A chi interessa la psicologia di Lara Croft?

A chi interessa la psicologia di Lara Croft?

Il nuovo Tomb Raider, la cui uscita è prevista nel mese di marzo 2013, induce a una serie di riflessioni sui cambiamenti occorsi al media videoludico negli ultimi anni. È più vicino a Heavy Rain che ai vecchi Tomb Raider. Dobbiamo definitivamente rinunciare alla sfida?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Nel Natale del 1996 Tomb Raider cambiò la storia dei videogiochi. Ampi e complessi livelli di gioco, avanzate meccaniche da platforming, enigmi, congegni geniali e un personaggio iconico destarono le attenzioni dei videogiocatori. Lara Croft era un personaggio semplice, costruito soprattutto intorno alla sua avvenenza, ma probabilmente era il primo personaggio femminile del mondo dei videogiochi in grado di assurgere a icona.

Tomb Raider

Lara era, però, vuota, irrealistica. Solo un ammasso di poligoni che andava in giro per i livelli di gioco: non aveva, sostanzialmente, neanche un volto, visto che quest'ultimo si componeva di qualche linea e texture estremamente stilizzate. Di Motion Capture, ancora, non c'era neanche l'ombra. Gli sviluppatori si concentravano invece sul gameplay, sugli enigmi, sui modi per mettere il giocatore in difficoltà. Quei Tomb Raider, era questo il risultato, erano terribilmente difficili per il giocatore medio.

Tomb Raider

Difficili sia per gli enigmi e per i congegni da sbloccare, difficili perché per ogni boss (chi potrà mai dimenticare quell'enorme T-Rex del primo Tomb Raider?) andava affrontato in maniera diversa, e difficili perché il sistema di controllo era perlomeno approssimativo. Il numero di animazioni di quella Lara è risibile rispetto a quelle di un qualsiasi action in terza persona moderno. Se si rigiocano i vecchi Tomb Raider oggi si sente subito la mancanza di un qualcosa tra l'input e la reazione del personaggio su schermo: insomma c'era una reattività diversa, al punto che quei Tomb Raider, per la maggior parte dei giocatori di oggi, sono al limite dell'ingiocabile.

Certo tutto questo rendeva le cose particolarmente difficili: bisognava ponderare i salti al centimetro, trovare le strade giuste e più abbordabili per proseguire e fare i conti con la latenza di Lara a reagire al controllo. La Venezia di Tomb Raider 2 è un altro lampante esempio di quanto potesse essere ostico quel sistema di controllo che, per altri versi, ha comunque segnato un'epoca.

Come abbiamo visto nella preview di Tomb Raider, quello che uscirà il 5 marzo 2013, tutto questo è andato quasi completamente perduto. Lo sviluppatore, adesso Crystal Dynamics allora Core Design, non intende più puntare sulla sfida, ma vuole creare una sorta di incrocio tra film e videogioco tutto imperniato sulla nuova personalità di Lara Croft. Ne abbiamo già parlato: il personaggio protagonista non è più vuoto, non ha più uno sguardo che non trasmette emozioni, anzi è realistico, ha una psicologia.

Tomb Raider

Il nuovo Tomb Raider è pensato per trasmettere al giocatore le emozioni di Lara Croft man mano che prosegue la sua avventura, che è molto più varia rispetto a quei Tomb Raider del passato principalmente perché è pre-determinata dagli sviluppatori. Certo qualche punto (perlomeno della parte che abbiamo avuto di provare finora) ricorda gli elementi ostici del passato, ma si tratta più che altro di citazioni. In alcuni passaggi bisogna effettivamente interpretare il livello di gioco, ma il tutto è estremamente elementare.

Lara Croft diventa un personaggio di spessore: è sostanzialmente una ragazza sempre determinata a risolvere il mistero, e in questo possiamo dire che ricorda la "vuota" Lara Croft. Ma è una ragazza che, ancora alle prime armi, soffre moltissimo: da una parte vuole ossessivamente proseguire, non si arrende, dall'altra è una ragazza normale, con i suoi limiti e le sue debolezze. Da questo punto di vista il nuovo Tomb Raider è un videogioco molto più maturo rispetto a quelli del passato.

