Cosa aspettarsi dal 2013 - Prima parte

Cosa aspettarsi dal 2013 - Prima parte

I titoli più importanti dell'anno appena entrato. Le caratteristiche, i dettagli tecnici e le aspettative sui 35 videogiochi più promettenti tra quelli che saranno rilasciati nel 2013. Si parla, tra gli altri, di BioShock Infinite, Tomb Raider, Battlefield 4, Splinter Cell Blacklist e Crysis 3.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

Dead Space 3 (PC, PS3, 360)

Dead Space 3 diventerà disponibile in Europa il prossimo 8 febbraio. Tra le principali introduzioni troviamo la nuova modalità co-op, con cui sarà possibile interagire anche attraverso Kinect. La nuovissima funzionalità Kinect immergerà, infatti, i giocatori ancora più profondamente nell’universo di Dead Space, dando loro la possibilità di usare semplicemente i comandi vocali per aiutare un amico dall’orrore e dai brividi che lo attendono in questa terribile nuova avventura. Dead Space 3 grazie a Kinect faciliterà i giocatori nella modalità co-op nello scambiarsi vita e munizioni, trovare obiettivi, rianimarsi e altro ancora.

A livello di gameplay, invece, Dead Space 3 si differenzierà dai predecessori per la presenza delle coperture e per una maggiore agilità del personaggio protagonista Isaac Clark, che adesso potrà anche rotolare a terra. Alcuni hanno storto un po' il naso di fronte a queste novità, che rischiano di sminuire l'approccio tattico tipico della serie, contrassegnata anche da una certa lentezza nei movimenti del suo protagonista.

In realtà, si può dire che è cambiato realmente poco rispetto al secondo capitolo, anzi il feeling nel controllo del personaggio è rimasto, a parte queste novità, nella sostanza immutato. Tornano inoltre le classiche abilità di cui è capacce Clark, come la cinesi.

Dead Space poi conferma l'artisticità di alcune sequenze di narrazione, che raccontano il tormento dell'avventura di Clark in maniera epica e altamente spettacolare. Come Dead Space 2, dunque, anche questo terzo capitolo va alla ricerca di una sorta di amalgama tra gameplay e cinematograficità.

Non si può non parlare, poi, del nuovo sistema di crafting, che avviene tramite la bench che Clark può usare per potenziare le sue armi. Il crafting, già presente anche nel secondo Dead Space, adesso risulta notevolmente espanso, visto che si può sia creare da zero delle armi tramite dei progetti che si trovano nei livelli di gioco sia modificare ogni singola componente delle armi. Si riscontra un numero di categorie di armi nettamente superiore rispetto al passato. Ogni modifica, inoltre, si riflette in cambiamenti estetici e nelle funzionalità delle armi.

In Dead Space 3 tutto prende le mosse, apparentemente, poco dopo la conclusione di DS 2. Abbiamo perciò Ellie e Isaac in fuga da Unitologisti e Necromorfi. Ma la loro ‘corsa spaziale’, si conclude malamente, con lo schianto su un pianeta ghiacciato (Tau Volantis). E, come era logico aspettarsi, infestato. Tanto da Necromorfi quanto da Unitologisti e, apparentemente, da creature autoctone e ostili.

 
^