The Walking Dead Survival Instinct: talvolta gli zombie sono il problema minore

The Walking Dead Survival Instinct: talvolta gli zombie sono il problema minore

Terminal Reality ha messo a punto questo tie-in che ripercorre alcune delle vicende accadute a Daryl Dixon e a suo fratello Merle, prima dei fatti narrati nella serie televisiva. Ne è derivato un titolo davvero poco ispirato, a tratti raccapricciante per la totale mancanza di qualità e per i pesanti difetti che compromettono irreparabilmente l’esperienza di gioco.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

Survival Instinct è un fallimento epico su tutta la linea. Un titolo che già da ora si candida ad essere uno dei peggiori prodotti comparsi sugli scaffali in questo 2013 e uno dei giochi più tristi e scarsamente ispirati di questa generazione. Le poche idee presenti sono state completamente vanificate da una realizzazione superficiale e affrettata.

La totale assenza di bilanciamento tra le fasi corpo a corpo e l’impiego delle armi da fuoco, unita alla povertà del level design e del comparto tecnico, rendono scoraggiante questo prodotto anche per i fan più accaniti. Per non parlare dell’assenza completa di rimandi e riferimenti alla serie televisiva.

Trattandosi di un prequel sarebbe stato auspicabile ricevere ulteriori informazioni e dettagli sui personaggi di Daryl e Merle Dixon e sui loro trascorsi, o per lo meno qualche elemento che potesse ricollegarsi alla storia principale.

La pochezza delle ambientazioni, la presenza di bug, la scarsa utilità degli alleati e la superficialità del sistema di viaggio fanno il resto, rendendo sconsigliabile a tutti gli effetti l’acquisto, anche a prezzo budget. Insomma, desiderate immergervi in un videogioco ambientato nell’universo di The Walking Dead e farlo come si deve? Allora dimenticatevi di questo tie-in e scegliete la sponda corretta: precipitatevi a colpo sicuro sul capolavoro di Telltale, senza guardarvi indietro. Non ve ne pentirete.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djmatrix61915 Aprile 2013, 18:30 #1
Cavolo, avevo sentito che era un titolo veramente fatto coi piedi, veramente brutto, ma così brutto non me l'aspettavo! haha

Peccato però che se l'avessero fatto bene, sarebbe stato un gioco epico! Ma come al solito quando c'è in mezzo il "nome importante" tutto il resto non conta, vai di marketing puro!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^