In ogni momento del nuovo Tomb Raider il giocatore segue la sofferenza suprema a cui è sottoposta la nuova Lara Croft. Il gioco deve andare avanti, lo spettacolo per chi interagisce non può avere termine, ma è un'avventura che prosegue tra mille difficoltà, mentre una ragazza normale cerca di diventare il mito, la "tomb raider" che i giocatori conoscono. Irraggiungibile, per certi versi, perfetta per altri perché senza sentimenti.

Ne abbiamo parlato tante volte: anche Tomb Raider segue il percorso ormai abituale dei videogiochi di oggi, ovvero sempre meno competizione e sempre più profondità nei contenuti. Per i vecchi Tomb Raider non c'era uno studio sul personaggio, se non sulle sue curve, mentre adesso si guarda anche alla psicologia e si cerca di fare in modo che la storia si amalgami bene con questo studio emozionale sullo stesso personaggio.

I videogiochi intesi come sfida e i videogiochi intesi come emozioni sono due media sostanzialmente diversi, al punto da potersi considerare come prodotti facenti parte di settori distinti. La competizione nei videogiochi, così come in tutte le aree, viene regolata da una parte del cervello diversa rispetto a quella che gestisce le emozioni: si tratta, insomma, di esperienze diverse, che l'utente si accolla per perseguire due tipi di piacere che non sono correlati. Gli sviluppatori del Tomb Raider di oggi, in definitiva, si rivolgono a un pubblico diverso rispetto a quello del passato.

L'intromissione della componente cinematografica, e il ruolo quasi predominante che si sono ritagliate le sequenze di intermezzo, oltretutto portano a una netta dicotomia tra quello che è il personaggio nelle fasi di narrazione e il personaggio del gameplay vero e proprio. Questo ragionamento riguarda anche Tomb Raider, ma voglio prendere ad esempio piuttosto i giochi della serie Uncharted, perché tale dicotomia in questo caso è esaltata ai massimi livelli. In Uncharted, che come noto condivide diverse caratteristiche con Tomb Raider, nelle sequenze di narrazione Nathan Drake è una persona posata, è un ragionatore portato molto spesso a fermarsi, guardarsi indietro, analizzare gli indizi, formulare complessi percorsi di indagine storica.

Ma, una volta terminata la sequenza di narrazione, ecco che Drake si trasforma improvvisamente e illogicamente in una spietata macchina da morte. Impugna il suo fucile e inizia a sterminare eserciti di soldati. A parte che nessuna potenza occulta potrebbe schierare un esercito di soldati solamente per ricercare qualche tesoro del passato sparso per il mondo, il profilo psicologico di Drake nella parte della narrazione e quello della parte videoludica non coincidono. Il giocatore che sta attento a questi dettagli, insomma, si ritrova con due personaggi diversi, che non hanno tra di loro nessun punto di contatto se non dal punto di vista estetico. Trovare gli equilibri nel momento in cui il media videoludico sta compiendo un evidente passaggio verso il mondo della cinematografia non è facile, e probabilmente a oggi nessun autore di videogiochi è riuscito nell'impresa.

Certo, come capita sempre più spesso nel mondo dei videogiochi, chi non apprezza questo passaggio si farà sentire a gran voce e pretenderà un certo livello di difficoltà anche nei giochi nuovi. Ma chi ha apprezzato Heavy Rain difficilmente non potrà non essere affascinato da questa nuova mistura proposta da Tomb Raider, dove la storia e la psicologia si mischiano all'interazione, seppure limitata, concessa al giocatore.

Insomma, se la ricerca della profondità psicologica dei personaggi porta a una cinematograficità di maggiore qualità all'interno del videogioco, se finalmente si può assistere a delle storie effettivamente coinvolgenti e se finalmente ogni momento del gioco è pregno di significato, allora posso dire che "sì, a me interessa la psicologia di Lara Croft!"

