Transformers La Caduta di Cybertron recensione, l'apoteosi di metallo giunge al termine

Transformers La Caduta di Cybertron recensione, l'apoteosi di metallo giunge al termine

Abbiamo provato le componenti single player e multiplayer della versione Xbox 360 di Transformers La Caduta di Cybertron, il nuovo sparatutto tattico di High Moon Studios. Rimossa la campagna co-operativa in favore di maggiore varietà e innovazione nel gameplay. Avrà funzionato?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

La conquista è costituita dai resti del nemico (ovvero Teletraan)

Il Teletraan è il nome del supercomputer dell'Ark, e funge da centro di controllo e diagnostico dell'intero sistema. È un sistema di sorveglianza che funziona attraverso il controllo del satellite spia Sky, oltre a essere un enorme database per gli Autobot. In La Caduta di Cybertron corrisponde a terminali attraverso i quali si possono potenziare le armi e le abilità dei Transformer.

Come è possibile potenziare le armi se si cambia protagonista per ogni capitolo del gioco? Semplice: se si migliora un'arma con un personaggio, questa passerà, nella forma potenziata, sui robot protagonisti nelle missioni successive. Il giocatore quindi compie delle scelte in base al suo stile di gioco, che si riflettono sul gameplay anche se si cambia personaggio.

Nel Teletraan ci sono cinque categorie principali: armi primarie, armi pesanti, assalto t.e.c.h., utilità t.e.c.h., bonus. Si può passare da arma primaria ad arma pesante in qualsiasi momento premendo il tasto Y. Nel terminale, inoltre, entrambi i tipi di arma possono essere potenziati; mentre continua a essere possibile scegliere quale arma equipaggiare tra quelle sbloccate per ciascuna delle due categorie.

L'evoluzione dei dispositivi presenti nelle varie categorie è regolata dal denaro che si raccoglie nel corso delle missioni. Da questo punto di vista CdC sembra quasi un gioco di ruolo, visto che si raccoglie denaro con l'uccisione dei nemici. Più creatività si dimostra nelle uccisioni e più denaro si ottiene. Ad esempio, utilizzare le abilità speciali e realizzare colpi alla testa comporta un drop maggiore di denaro da parte dei nemici. Altro denaro può essere trovato scoprendo i luoghi nascosti o ispezionando le casse disseminate nei livelli di gioco.

Tornando alle sezioni, assalto e utilità t.e.c.h. permettono di acquistare dei potenziamenti momentanei rispettivamente per le fasi di attacco o di difesa. In assalto troviamo un drone che, gestito dall'intelligenza artificiale, fornisce potenza di fuoco supplementare. C'è poi lo spettacolare eliminatore dimensionale che, all'interno di un colorato e devastante vortice dimensionale, attira e annienta tutte le unità del nemico che si trovano nei paraggi. Le utilità t.e.c.h. danno la possibilità di ripristinare le risorse vitali o di ridurre le tempistiche di rigenerazione della disponibilità delle abilità speciali.

La sezione bonus invece è la più ruolistica, visto che consente di sbloccare alcune abilità passive dei Transformer, conferendo loro maggiori capacità di resistenza, di attacco o velocizzando la rigenerazione dei poteri.

Nel corso dell'avventura si raccolgono, poi, nuove armi che vengono così inserite nel database Teletraan. Per concludere il discorso relativo al single player, diciamo dunque che si rivela interessante soprattutto per l'alternanza dei Transformer controllati, ognuno di loro dotato di animazioni specifiche e di un tipo di reattività unico. Optimus Prime, ad esempio, sarà più restio a reagire alle sollecitazioni del giocatore rispetto a Cliffjumper, ma sprigionerà sul campo di battaglia una maggiore potenza di fuoco. Anche sull'intelligenza artificiale High Moon ha fatto un buon lavoro, visto che ha aggiunto più script, aiutata da una struttura della campagna più rigida, e più comportamenti dinamici, soprattutto per quanto concerne la capacità di aiutarsi tra di loro propria dei soldati nemici.

 
^