Marvel Heroes: intervista esclusiva all'autore di Diablo

Marvel Heroes: intervista esclusiva all'autore di Diablo

Abbiamo avuto modo di intervistare David Brevik, uno degli autori di videogiochi più celebri di sempre grazie, soprattutto, al fatto di essere stato il principale responsabile dei due primi Diablo. David ci ha parlato del suo nuovo interessante progetto, Marvel Heroes, che considera come un successore spirituale di "Diablo", ma è stata l'occasione anche per tornare su alcuni temi "caldi", come il litigio con Jay Wilson, game director di Diablo III.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Diablo
 

Il papà di Diablo

David Brevik è entrato nell'industria dei videogiochi circa 20 anni fa, dal momento in cui ha ricoperto la carica di Lead Technical Director presso Iguana Entertainment. Nel settembre 1993 ha poi fondato Condor, Inc., insieme a Erich Schaefer e Max Schaefer. Condor venne poi acquisita da Blizzard Entertainment nel giugno del 1996 e rinominata in Blizzard North, mentre David diventava Direttore di Blizzard Entertainment, oltre a rimanere Presidente di Blizzard North. Ha lavorato, pertanto, su diversi progetti di Blizzard, ma principalmente viene tutt'oggi riconosciuto come responsabile principale dei primi due capitoli di Diablo.

David Brevik

David Brevik, Presidente di Gazillion Entertainment

David è stato, infatti, Project Lead, Design Lead e Lead Programmer di Diablo e di Diablo II. Ha poi avuto un ruolo importante nella progettazione del servizio di online gaming di Blizzard, Battle.net, che è stato lanciato per la prima volta insieme proprio al Diablo originale. Quando lavorava sotto etichetta Condor, invece, David è stato responsabile di alcuni progetti di secondo piano come Justice League Task Force e Quarterback Club Football.

Dopo l'abbandono di Blizzard, David è co-fondatore di Flagship Studios nel 2003, società che è stata poi chiusa nel 2008 dopo l'insuccesso di Hellgate London. Nell'ottobre dello stesso anno David raggiungeva Turbine, Inc., per la quale ha lavorato come Direttore Creativo. Ma la sua nuova software house è Gazillion Entertainment, che ha sede a San Mateo, in California. L'obiettivo di Gazillion è specializzarsi nei MMO destinati ai giocatori di tutte le età.

Il primo progetto in assoluto della nuova società è Marvel Super Hero Squad Online, un MMO per i più giovani basato proprio sull'universo dei fumetti. Anche in questo caso si tratta di un free to play basato sulle micro-transazioni, entrato in beta nella parte conclusiva del 2011. Ma chiaramente il vero progetto AAA di Gazillion è l'action rpg con elementi da MMO che lo stesso Brevik sta dirigendo e del quale ci accingiamo a parlare.

Ambientato nel celebre Universo Marvel, Marvel Heroes combina il gameplay tipico degli MMO con la vasta gamma di eroi dell'Universo Marvel. Nel gioco, infatti, gli utenti potranno vestire i panni dei propri supereroi Marvel preferiti, tra cui Iron Man, Thor, Wolverine, Hulk, Spider-Man, Capitan America e molti altri ancora. Ai giocatori viene richiesto di formare una squadra di supereroi insieme ai loro amici e di impedire al Dottor Destino di distruggere il mondo utilizzando il potere del Cubo Cosmico.

In Marvel Heroes si combatte nelle strade devastate di Mutant Town e Fort Stryker, per sconfiggere Magneto. Ci saranno diverse location care ai fan dell'universo Marvel: ad esempio, il gioco inizia nella scuola del Professor Xavier per Giovani Dotati. Gazillion e Brevik parlano di estese opzioni di loot e di personalizzazione dei personaggi di Marvel Heroes.

"Vedo Marvel Heroes come una sorta di successore spirituale di Diablo", ci dice lo stesso David nell'intervista che trovate in versione completa in italiano e in inglese nelle prossime pagine. "Quindi si, lo si può chiamare dungeon crawler, ma ancora una volta devo ribadire che la nostra sensazione è che stiamo portando il genere a un nuovo livello. Questo gioco non sarebbe stato possibile senza ciò che abbiamo imparato da Diablo. Abbiamo catturato la vera soddisfazione che il gameplay di Diablo riusciva a dare ai giocatori e abbiamo perfezionato il nostro gioco al punto che sentiamo che l'esperienza sarà completamente gratificante minuto per minuto".

Marvel Heroes combina l'energia dei giochi di ruolo e d'azione alla vastità e al coinvolgimento degli MMO, con una storia scritta dal celebre autore di fumetti Brian Michael Bendis. Si tratta quindi di un videogioco che in qualche modo colma il vuoto lasciato da alcune lacune di Diablo III? Ecco come risponde Brevik a questa domanda: "Marvel Heroes è un gioco molto diverso da Diablo III in quasi ogni aspetto. Il gioco va innanzitutto affrontato diversamente perché si controllano supereroi, e non personaggi di fantasia. Il sistema di oggetti è differente perché non ha senso prendere spade e scudi in questa proprietà intellettuale. E un'altra cosa che differenzia i due giochi è che il nostro è un vero MMO. Spero che le persone apprezzino Marvel Heroes per quello che è, e non per altri motivi".

Nelle scorse settimane è esplosa la polemica tra Brevik e Jay Wilson, ovvero tra chi ha diretto Diablo 1 e 2 e chi ha diretto il terzo recente capitolo. Come abbiamo visto qui ci sono stati anche degli insulti, ma in seguito i due si sono chiariti e Wilson si è scusato. Ne abbiamo comunque approfittato per chiedere a Brevik un aggiornamento sulla questione, come potete leggere nell'ultima domanda dell'intervista.

 
^