FarmVille 2: torna il Re del casual gaming

FarmVille 2: torna il Re del casual gaming

Tante novità per gli appasionati di gaming su social network, anzi un restyling pressoché totale rispetto al gioco originale. Le introduzioni più importanti? Localizzazione in 16 lingue, tra cui l'italiano, e nuova grafica tridimensionale. È subito giocabile.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Una fattoria più realistica

A tre anni dal lancio, FarmVille è uno dei giochi per utenza casual più popolari. Possiamo dire, sbilanciandoci un po', che è il gioco per Facebook per eccellenza, perché riesce sapientemente a cogliere l'animo da agricoltore che in fondo si trova in ciascuno di noi. Attualmente FarmVille conta oltre 3,2 milioni di giocatori attivi per ogni giorno: un numero sicuramente molto alto, ma che è circa un decimo rispetto al picco massimo toccato dal gestionale di Zynga.

La software house che ha creato un impero sul social gaming, lo sappiamo, è in grossa difficoltà. Negli ultimi mesi ha registrato un calo decisamente importante nei numeri, con sempre meno giocatori disposti a spendere tempo sui titoli "Ville" e a fare quegli acquisti in-app che hanno decretato il successo del produttore con sede a San Francisco. Una contrazione che ha portato a una serie di tensioni all'interno della società, che ha perso alcuni dei dirigenti di maggior spicco. La situazione ha generato una serie di polemiche (pare, ad esempio, che alcuni tra i principali executive abbiano venduto azioni Zynga proprio alla vigilia della pubblicazione di un criticissimo resoconto finanziario, e tra questi anche Mark Pincus, CEO e fondatore di Zynga). Le azioni Zynga sono scese addirittura fino a 3 dollari rispetto al valore iniziale di 10 dollari. In tutto questo, FarmVille 2 saprà invertire la rotta?

FarmVille, come dicevamo, è stato il primo social game a ottenere un successo così stratificato: finalmente la gente sapeva come spendere il proprio tempo su Facebook. Ma da quel momento né Zynga né gli altri produttori di casual game per Facebook sono riusciti a evolvere quella struttura di gioco, che era estremamente semplificata e non riusciva a coinvolgere il giocatore in un mondo che vivesse di vita propria. È per questo che con FarmVille 2 il principale obiettivo di Zynga è quello di stabilire i parametri fondanti del social gaming 2.0.

La prima cosa che risulterà evidente ai giocatori di FarmVille 2 è come il gioco sembri più ricco graficamente, principalmente grazie all'introduzione dei nuovi modelli poligonali in tre dimensioni. Sia i personaggi che le abitazioni, i veicoli e gli animali saranno, infatti, tridimensionali. Ognuno di questi elementi, inoltre, gode di animazioni proprie, studiate dagli artisti di Zynga in modo da renderli il più possibili "vivi" e capaci di stabilire una relazione empatica con i giocatori.

C'è una rinnovata vitalità ambientale, dunque, volta a creare un mondo maggiormente realistico, con un'atmosfera più profonda e in grado di offrire al giocatore sempre nuovi spunti per continuare a giocare. Per esempio si possono vedere i fili d'erba piegarsi al vento o gli animali dediti al pascolo. Zynga vuole offrire una maggiore immersione nell'universo bucolico che è protagonista di FarmVille: il giocatore deve avere liberamente la possibilità di estrinsecare la sua anima da agricoltore e farlo all'interno di un mondo credibile.

La fattoria diventa quindi un ecosistema che vive di regole proprie, in cui le azioni dei giocatori, e l'aiuto che riceve dai suoi amici, producono effettivamente delle conseguenze. Tutte queste caratteristiche sono state presentate attraverso un evento via web da Tim LeTourneau, vice-presidente della divisione Giochi di Zynga, e da Wright Bagwell, direttore del design di FarmVille 2.

 
^