È l'ora del giudizio per Gears of War

È l'ora del giudizio per Gears of War

Epic Games ha annunciato la nuova modalità Survival per Gears of War Judgment, che si configura come un'espansione della classica modalità Orda. Ecco il nostro primo giudizio sul nuovo capitolo di GoW, dopo aver giocato per un paio di ore il single player e il multiplayer di Judgment, Survival inclusa.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Epic
 

Declassification

Oltre allo Smart Spawn System, l'altra introduzione di rilievo è proprio il nuovo sistema di missioni declassificate. Vi si accede rinvenendo i Crimson Omen riprodotti sulle pareti. Queste missioni, quando attivate, forniscono un ulteriore strato al gameplay e consentono di apprendere altri particolari sulla storia. Ad esempio, possono richiedere di risolvere le missioni usando solamente armi selezionate, di uccidere un dato numero di mostri o ritrovare degli oggetti nascosti.

Si tratta, quindi, di missioni facoltative, che incrementano il numero di Star che si possono raccogliere per ogni livello di gioco. In nessun caso, però, si svolgono in mappe diverse da quella principale, insomma non sono mai focalizzate sull'esplorazione in luoghi completamente nuovi, ma solo sulle migliori performance nello shooting.

A questo punto ci si potrebbe porre la fatidica domanda: perché un giocatore dovrebbe non attivare le missioni facoltative? Epic e People Can Fly risponderebbero dicendo che ci sono giocatori che vogliono arrivare velocemente alla meta, e non intendono perdere tempo in elementi accessori. Ma la realtà è che un sistema di missioni facoltative, perlomeno questa è la mia impressione, non si può sposare con l'impianto tecnologico di Gears of War, che non permette ramificazioni alla storia o agli stessi livelli di gioco, o la gestione di mappe più ampie che possano consentire perlomeno un accenno di free roaming.

Ad ogni modo, raccogliendo 35 Stars, cosa che pare possibile solo svolgendo le missioni declassificate (ovvero non presenti nei registri dell'inquisizione militare, e per questo contenenti particolari 'scottanti' sull'indagine su Baird e soci), si ha accesso a una campagna parallela completamente diversa da quella originale, chiamata Aftermath. Su questa campagna vige ancora il più totale riserbo, quindi non possiamo al momento darvi dettagli sulla sua lunghezza e sulle caratteristiche.

Ma ottenere buone prestazioni nei livelli di gioco, con risultati migliori se si gioca ai livelli di difficoltà più alti, permette come al solito di sbloccare anche nuove skin per i personaggi, nuove armi, e ottenere altri tipi di ricompensa.

In occasione del press tour abbiamo avuto modo di provare alcuni livelli di gioco. Il primo, la testimonianza di Baird, prevede di raggiungere il museo di gloria militare. Il terzo capitolo, invece, dalla prospettiva di Paduk, è contestualizzato sulle Seahorse Hills; mentre la testimonianza di Cole, quarto capitolo, riguarda il fatidico Onyx Point, dove il gruppo compirà il suo tradimento e, benché sia una trasgressione agli ordini, utilizzerà un ordigno militare devastante.

Mentre il primo livello prevede la classica ambientazione notturna, in perfetto stile Gears of War; nel terzo capitolo ci troveremo a combattere in uno scenario verdeggiante, mentre l'azione è alla luce del sole. Molto interessante l'inizio del quarto capitolo, che assomiglia a una sorta di Sbarco in Normandia, con tantissime Locuste ad aspettarci sulla spiaggia, tra le quali non mancano cecchini o i potenti Mauler, con tanto di scudo e mole imponente. All'inizio della testimonianza di Cole, quando la prospettiva dell'azione è ancora all'interno del tribunale, inoltre, assistiamo a un poderoso attacco delle Locuste, presto respinto dalle forze COG.

Nel corso del livello di gioco abbiamo ritrovato gran parte delle armi classiche. Una delle missioni declassificate che si trovano in questo livello, inoltre, prevedeva di affrontare il successivo combattimento giocoforza con il Boomshield che, mentre consente di sparare con il grilletto destro nel modo tradizionale, con il sinistro apre un robusto scudo che ci protegge dal fuoco nemico. C'era anche un possente mech, utilizzabile per diversi minuti di gioco, che sprigiona un devastante colpo a terra con uno dei suoi arti metallici, realizzando danni ad area.

Oltre a Paduk, come nuovo personaggio abbiamo anche Sofia. Una donna di bell'aspetto che nasconde dettagli molto curiosi riguardo la sua vita privata, ma che non si tira indietro nella lotta contro le Locuste così come fanno gli altri membri della squadra.

 
^