  • Articoli Correlati
  • Hands-on Tomb Raider: Lara Croft stavolta ha una psicologia Hands-on Tomb Raider: Lara Croft stavolta ha una psicologia Abbiamo avuto modo di provare per la prima volta in maniera diretta il nuovo Tomb Raider. Il gioco è molto diverso rispetto al passato, perdendo il sostenuto livello di difficoltà tipico della serie. Ma si tratta di un'avventura coinvolgente e cinematografica, con un motore grafico decisamente all'avanguardia.
25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mirkonorroz03 Agosto 2012, 11:22 #1
A me invece non interessa la psicologia di Lara Croft spiegata magari nei minimi dettagli da se' stessa o da altri o dai versi, gli ansimi esagerati o le urla che ella fa, specialmente se come risultalto non abbiamo piu' un gioco ma un film spacciato per gioco. Se e' un film interattivo basta dirlo. Se e' un videogioco deve esserci sfida e tanto gameplay.
Ovviamente si potrebbero avere entrambe le cose e addirittura senza tante cutscenes ma chissa' come mai nessuno segue questa strada.
Lara Croft proprio perche' incognita, ma non meno carismatica, imho, almeno lasciava spazio all'immaginazione personale e quindi ognuno la modellava un po' a modo suo, sempre con una base comune; quando un personaggio e' delineato nei minimi particolari ma e' condiviso, imho, perde di fascino, non lo senti piu' tuo, questo anche perche' in teoria sei tu che lo comandi giocando e non devi subirlo.
hexaae03 Agosto 2012, 11:30 #2
Sentite... piantiamola con questo qualunquismo post-moderno dove tutto ciò che è nuovo va comunque bene, è più bello, è "diversamente nuovo" ma è lo stesso validissimo etc. etc.

Questi sono video-giochi.
Spendere 50€+ per un film (poco) interattivo fa tornare in mente i vecchi laser-disc di Space Ace e Dragon's Lair etc. (e infatti 20 anni fa sono nati i "quick time event" ) è il format ideale per vendere (accessibile a tutti: basta guardarlo e fare 2 cosette facili, una volta finito è inutile ricominciare e aspetti il prossimo acquisto con sommo gaudio della software house. Consumismo docet.) ed il peggiore per chi vuole GIOCARE, ragionare, e divertirsi con un video game, non solo guardarlo.

Peccato che il prossimo TR non sia un vg.
Vedrò forse il film al cinema...
Opossum2703 Agosto 2012, 12:03 #3
scusate, ma sarebbe Tomb Raider, e da un titolo del genere mi aspetto (come dice il nome) una tizia che non ha paura di morire e va in giro per trenta o quaranta dungeons al dì.

ora vorrei tanto sapere dove sono finite le tombe che ci propinavano 15 anni fa.

magari hanno seguito il gameplay.
mirkonorroz03 Agosto 2012, 12:04 #4
Originariamente inviato da: hexaae
Sentite... piantiamola con questo qualunquismo post-moderno dove tutto ciò che è nuovo va comunque bene, è più bello, è "diversamente nuovo" ma è lo stesso validissimo etc. etc.

Questi sono video-giochi.
Spendere 50€+ per un film (poco) interattivo fa tornare in mente i vecchi laser-disc di Space Ace e Dragon's Lair etc. (e infatti 20 anni fa sono nati i "quick time event" ) è il format ideale per vendere (accessibile a tutti: basta guardarlo e fare 2 cosette facili, una volta finito è inutile ricominciare e aspetti il prossimo acquisto con sommo gaudio della software house. Consumismo docet.) ed il peggiore per chi vuole GIOCARE, ragionare, e divertirsi con un video game, non solo guardarlo.

Peccato che il prossimo TR non sia un vg.
Vedrò forse il film al cinema...


Straquoto
bobby1003 Agosto 2012, 12:44 #5
"Lara era, però, vuota, irrealistica. Solo un ammasso di poligoni che andava in giro per i livelli di gioco: non aveva, sostanzialmente, neanche un volto, visto che quest'ultimo si componeva di qualche linea e texture estremamente stilizzate. Di Motion Capture, ancora, non c'era neanche l'ombra"

"...quei Tomb Raider, per la maggior parte dei giocatori di oggi, sono al limite dell'ingiocabile."

