I passi avanti di Fifa 13: la demo alla prova del campo

I passi avanti di Fifa 13: la demo alla prova del campo

Con Fifa 13, Electronic Arts ha svelato la precisa intenzione di mettere un freno a uno dei difetti storici della serie. E cioè la possibilità, per la squadra in possesso di palla, di proseguire l’azione con una serie di precisissimi e irrealistici passaggi di prima. Questa decisione, unita allo sviluppo già completato della Tactical Defending, è visibilmente indirizzata a rallentare i ritmi di gioco, perseguendo così un maggiore realismo. Il tutto esaltato e completato dalla necessaria implementazione e correzione dell’Impact Engine, in modo che Fifa abbia finalmente un motore fisico degno di questo nome.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
Electronic Arts
 

Aspettando il gioco completo

Come spesso accade, va detto, la demo di Fifa mette in mostra tutte le novità dell’anno leggermente ‘esasperate’ rispetto a quello che poi avverrà nella versione completa del gioco. Facile intuire perché.

Sta di fatto che, quando avremo Fifa 13 completo e disponibile, presumibilmente ci troveremo alle prese con un sistema di gioco un po’ meno ‘spinto’ e rinnovato. Ma comunque efficace.

Di per sé, Fifa 13 ha tutte le carte in regola per diventare una pietra miliare nello continuum della saga. Anche se qualcosa potrebbe essere già fatto, per migliorarlo. Ci sono ancora un po’ di rimpalli ‘pazzi’ evitabili, qualche caduta non proprio precisa, una velocità di gioco troppo alta e la presenza di un po’ troppi gol che arrivano dopo la respinta del portiere, perché la palla sembra ‘calamitata’ dall’attaccante, senza scampo per i difensori.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^