A dire il vero tutta l'impalcatura di base rimane immutata, con la necessità di sapersi muovere sulla mappa e di gestire oculatamente le armi visto l'importante spread dei colpi, come anche in Battlefield 3. Anche la command rose rimane lì dov'era.

La mappa è invece più grande e più complessa rispetto al solito, visto che si può combattere tra le strade di Shanghai, ognuna delle quali presenta un interessante livello di dettaglio. I soldati possono appostarsi negli edifici e sparare da posizioni privilegiate. C'è poi un rinnovato senso della verticalità, proprio per la necessità di dover "scalare" il palazzo e di combattere dall'alto verso il basso o, più semplicemente, per doversi paracadutare da un'altezza così notevole.

Come Assalto potevamo disporre di un CZ-805, ma naturalmente torneranno gli sblocchi e il livello di personalizzazione del gioco precedente. Notiamo, inoltre, come adesso durante la procedura di respawn una finestra mostri la posizione del compagno, in modo che il giocatore possa scegliere con cognizione di causa in quale punto fare il ritorno nel match.

Ci sono delle sotto-squadre all'interno del team di 32 giocatori, ognuna composta da 2 a 5 giocatori. A gestire l'intero plotone è invece il comandante, che torna da Battlefield 2 anche se in chiave decisamente mdoernizzata. Il comandante fa parte del match come gli altri soldati e quindi può sparare, muoversi e usare i veicoli come gli altri. Però in qualsiasi momento può passare alla cosiddetta visuale tattica.

In questa modalità può seguire l'andamento della partita da una mappa che mostra dall'alto gli spostamenti dei propri uomini e quelli della squadra avversaria. Ma la verà novità è che questa modalità è disponibile anche sui dispositivi portatili, creando un'interessante interazione tra iPad o tablet Android e PC o console, proprio come avviene con alcuni giochi Ubisoft come Watch Dogs e The Division.

Il comandante può lanciare missili e dare supporto di fuoco dai mezzi aerei. Ma anche gestire il respawn dei veicoli e determinare i punti sensibili sulla mappa, richiedendo di attaccare una certa zona o di difenderne un'altra. Insomma, una visione moderna del comandante che DICE definisce "true next-generation teamplay experience".

Chiaramente giocare sullo showfloor dell'E3 a Battlefield 4 con PC potentissimi e in LAN, senza alcun lag e tentennamento, è un'esperienza assolutamente appagante, per cui dovrei essere un folle a dirvi che non mi sono divertito. Visto così Battlefield 4 si conferma come l'esperienza multiplayer definitiva, forse anche più spettacolare del predecessore.

Certo i fan della serie si aspettano una serie di bilanciamenti che non è possibile verificare in una sessione di gioco di 15 minuti, come un maggiore equilibrio tra le armi e una hit detection più precisa, gestita lato server. Saranno cose che bisognerà verificare più avanti. Quel che è certo è che Battlefield 4, insieme a The Witcher 3, rimane il gioco con la migliore grafica tra quelli visti alla fiera.

Scorci del multiplayer di Battlefield 4 si possono vedere nei filmati dall'E3 che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi: qui e qui.

 
^