Ebene quelli erano i veri Tomb Raider, quelli che preferisco io e che ci hanno fatto innamorare...quella Lara vuota ed irrealistica.

Ho letto solo la parte dell'articolo riferita al passato di Lara l'altra metà l'ho lasciata tanto saranno le solite chiacchiere sul nuovo gioco che in realtà non ha nulla di speciale da offrire.

Ovviamente prenderò anche questo nuovo capitolo soprattutto per affezione.
bobby1003 Agosto 2012, 12:45 #6
Originariamente inviato da: hexaae
Sentite... piantiamola con questo qualunquismo post-moderno dove tutto ciò che è nuovo va comunque bene, è più bello, è "diversamente nuovo" ma è lo stesso validissimo etc. etc.

Questi sono video-giochi.
Spendere 50€+ per un film (poco) interattivo fa tornare in mente i vecchi laser-disc di Space Ace e Dragon's Lair etc. (e infatti 20 anni fa sono nati i "quick time event" ) è il format ideale per vendere (accessibile a tutti: basta guardarlo e fare 2 cosette facili, una volta finito è inutile ricominciare e aspetti il prossimo acquisto con sommo gaudio della software house. Consumismo docet.) ed il peggiore per chi vuole GIOCARE, ragionare, e divertirsi con un video game, non solo guardarlo.

Peccato che il prossimo TR non sia un vg.
Vedrò forse il film al cinema...


Bravo

Dai speriamo che sia un videogioco io lo attendo con impazienza.
V3N0M7703 Agosto 2012, 13:32 #7
onestamente di psicologia femminile ne ho già piene le cuffie nella vita, figuriamoci riproposta in chiave spigoliforme nel videogioco
no, per carità..voglio solo giocare.
Phoenix Fire03 Agosto 2012, 14:11 #8
Originariamente inviato da: mirkonorroz
A me invece non interessa la psicologia di Lara Croft spiegata magari nei minimi dettagli da se' stessa o da altri o dai versi, gli ansimi esagerati o le urla che ella fa, specialmente se come risultalto non abbiamo piu' un gioco ma un film spacciato per gioco. Se e' un film interattivo basta dirlo. Se e' un videogioco deve esserci sfida e tanto gameplay.
Ovviamente si potrebbero avere entrambe le cose e addirittura senza tante cutscenes ma chissa' come mai nessuno segue questa strada.
Lara Croft proprio perche' incognita, ma non meno carismatica, imho, almeno lasciava spazio all'immaginazione personale e quindi ognuno la modellava un po' a modo suo, sempre con una base comune; quando un personaggio e' delineato nei minimi particolari ma e' condiviso, imho, perde di fascino, non lo senti piu' tuo, questo anche perche' in teoria sei tu che lo comandi giocando e non devi subirlo.


Originariamente inviato da: hexaae
Sentite... piantiamola con questo qualunquismo post-moderno dove tutto ciò che è nuovo va comunque bene, è più bello, è "diversamente nuovo" ma è lo stesso validissimo etc. etc.

Questi sono video-giochi.
Spendere 50€+ per un film (poco) interattivo fa tornare in mente i vecchi laser-disc di Space Ace e Dragon's Lair etc. (e infatti 20 anni fa sono nati i "quick time event" ) è il format ideale per vendere (accessibile a tutti: basta guardarlo e fare 2 cosette facili, una volta finito è inutile ricominciare e aspetti il prossimo acquisto con sommo gaudio della software house. Consumismo docet.) ed il peggiore per chi vuole GIOCARE, ragionare, e divertirsi con un video game, non solo guardarlo.

Peccato che il prossimo TR non sia un vg.
Vedrò forse il film al cinema...


92 minuti di applausi. Io capisco il dover innovare per sperimentare nuove strade, ma perchè per farlo devi sfruttare una PI già esistente, distruggendola totalmente, e non con una nuova? Non potevano fare Bomb Caider per dire? tanto se Lara è sempre stata "vuota" può benissimo essere tutta un altra persona adesso, il gioco mica cambia
Baboo8503 Agosto 2012, 16:50 #9
Il vecchio Tomb Raider (fino al 3) erano TETTE e livelli immensi in cui ci si perdeva.

