F1 2012: è il momento della recensione

F1 2012: è il momento della recensione

F1 2012 è adesso disponibile e costituisce una consistente evoluzione rispetto al precedente capitolo in termini di simulazione dell'aderenza e di gestione della fisica. Codemasters, poi, inserisce tre nuove modalità, più 'arcade': Test per i Giovani Piloti, Modalità Campione e Sfida Campionato. Vediamo se il nuovo amalgama funziona.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Grafica

La versione PC di F1 2012 offre una grafica sensibilmente migliorata rispetto al gioco dello scorso anno. Ci sono nuove riflessioni, i modelli poligonali delle vetture estremamente rifiniti che riproducono perfettamente le livree dell'attuale stagione di Formula 1 e diversi elementi della monoposto sottoposti alle vibrazioni per il fatto di fendere l'aria a una velocità così alta. Inoltre, i circuiti offrono un impatto visivo migliore, sono corredati da un maggior numero di poligoni per quanto riguarda gli elementi a bordo pista come i palazzi e le tribune, mentre gli effetti di sporco, di luce e di superfici bagnate sono adesso più fedeli. Inoltre, su PC F1 2012 consente di giocare a 60 frame per secondo sulle configurazioni di ultima generazione.

Altro grosso passo avanti riguarda l'accumulo dell'acqua in condizioni di gara su bagnato. Sostanzialmente, con F1 2012 per la prima volta nella serie può capitare che un tratto del circuito risulti più bagnato di un altro, fino al limite massimo di affrontare una parte del giro sull'asciutto e l'altra sul bagnato. Chiaramente tutto questo è pensato per diversificare le strategie del pilota/giocatore, che viene chiamato a prendere in pochi istanti delle decisioni cruciali su quale treno di gomme utilizzare.

Se nel codice preview, in queste condizioni, alcuni circuiti presentavano delle texture imprecise al passaggio tra una parte della pista asciutta e una bagnata, la release definitiva offre delle texture di grande impatto visivo in qualsiasi situazione. L'asfalto è sempre credibile e offre delle riflessioni spettacolari nel caso sia intensamente bagnato.

Anche l'audio risulta notevolmente migliorato. Codemasters Bigmingham ha rivisto quasi interamente il suo database di suoni, campionando i rumori prodotti dai motori delle vetture di Formula 1 dalla realtà. L'effetto Doppler, ad esempio, è adesso applicato su un maggior numero di oggetti, mentre si può sentire il rumore dei motori delle altre vetture anche quando si trovano a grandi distanze rispetto alla posizione del veicolo del giocatore. Si ha insomma una rinnovata sensazione di essere all'interno di un autodromo popolato da vetture talmente performanti.

Quando si segue un'altra auto si può notare come il suono associato al fendere l'aria smetta di esserci nel momento in cui si entra nella sua scia. Ma ci sono nuovi suoni per quasi tutti i momenti delle gare virtuali con F1 2012, anche ad esempio in associazione ai cordoli. L'unica perplessità rimane il suono stridulo che si verifica quando il contagiri è a fondoscala: F1 2012 vuole in qualche modo notificare al giocatore che deve cambiare marcia, ma lo fa con un suono fastidioso e irrealistico.

Ovviamente tutto questo risulta meno evidente su console. Ci sono meno riflessioni, texture a risoluzione inferiore, frame rate a 30 fps invece che a 60, e un inferiore numero di effetti di vibrazione delle componenti più sollecitate dalla vettura. È interessante il confronto tra le due versioni console, visto che, come i predecessori, F1 2012 su Xbox 360 presenta un frame rate più consistente rispetto alla controparte PlayStation 3. In quest'ultimo caso, infatti, il gioco scende sovente sotto i 20 fps, attestandosi anche su 10 o 15 fotogrammi per secondo nelle situazioni più complesse (pensate a Montecarlo con la pioggia). Purtroppo Codemasters Birmingham non riesce ancora a ottimizzare a dovere F1 sulla console di Sony, per cui vi invito a considerare il nostro voto globale inferiore di mezza stellina qualora aveste intenzione di valutare l'acquisto di questa versione del gioco.

 
^