Defiance: insieme MMO e serie TV

Defiance: insieme MMO e serie TV

E' passato un mese dal rilascio di Defiance e siamo alla resa dei conti: sarà riuscito questo nuovo MMO ad avere successo in uno dei settori più critici e rischiosi del mondo videoludico?

di Marco Fiore pubblicato il nel canale Videogames
 

Analisi tecnica

Nel momento di effettuare una recensione tecnica di un videogame è importante tenere in considerazione alcuni elementi: la data di uscita è un fattore importante per capire cosa aspettarsi qualitativamente da un gioco, ma ciò che conta davvero è il genere di gioco. Un MMO come Defiance è ben lontano dal raggiungere il fotorealismo ma la qualità grafica è molto soffisfacente: i dettagli poligonali di personaggi, armature e armi sono ben realizzati, un po' meno l'enviroment, pur apprezzando la presenza di alternanza dinamica tra giorno e notte e la presenza di effetti come la caduta di meteoriti che hanno un'influenza importante sul gameplay (ci fanno capire dove si stanno verificando degli Arkfall e se si parla di fenomeni minori o maggiori).

Il vero gioiellino del motore grafico è rappresentato però dalle esplosioni e in generale da tutti gli effetti particellari, chiaramente di qualità superiore rispetto alla grafica del gioco (la differenza è lampante). Il level design della mappa principale è buono, le location sono abbastanza variegate e curate, ma il lavoro migliore è stato fatto nella realizzazione delle mappe (più piccole ovviamente) per la modalità cooperativa e quella PVP competitiva.

Le mappe sono davvero convincenti e curate in ogni minimo dettaglio, l'IA è ben scriptata e le missioni coop sono lunghe e di discreta difficoltà (ulteriori missioni coop si sbloccano con l'avanzare nella campagna principale), mentre le mappe per il PVP sono sviluppate su più livelli e favoriscono il gioco di squadra e l'utilizzo di abilità differenti per supportarsi a vicenda. Un'altra caratteristica che ho molto gradito è che si può tranquillamente continuare a giocare mentre il sistema di matchmaking cerca altri giocatori per il PVP e il coop, teletrasportandoci verso queste modalità solo quando tutti i giocatori sono stati trovati.

Ciò che non mi è piaciuto è stata l'assenza della customizzazione dei dettagli grafici: a parte una configurazione "bassa", "media" o "alta", la configurazione "custom" non apre nessun pannello con la selezione di dettagli aggiuntivi, e sinceramente questa assenza su un gioco del 2013 è veramente fastidiosa.

Sull'ambientazione abbiamo qualche riserva: al di là della qualità grafica non particolarmente esaltante, sono proprio le scelte artistiche che non convincono: la Terraformazione ha trasformato il pianeta in un miscuglio troppo caotico di piante e terreni, e sia nella serie tv che nel gioco sembra che si sia preferito mischiare ambienti già esistenti sulla Terra invece che crearne di nuovi, unici e realmente convincenti. Anche qui l'enviroment in generale ricorda un misto tra Halo, Rage, Borderlands e Fallout, con panorami molto ampi che offrono scenari semi-apocalittici in un futuro dove l'umanità è degenerata verso mutazioni causate dal nucleare e dalla terraformazione sfrenati.

Un discorso a parte va fatto poi per la fisica: se valutassimo il motore fisico in assoluto saremmo di fronte ad una sufficienza, niente di più. Trattandosi però di un MMO in cui il motore deve necessariamente essere snello per evitare lag e problemi di interazione tra utenti, la fisica è più che discreta, con ragdoll sui corpi che vengono scaraventati via dai colpi da cecchino e dei fucili a pompa.

L'interazione è un altro degli aspetti maggiormente curati di Defiance: da un lato la gran quantità di missioni primarie e secondarie, dall'altro la modalità coop e competitiva, e infine gli eventi speciali come Ark Fall minori e maggiori, Shadow Wars e gli eventi dinamici che cambiano di settimana in settimana in base all'andamento della serie. Ci troviamo di fronte ad un titolo la cui interazione sfiora l'eccellenza, il giocatore ha davvero l'imbarazzo della scelta e in questo possiamo senza dubbio parlare di un servizio completo e ottimamente curato da parte di Trion.

Il comparto audio è discreto, provando la versione inglese del gioco abbiamo notato un buon parlato e delle musiche immersive, con alternanza di suoni caratteristici per il giorno e la notte.

Infine mi ha convinto l'estrema stabilità del gioco nel gestire gli eventi di massa: non un filo di lag con decine di Ark Hunter e mostro che combattevano tra loro: davvero un ottimo lavoro, sinonimo che c'è stata una grande ottimizzazione della mappa unica di gioco, che di fatto non richiede nessun caricamento aggiuntivo. In definitiva l'esperienza di gioco di Defiance è estremamente fluida visto non si smette mai di giocare e i tempi morti sono praticamente nulli.

 
^