Deadly Premonition: una Director's Cut in esclusiva per PlayStation 3

Deadly Premonition: una Director's Cut in esclusiva per PlayStation 3

Deadly Premonition torna dopo due anni dalla sua release, questa volta su Playstation 3. Il gioco sviluppato da Access Games (e in particolare dal designer Hidetaka “SWERY” Suehiro) aveva visto una distribuzione non omogenea tra le console Sony e Microsoft: per la prima, Deadly Premonition è uscito solo in Giappone con il nome di Red Seeds Profile, mentre per Xbox 360 è stato rilasciato in tutto il mondo tra febbraio e ottobre 2010.

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
SonyMicrosoftXboxPlaystation
 

Cos'è Deadly Premonition

Deadly Premonition ha la singolare caratteristica di essere menzionato nel Guinness dei Primati come “videogioco che ha maggiormente polarizzato la critica”. In sostanza, o lo si ama o lo si odia, e personalmente l’ho amato. A dividere così tanto i suoi fan e i suoi detrattori è il fatto che il gioco va scomposto in due componenti fondamentali, una estremamente negativa e una estremamente positiva: la prima è l’aspetto tecnico, composto di grafica e gameplay (più che altro i comandi). Il secondo è la qualità assoluta della trama, della scrittura dei dialoghi, della caratterizzazione dei personaggi e dell’originalità.

Dal punto di vista tecnico, Deadly Premonition sembra in tutto e per tutto un gioco della prima era Playstation 2 (pare del resto, ma non è confermato, che gli asset utilizzati durante lo sviluppo risalissero proprio a quel periodo). Texture cubettose, poligoni senza la minima smussatura, ambienti spigolosi e ben poco realistici. In più un sistema di controllo del personaggio, specialmente durante le fasi di azione, davvero scomodo. Il lato positivo è che la Director’s Cut va a correggere questi difetti (sulla grafica fa il possibile, ma è comunque meglio di niente).

Dal punto di vista della scrittura, invece, ci troviamo di fronte a un vero capolavoro. La trama ruota attorno all’indagine del nostro eroe, l’agente speciale Francis York, su una serie di misteriosi omicidi, l’ultimo dei quali riguarda una giovane ragazza nel paesotto boschivo di Greenvale. Se a qualcuno è già suonata una campanella, si trova probabilmente sulla buona strada: Deadly Premonition è fortemente ispirato al celebre serial di David Lynch “Twin Peaks”, da cui prende in prestito (pur con forti elementi di originalità) il protagonista, agente speciale un po’ stralunato, l’ambientazione del piccolo paese immerso nei boschi, gli elementi soprannaturali e onirici e personaggi e situazioni surreali.

Il tutto mischiato con un gameplay che va dal classico survival horror a un freeroaming investigativo in cui dovremo girare per Greenvale in macchina – un po’ in stile Grand Theft auto – cercando indizi e parlando con i vari abitanti, tutti peraltri caratterizzati in modo superbo. E’ impossibile non affezionarsi a York e al suo inspiegabile modo di parlare con un misterioso “Zach”, alla graziosa Emily, all’allucinante miliardario che indossa sempre una maschera a gas e così via. Serve però avere la pazienza di dedicare un po’ di tempo al gioco per mettere da parte i suoi limiti tecnici, cosa che si riesce tranquillamente a fare dopo qualche ora, a patto di non essere fissati con l’avanguardia tecnologica ad ogni costo.

Nella recensione di Gamemag, abbiamo dato a Deadly Premonition 4 stelle su 5.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
A64FX+DFI nF405 Marzo 2013, 11:33 #1
considerando che la versione PS3 esisteva già (in giappone è uscita a marzo 2010 contemporaneamente a quella 360 con il nome Red Seeds Profile) il framerate probabilmente rimarrà ballerino
prra06 Marzo 2013, 11:05 #2
questo è uno di quei pochi giochi che vorrei tanto su pc..
Zappz06 Marzo 2013, 12:55 #3
Mio appena esce!!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^