Armored Kill: le novità e la mappa più grande per Battlefield 3

Armored Kill: le novità e la mappa più grande per Battlefield 3

Lo abbiamo aspettato con ansia, sebbene faccia parte dei “cattivi”, in quanto DLC. Lasciamo da parte ogni commento al riguardo e godiamoci invece le caratteristiche che l'espansione ci propone. Per chi non segue assiduamente il mondo Battlefield, Amored Kill è la terza espansione della software house Dice per Battlefield 3.

di Gioacchino Visciola pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

Nuovi mezzi, nuove modalità, nuovi assignment

Siamo giunti al tanto atteso DLC Amored Kill da 3 GB, pensato principalmente per i “veri” Fan della serie: mappe enormi, quantità massiccia di mezzi e tante bandiere dove combattere. Prima di lui, hanno sfilato per Bf3 altre due espansioni, Back to Karkand e Close Quarter.

La prima è stata pensata per i nostalgici del passato, riproponendo mappe già viste in Battlefield 2. La seconda espansione si è posta l'ambizioso compito di attirare giocatori più interessati agli scontri di fanteria, piccoli spazi e veloci modalità, permettendo così un tipo di esperienza più consono al “gioca e fuggi”.

Mancano all'appello altri due contenuti, “Aftermath” e “End Game”. Per queste due espansioni tutto tace; le informazioni sono classificate e tenute in gran segreto nella sede di Dice.

Non mancano le consuete fantasie da bar: qualcuno parla di T-rex, mentre altri dicono che saranno introdotte le cavalcature; noi, dal canto nostro, non crediamo a queste baggianate. La realtà è che questi due pettegolezzi fanno parte di un’unica grande verità: i T-rex saranno cavalcabili.

Come Close Quarter, anche Armored Kill introduce una nuova modalità di gioco pensata esclusivamente per l'evento. Parliamo di “Superiorità Corazzata”, una variante a bandiera singola di Conquest e senza alcun mezzo al di fuori dei carri armati e dei caccia-carri.

Come Gun Master prima di lui, Tank Superiority è una modalità spensierata, creata principalmente come tregua dalle modalità più importanti di BF3: Conquest e Rush. Vuole divertire ed impegnare il giocatore in un pigia pigia di corazzati di tutti i tipi, con l'unico scopo di distruggere qualsiasi cosa si muova e di conquistare la bandiera in mezzo all'area di gioco.

Da amante delle battaglie tra carri, ho apprezzato l'aggiunta; ma non posso fare a meno di pensare a quelli che, al contrario di me, non amano il genere: la modalità può risultare frustrante e ripetitiva.

Nella modalità "superiorità corazzata" si fa sentire la mancanza di altri mezzi, quali Jeep e quad, questi introdotti proprio da Armored Kill. Permettere ai giocatori un approccio più veloce al gioco avrebbe sicuramente giovato, per non parlare della possibilità di far esplodere il proprio mezzo in pieno stile kamikaze; stile, che va ribadito, è presente sin dal primo capitolo della serie.

Oltre ai Quad, l'espansione aggiunge altri tre mezzi: il caccia carri, l'artiglieria mobile e l'Ac-130, nella variante “spectre” (in soldoni parliamo di un ac-130 con cannoni al lato, tutto qui).

Il caccia carri è un ibrido; unisce la mobilità degli IFV alla potenza di fuoco di un carro armato standard. E' lo strumento perfetto per attacchi veloci alle bandiere, o potenti raid alle posizioni del nemico. Gli sblocchi disponibili sono sostanzialmente quelli già visti in precedenza, con l'eccezione dei colpi ad alto potenziale, una variante efficace contro la fanteria.

Il terzo nuovo arrivato è sicuramente quello che più di tutti mi ha divertito: parlo dell'artiglieria mobile. Si tratta in sostanza di un camion, lento e goffo, capace di lanciare 6 razzi a distanze impressionanti. Il divertimento risiede nella difficoltà di centrare le basi gremite di nemici e di fare stragi, tentando in ogni modo possibile di sopravvivere.

Purtroppo i momenti in cui è possibile dilettarsi con l'artiglieria sono pochi; mi spiego meglio: la sua vulnerabilità e la sua imprecisione mal si sposano con un campo di battaglia ben posizionato su due fronti. Ci si ritroverà spesso a fuggire dai pericoli, più che sparare.

Al contrario, quando i due fronti non sono omogenei, ed un team prevale sull'altro, l'artiglieria mobile si dimostra un ulteriore peso da novanta ai danni dei più deboli. Avere una sola base su 7 è già di per sé stressante, aggiungete uno sbarramento di artiglieria e voilà, il “rage quit” è servito. Una cosa che non si capisce è la mancanza di tale distruttiva bellezza nella modalità “superiorità corazzata”.

Un artiglieria mobile o due per squadra e si potrebbero evitare spiacevoli episodi di “camper” con carro. Altra piccola pecca, che a mio avviso mina il divertimento di squadra, è l'impossibilità di poter stare in due sul veicolo: mentre uno guida, tentando di scampare alla morte, l'altro spara raffiche di preghiere e di missili, nel tentativo di scamparla. Quest'ultima scelta può essere comunque spiegata tramite la non sempre “giustizia” insita nei giocatori online. Farsi fregare il posto del tiratore mentre si muove il mezzo può essere un esperienza poco gradevole.

Piccolo consiglio per tutti gli amanti del veicolo: mirare con il reticolo di tiro simile ad un lancia granate non è proprio il massimo. Per fortuna Dice, sebbene non ce l'abbia detto, ha aggiunto una chicca interessante per capire come puntare al meglio. Dalla posizione dell'artigliere, aprite la mappa con M, e poi ingranditela con il tasto N, finché non avrete sotto i vostri occhi l'intera sezione di gioco. Provate a sparare dei colpi ed osservate poi la mini mappa: spunteranno dei “blip”. Questi cerchi vi diranno precisamente dove ogni colpo è caduto. Bell'idea Dice, ma perché non renderla un poco più “pubblica”?

 
^