Hideo Kojima in Italia: tra arte, cinema e 'Metal May Cry'

Hideo Kojima in Italia: tra arte, cinema e 'Metal May Cry'

In occasione del lancio di Metal Gear Rising Revengeance, anche se non coinvolto direttamente nello sviluppo, uno dei più grandi game designer di sempre ha fatto visita all'Italia. È stata l'occasione per esaminare l'incontro, tutto artistico, tra cinema e videogiochi.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Akira Kurosawa

La seconda parte dell’incontro, invece, ha visto Ghezzi cercare di portare Kojima a discutere della potenziale infinitezza dei prossimi videogiochi. Non tanto in termini di longevità, quanto dal punto di vista delle connessioni con la realtà. Quasi si trattasse di una vera ‘second life’.

Kojima, lo sappiamo, è sempre stato molto ricettivo a queste dinamiche. Ricorderete tutti, ai tempi di Psx, lo sconvolgente duello di Snake con Psycho Mantis (in grado di far vibrare il nostro pad e di ‘leggere la nostra personalità’ attraverso l’analisi dei salvataggi sulla memory card), o la sospensione dell’incredulità al termine di MGS2, quando l’IA impazzita si rivolge direttamente al giocatore, chiedendogli di spegnere la console.

Ma ancora: si pensi all’esperimento di Boktai (su Game Boy), che richiedeva di esporre un apposito sensore al sole (nella realtà!) per aiutare l’eroe del gioco.

Ecco allora il game designer ribadire le proprie convinzioni, svelando la sua attenzione per l’allargamento dell’esperienza sensoriale nei videogiochi. Soprattutto dal punto di vista dell’olfatto e della percezione della variazione di temperatura.

Per quanto si sia costantemente al lavoro per consentire ‘tecnologicamente’ queste evoluzioni, Kojima è perfettamente consapevole del fatto che, attualmente, tutto quello che uno sviluppatore può fare, è trasmettere le sensazioni attraverso la vista. “E’ una situazione comune anche nel mondo del cinema – dice Kojima -. Si pensi a ‘Inferno e Paradiso’ del maestro Kurosawa. In quel film, c’è una scena in cui i detective arrivano in un luogo pieno di cadaveri che, però, non vengono mostrati allo spettatore. Ciò nonostante, l’aria greve e il puzzo di morte vengono percepiti dal pubblico attraverso le reazioni molto marcate dei poliziotti. Questo è quello che, anche oggi, si cerca di fare nei videogiochi: trasmettere – tramite gli occhi del giocatore – anche tutte le altre sensazioni”.

Purtroppo, la parte finale dell’incontro, si è rivelata poco efficace. Ghezzi non è più riuscito a entrare davvero ‘in contatto’ con il suo interlocutore e con l’interprete. Tra difficoltà espositive e di traduzione. Per cui si è arrivati velocemente alle conclusioni, dopo una serie di affermazioni da entrambe le parti, non un vero dialogo.

Un peccato, considerando la profondità di Kojima e l’interessante tematica su cui l’intera mattinata avrebbe dovuto vertere.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
uforob10 Marzo 2013, 15:16 #1
60 fps in media? TV e monitor sono soprattutto a 50 Hz o 60 Hz (e i 100 Hz sono rari) quindi anche se ne sono calcolati di più, più di quelli non si vedono e i 50 Hz abbassano già la media senza pensare a quando si preferiscono gli effetti o il VSync (sia tra gli sviluppatori per console sia tra gli utenti PC) e il framerate diminuisce ancora (ci sono giochi su console che vanno a 30 fps) o a quando i 60 fps non si reggono. Ad esempio Assassin's Creed su PS3 l'ho visto e aveva problemi di tearing evidenti quando si vedeva il panorama dall'alto quindi il VSync non c'era ma il framerate non rimaneva comunque sempre a 50 FPS.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^