Cosa aspettarsi dal 2013 - Seconda parte

Cosa aspettarsi dal 2013 - Seconda parte

Continuiamo il nostro percorso fra i titoli più attesi del 2013 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Grand Theft Auto V, SimCity, Project Cars, Metal Gear Solid Ground Zeroes, Beyond Two Souls, Company of Heroes e Rome II Total War.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Grand Theft AutoTotal War
 

South Park The Stick of Truth (PC, PS3, 360)

Dell'attesissimo South Park The Stick of Truth abbiamo già diffusamente parlato in sede di anteprima. Sviluppato da Obsidian Entertainment, è chiaramente uno dei titoli più originali dell'anno. Lo sviluppatore si è posto l'obiettivo di convertire la creatività e l'ironia della serie originale in canoni videoludici, e sembra aver fattoun lavoro sontuoso.

Innanzitutto, South Park The Stick of Truth si avvantaggia della supervisione di Trey Parker e Matt Stone, i creatori della serie, che hanno partecipato alla promozione del gioco anche allo scorso E3. È la prima volta che il duo satirico è direttamente coinvolto nello sviluppo di un videogioco basato su South Park. I giocatori assumono il ruolo di un nuovo bambino che cerca di ambientarsi ed essere accettato dagli altri. Il gioco inizia mentre il bambino è impegnato in un gioco di ruolo fittizio organizzato dagli altri bambini, ma presto tutto ciò si tramuterà in un'avventura reale. Per una precisa decisione di Parker, il personaggio protagonista sarà sempre silente.

Sarà completamente personalizzabile e avrà accesso a uno smartphone che fungerà da menu principale del gioco e conterrà un'applicazione Facebook con cui si potranno contattare gli amici e intavolare rapporti con le altre fazioni di bambini. L'iconico personaggio Cartman, inoltre, farà da guida e indurrà il protagonista a scegliere una tra le cinque classi a disposizione, tra cui Adventurer, Rogue, Paladan, Wizard e una quinta classe non ancora rivelata, ma creata dallo stesso Cartman.

L'RPG di South Park è costruito sul motore grafico di Dungeon Siege III, rinforzato da nuove tecnologie, tra cui una per la sincronizzazione delle labbra con il parlato, che si è resa necessaria in virtù dello stile grafico tipico della serie animata.

Parker e Stone hanno, infatti, dato a Obsidian gli asset utilizzati in 15 anni creare le serie originali e una lista di texture e di colori approvati. Ci saranno diversi elementi tipici degli RPG come colpi critici, ricompense in denaro, esperienza e oggetti consumabili. Verrà ovviamente confermata l'ironia tipica della serie, ma Obsidian si sta concentrando principalmente sul realizzare un gioco di ruolo profondo e che abbia un senso dal punto di vista del gameplay.

Il sistema di combattimento sarà simile a quelli di Paper Mario e Mario & Luigi, mentre premere secondo le tempistiche corrette consentirà di difendersi meglio e di ridurre i danni subiti. Ci saranno armi per il combattimento ravvicinato e per gli attacchi dalla distanza, oltre che armi magiche, e ci sarà un sistema che ricorderà la Materia di Final Fantasy per il miglioramento delle armi con varie abilità come fuoco, veleno ed elettricità. Non mancherà, inoltre, la possibilità di evocare altre creature.

 
^