Call of Duty Black Ops II: obiettivo competizione divertente a qualsiasi livello

Call of Duty Black Ops II: obiettivo competizione divertente a qualsiasi livello

Dopo aver visto un nuovo livello di gioco della campagna single player e aver giocato le nuove modalità di multiplayer introdotte da Black Ops II ecco che possiamo pubblicare le prime impressioni sul nono capitolo di Call of Duty. All'interno, trovate anche l'intervista a Jay Puryear di Treyarch.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Call of Duty
 

Intervista

Ecco il resoconto della nostra intervista con Jay Puryear, Director of Brand Development presso Treyarch.

Gamemag: Avete parlato di elementi di gioco da RTS nel single player. Puoi scendere più nel dettaglio?

Jay Puryear: Quando parliamo di elementi RTS facciamo riferimento ai nuovi livelli di gioco Strike Force. Si tratta di livelli non-lineari per il single player in cui il giocatore può fallire o avere successo a seconda delle sue azioni. Dalla watch mode si può seguire tutta la battaglia, ma si può anche fare lo zoom fino a raggiungere il campo di battaglia. Il giocatore deve gestire le truppe e, in alcuni casi, può richiedere il supporto dei droni. Ci sono tre tipi di droni, con un effetto sempre diverso che il giocatore deve sperimentare per impiegare delle tattiche efficienti. Ad esempio, potrebbe essere necessario difendere un certo punto della mappa, e per far questo si possono impostare waypoint per le truppe in modo che raggiungano un'area particolare e la proteggano. Il giocatore ha rinnovata libertà nel controllo delle truppe, può usare i droni come supporto e seguire la battaglia in uno specifico punto. Si tratta di una modalità innovativa, unica per la serie Call of Duty. È diversa dai tradizionali RTS e non è basata su turni, ma è un'esperienza di gioco altrettanto profonda.

Gamemag: Come mai avete scelto lo scenario futuristico?

Jay Puryear: La scelta dello scenario dipende dalla storia che volevamo raccontare. Volevamo dare più spazio ad alcuni personaggi e allo stesso tempo conservare l'emozionalità tipica delle storie di Call of Duty.

Gamemag: Ci possiamo aspettare una longevità maggiore per la campagna single player rispetto agli ultimi capitoli di Call of Duty?

Jay Puryear: Credo che fondamentalmente dipenda dall'abilità di ogni singolo giocatore. La nuova campagna single player si differenzia da quelle del passato proprio per la presenza dei livelli Strike Force, che garantiscono la possibilità di rigiocare le stesse missioni con esiti sempre diversi. Questo renderà la nuova campagna molto innovativa e ci auguriamo che tutti i giocatori apprezzeranno i nostri sforzi per renderla più variegata e più lunga rispetto a quelle dei giochi precedenti.

Gamemag: I giocatori hardcore di Call of Duty cosa apprezzeranno maggiormente nel multiplayer di Black Ops II?

Jay Puryear: Ci sono molti nuovi elementi che potranno essere apprezzati dai giocatori hardcore. Come hai potuto vedere, la presentazione è stata molto lunga e articolata. Per me, tuttavia, la novità più interessante è il nuovo sistema Pick 10, dove il giocatore può stabilire il suo percorso dal punto di vista del loadout. Si può creare una classe stealth o diventare un heavy gunner perché il sistema offre un alto livello di flessibilità ai giocatori e la possibilità di esplicitare il loro stile di gioco.

Gamemag: Il sistema Create a Class che hai appena menzionato è un cambiamento radicale al DNA di Call of Duty. Come mai avete deciso di rischiare così tanto?

Jay Puryear: Si, è vero. Il team di sviluppo ha deciso di implementarlo fin dalla prima parte del percorso di progettazione di Black Ops II. Ha preso tutti gli elementi fondanti del multiplayer e si è chiesto il perché quegli elementi debbano essere interessanti per i giocatori. Per ogni aspetto più importante cosa si poteva migliorare? Dove si poteva innovare? Il sistema Create a Class si è rivelato un modo molto funzionale per mettere insieme tutte le idee che sono venute fuori in fase di progettazione. Grazie a questo nuovo sistema Call of Duty si può paragonare a un gioco da tavolo, in cui il giocatore deve ponderare ogni mossa e poi vedere le conseguenze una volta che si trova nel vivo dell'azione.

Gamemag: Avete mai pensato di introdurre dei veicoli pilotabili nel multiplayer di Call of Duty?

Jay Puryear: In passato abbiamo valutato la possibilità di inserire dei veicoli pilotabili, ma Black Ops non li aveva e non li avrà neanche Black Ops II. Vogliamo mantenere un approccio da shooter tradizionale, in cui si combatte a terra. Inserire i veicoli comporterebbe una rivalutazione degli equilibri di gioco, per cui è una possibilità che al momento non è prevista.

