I migliori videogiochi del 2012: la parola ai lettori

I migliori videogiochi del 2012: la parola ai lettori

Anche quest'anno Hardware Upgrade e Gamemag offrono la classica dei migliori giochi dell'anno precedente, scelti dai lettori. Si parte dalla decima posizione e si risale fino al gioco vincitore.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

9a posizione

Hitman Absolution

Produttore: Square Enix
Sviluppatore: IO Interactive
Piattaforma: PC, PlayStation 3, Xbox 360
Rilascio: novembre
Percentuale di voti conseguita: 3,58%

C'è chi lo ama e chi lo odia. Chi ritiene che sia un gioco aderente con la tradizione della serie e chi invece pensa che sia troppo semplificato. Il sottoscritto appartiene, senza alcun tentennamento, al primo gruppo. Anzi, penso che di giochi così profondi, tattici e complessi ne vedremo sempre meno in futuro, seguito di Absolution compreso (tra l'altro cambia anche lo sviluppatore).

Con Absolution, IO Interactive ha fatto un grande lavoro sulla storia, rendendola cinematografica e intensa come non mai con Hitman. La prima missione per l'Agente 47 prevede addirittura l'uccisione di Diana Burnwood, ovvero "la voce" che ha guidato i giocatori nei vecchi Hitman. Diana ha scoperto un segreto indicibile dell'Agenzia per cui lavora insieme a 47, e quindi ha deciso di liberarsi dell'opprimente presenza dei suoi superiori e agire in maniera indipendente. Il segreto riguarda una giovane ragazza di nome Victoria.

L'interazione con gli scenari è altissima in tutto Absolution e questo concede al giocatore l'opportunità di agire sempre in maniera creativa. In ogni livello di gioco può, infatti, decidere sempre con grande libertà come procedere. Si possono innescare delle esplosioni o travestirsi da barista o da meccanico, con reazioni credibili dei personaggi gestiti dall'intelligenza artificiale.

Per certi versi, Hitman Absolution sembra un gioco vecchio stile, in cui il giocatore non ha nessun suggerimento, o quasi, per proseguire: è lasciato a sé stesso, e molto spesso questo si traduce in un forte livello di coinvolgimento e di tensione. Sbagliare anche un solo passo vuol dire ripetere una grossa fetta della missione, e questo vuol dire in certi casi ripetere pedissequamente le stesse azioni. Il nuovo, così come il vecchio, è dunque un gioco altamente punitivo: ripetere la missione, insomma, sarà cosa altamente frequente.

La novità principale nei meccanismi di gioco riguarda il cosiddetto istinto. Una volta abilitato il giocatore può vedere al di là degli angoli e oltre il fumo, oltre che riuscire a prevedere cosa faranno le guardie. Nel momento in cui una guardia decide quale sarà il suo prossimo spostamento, infatti, se si abilita la modalità istinto, ecco che comparirà una striscia di fuoco a terra, che proprio evidenzia quello che è il percorso che la guardia sta per compiere.

Per ogni missione, Absolution mette a disposizione una serie di sfide, che non possono essere completate tutte nello stesso playthrough. Ad esempio si ottengono punti se si uccide con l'abito canonico di Hitman oppure se si indossa un particolare tipo di abbigliamento nel momento dell'assassinio. Potrebbe venire richiesto di uccidere le guardie o di finire la missione senza uccidere nessuno. Nonostante qualche limitazione nei livelli di gioco e una certa semplificità nel fuggire, Hitman Absolution offre una storia coinvolgente e un gameplay grandioso, con la possibilità di giocare anche al difficilissimo livello Purista, senza neanche l'intefaccia di gioco!

 
^