Recensione Halo 4: torna la legge di Master Chief

Recensione Halo 4: torna la legge di Master Chief

Il prossimo 6 novembre sarà uno dei giorni più importanti per l'attuale generazione di console: quello che è uno dei giochi più costosi di tutti i tempi, infatti, raggiungerà i negozi, aprendo una nuova fase, forse l'ultima, nel ciclo vitale di Xbox 360.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Multiplayer: un'offerta più ricca che mai

Non sono mai stato un fan assoluto del multiplayer di Halo. Pur riconoscendone meriti ed efficacia, semplicemente, so che gli shooter frenetici e ‘saltellosi’ non fanno per me. Durante le giornate di prova, però, non nascondo di essermi divertito anche online.

Tutto il comparto multiplayer di Halo si struttura attorno alla modalità Infinity, che prende il nome dalla nave USNC attiva anche nella campagna. Impersoneremo infatti uno Spartan su di essa imbarcato e ci disimpegneremo tanto in Giochi di Guerra, quanto nelle Spartan Ops.

I nostri risultati in queste due modalità ci consentiranno lo sblocco, l’acquisto e l’utilizzo di numerose migliorie per il nostro soldato virtuale. Sia in termini di armi e poteri dell’armatura, sia dal punto di vista della customizzazione visiva.

Giochi di Guerra è il comparto dedicato al multiplayer competitivo. In cui troveremo le modalità più classiche, come il team deathmatch, dominio, regicidio, resistenza ai Flood, Re della collina e quant’altro. Il pacchetto garantisce la continuità con la tradizione: adrenalina, frenesia e frag.

Spartan Ops è la parte più interessante del multiplayer. Di fatto si tratta di una storia a sé stante, vissuta dal punto di vista degli Spartan ‘minori’, legati alle peripezie della Infinity. Si strutturerà in pacchetti da cinque missioni, scaricabili gratuitamente – uno a settimana – per 10 settimane dal lancio di Halo 4. La giocabilità in queste sessioni è davvero studiata per esaltare la cooperazione. Si tratterà, infatti, di completare missioni molto militari e strategiche, giocate in arene molto ampie e strutturate, piene di veicoli. Il comando ci affiderà compiti da assolvere (eliminare una posizione nemica, mettere in sicurezza una zona della mappa, fornire fuoco di supporto a una pattuglia in difficoltà), il tutto secondo dinamiche di ampio respiro, che consento approcci molto differenti.

Di fatto, si tratta di una seconda storyline tutta da vivere in compagnia. Da ricordare che la stessa campagna principale è affrontabile in co-op.

 
^