Gamemag: Call of Duty ha tantissimi fan in tutto il mondo, ma ha anche molti detrattori, che lo accusano di mancanza di novità e per l'uscita di anno in anno. Cosa possiamo dire loro?

Jay Puryear: Non credo che abbiamo qualcosa da rimproverarci se si guarda a tutto quello che il team di sviluppo ha fatto e al livello di dedizione che ha messo nel creare Call of Duty. Il nostro obiettivo è di migliorare costantemente il franchise e quest'anno possiamo dire di avere molte innovazioni come i livelli Strike Force nel single player, la nuova storia, il sistema Create a Class e i nuovi ScoreStreak. Tutte queste novità contribuiscono a offrire un gameplay multiplayer con un feeling unico per i giocatori. La modalità Zombies, inoltre, è completamente rivista, e la si può definire come un gioco a sé stante. Per noi il processo di individuazione delle novità da introdurre è molto importante e il nostro metoto di sviluppo è guidato dalla necessità di inserire delle novità. Credo che quest'anno abbiamo tre giochi in uno e una mole sterminata di contenuti sul disco, e ciò dimostra che siamo sempre concentrati sul migliorare progressivamente il franchise e sull'introduzione continua di novità.

Gamemag: È l'ultimo Call of Duty per l'attuale generazione?

Jay Puryear: Siamo unicamente concentrati sulla data del rilascio del 13 novembre di quest'anno. Non sono realmente nella posizione che mi consente di parlare delle console future. Posso dire che il team di sviluppo è fortemente impegnato per fare in modo che il 13 novembre sia in grado di rilasciare il miglior gioco possibile della serie Call of Duty.
13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JackZR12 Ottobre 2012, 20:44 #1
Celerium, Create a Class, Codcasting, Classi di prestigio, Zombies
A leggere i titoletti sembra più un RPG che un FPS!
KoDen7813 Ottobre 2012, 01:57 #2
Call of Duty è la serie che più in assoluto ha decretato il successo del modello dei giochi scatolati venduti a 60 euro.


Scritto così sembra quasi un merito...alla faccia dei tempi che corrono...
Freed13 Ottobre 2012, 02:12 #3
Originariamente inviato da: KoDen78
Scritto così sembra quasi un merito...alla faccia dei tempi che corrono...


Infatti..preso ai tempi il primo MW per console ..... due giorni dopo .... realizzai di aver speso una cifra assurda
Non che il gioco non fosse bello o non li valesse..allora era un titolone, ma nessun videogame vale 60 Euri..

Se posso permettermi..lasciateli sugli scaffali, non piratateli e gustateveli originali appena calano di prezzo..
fukka7513 Ottobre 2012, 09:28 #4
il che avverrà, approssimativamnte, fra due anni
gildo8813 Ottobre 2012, 12:06 #5
L'unica cosa che si salva di questo gioco, è la colonna sonora fatta da Trent Reznor... Per il resto esiste lo sciacquone...
Freed13 Ottobre 2012, 13:07 #6
Originariamente inviato da: fukka75
il che avverrà, approssimativamnte, fra due anni


Tanto tra due anni COD sarà ancora uguale se va avanti così...
puzarro13 Ottobre 2012, 13:10 #7
Sembra bello come sembrava bello MW3.
è ovvio che a loro interessa solo fare i soldi e riempiono la testa della gente di cavolate. Il mio clan, visto la grossissima delusione di MW3 stà cercando un alternativa a questo call of duty e se non la si trova si ritorna al MW1 che è l'unico che ha fatto veramente la storia. Server dedicati e ranked principalmente, mappe stupende come seconda cosa, e già queste due potrebbero bastare a spazzare via tutti gli altri "finti" cod che sono usciti dopo.
MW3 è solo un imbiancata a MW2 e questo black ops sarà solo un imbiancata al primo.
Consiglio13 Ottobre 2012, 22:55 #8
Questa volta non mi farò fregare come ho fatto negli ultimi 2 anni...
-Maxx-14 Ottobre 2012, 10:43 #9
Call of Duty ha tantissimi fan in tutto il mondo, ma ha anche molti detrattori, che lo accusano di mancanza di novità e per l'uscita di anno in anno.


Correggete detrattori con critici, non c'è nulla di diffamatorio nel descrivere una realtà autoevidente...

Originariamente inviato da: Consiglio
Questa volta non mi farò fregare come ho fatto negli ultimi 2 anni...


Io ho saltato MW3 e adesso sono sicuro che salterò anche quest'anno, vedo sempre la solita coltre di fumo del marketing sfumare i contorni e confondere le idee
Perseverance14 Ottobre 2012, 15:35 #10
Mah, io gioco sempre a UT che fà la barba a tutti sti giochi di oggi lo pagai 9€ e ci sono migliaia di mappe, addons, mod e chi più ne ha più ne metta. Il server te lo fai da te e serverizzi come vuoi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^