ShootMania Storm: degno erede della generazione Unreal?

ShootMania Storm: degno erede della generazione Unreal?

Nadeo torna in pista con un Fps vecchia scuola, replicando i fondamentali del successo ottenuto su quattro ruote: divertente, per tutti e competitivo. La domanda vien da sé: che sia giunto il tanto atteso schiaffo morale ai big degli sparatutto?

di Gioacchino Visciola pubblicato il nel canale Videogames
 

Un perk per ghermirli e nel respawn incatenarli

Puristi del genere e inquisitori del “quakesimo”, bentornati. Come probabilmente molti di voi già hanno intuito, Nadeo ha deciso di ritornare al “frag” violento e cavalleresco di un tempo, dove bonus e perk di sorta non esistevano; solo e soltanto bravura, con l'immancabile pizzico di fortuna.

La presa di posizione della Software house non è tanto dolce: suona più come un dictat, un richiamo. E forse è un bene, visti i cali di popolarità degli FPS nel campo degli eSport.

Questo gioco non riporta il marchio di “Alta digeribilità”, ve lo assicuro: scendendo in campo per la prima volta si ha la netta sensazione di trovarsi al macello; ed indovinate un po' chi fa la parte del montone? Si, esatto, avete capito.

Ma è anche tremendamente divertente. Lasciata alle spalle la base amica, ci ritroveremo in un “mondo perduto”, dove statistiche e fisica poco hanno da metterci mano. I primi salti incerti, incastrarsi negli angoli e venir brutalmente uccisi; l'impossibilità di cambiare armi e la bellezza di planare sul nemico, che gioia!

Il timore iniziale nell'uscire allo scoperto viene presto meno, e la malsana idea di voler “rinascere” per ributtarsi nella mischia sarà una costante durante tutte le partite. Il nostro Team ha bisogno di noi, e se pur non fosse il caso, la voglia di tornare a saltellare è pressante.

E Nadeo ha pensato proprio a tutto, anche al giocatore inesperto ed alla sua difficoltà nell'abituarsi ai controlli, spesso amletici. Quattro tasti di movimento, WASD, clic sinistro per sparare e clic destro per saltare. Basta. Nessun cambio d'arma, nessun tasto di copertura o di ordini. Voi, la vostra arma ed il vostro punteggio a qualificarvi.

L'impostazione di gioco spartana non deve trarre in inganno: la semplicità è troppo spesso scambiata per inconsistenza, e non è questo il caso. Il gameplay è profondo e vi spronerà in tutti i modi a cercare tattiche ben congegnate per sopravvivere il più a lungo possibile. Abbiniamo questa scelta alle modalità multiplayer offerte, ed avremmo un campo di gioco dove disputare sia partite amichevoli, sia competitive.

 
^