Pian piano le tette sono diventate piu' definite e i livelli e la longevita' si riduceva sempre di piu' fino a diventare una storia lineare di 5 ore (il Legend l'ho finito in 5 ore e le uniche cose che mi ricordo sono queste:

http://imageshack.us/f/245/ilaracrofttombraiderleg.jpg/

http://xbox360media.ign.com/xbox360...4931931-000.jpg

mentre di tomb raider 3 mi ricordo i livelli infiniti, la difficolta' nell'andare avanti e scervellarsi, ragionare e ripercorrere certe zone per trovare una via d'uscita, le leve da tirare, i segreti nascosti ovunque e questo http://www.otakusphere.com/wp-conte...2011/01/LV4.jpg



Ora, questo nuovo gioco di Lara Croft mette da parte un po' di tette, evidenzia la gnoccheria del personaggio e rende la storia un film perfetto da vedere al cinema, come ultimamente sono diventati molti videogiochi. Bella storia ma lineare come quella di un film e che dura altrettanto.

Fine. Non mi sembra ci sia altro.

"Psicologia"... Ma per favore...

Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Ampi e complessi livelli di gioco, avanzate meccaniche da platforming, enigmi, congegni geniali e un personaggio iconico destarono le attenzioni dei videogiocatori. Lara Croft era un personaggio semplice, costruito soprattutto intorno alla sua avvenenza, ma probabilmente era il primo personaggio femminile del mondo dei videogiochi in grado di assurgere a icona.

Gli sviluppatori si concentravano invece sul gameplay, sugli enigmi, sui modi per mettere il giocatore in difficoltà. Quei Tomb Raider, era questo il risultato, erano terribilmente difficili per il giocatore medio.

Difficili sia per gli enigmi e per i congegni da sbloccare, difficili perché per ogni boss (chi potrà mai dimenticare quell'enorme T-Rex del primo Tomb Raider?) andava affrontato in maniera diversa

Certo tutto questo rendeva le cose particolarmente difficili: bisognava ponderare i salti al centimetro, trovare le strade giuste e più abbordabili per proseguire


Cazzo questo era Tomb Raider, i giorni per superare certi livelli, cercando nelle riviste le soluzioni per superare certe parti, se proprio non ce la si faceva.

Ma come mai Tomb Raider aveva fatto cosi' tanto successo, mah! Chissa' come mai.

Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
quei Tomb Raider, per la maggior parte dei giocatori di oggi, sono al limite dell'ingiocabile.


Appunto. Ma qui non darei molto la colpa ai giocatori di oggi, piuttosto ai videogiochi di oggi, che sono delle schifezze lineari talmente facili ad fare da mettersi a ridere e finirli con una mano sola, ascoltando la musica e guardando la tv (e non sto scherzando, Diablo 3, che ho abbandonato subito, ero arrivato a questa situazione).




Stavamo giusto parlando oggi io e altri 2 amici come Future Soldier fosse ridicolo e che quando io e un amico abbiamo sfasato, invece di stare nascosti e fare le cose per bene e con calma, ci siamo messi a correre a sgozzare e uccidere gente e il gioco si comportava in modo ridicolo e volendo potevamo continuare cosi' perche' sminchiavamo tutti gli script fissi che ci sono, mentre una volta nonostante l'IA fosse meno intelligente (oddio... per molti aspetti mica tanto) il gioco era comunque molto piu' complesso, si moriva spesso e bisognava inventarsi modi per superare quella parte che sembrava impossibile...


EDIT: gli sviluppatori devono mettersi in testa che un gioco NON E' BELLO DA VEDERE MA E' BELLO DA GIOCARE. Via tutte le cose inutili come lunghi discorsi, inutili lati psicologici dei personaggi, storie amorose (Mass Effect per esempio) e soprattutto VIA GLI SCRIPT.

Metteteci livelli assurdi, con modi per superarli che mai uno possa pensare e soprattutto NIENTE OVVI SUGGERIMENTI come UNA finestra sola aperta in una casa chiusa. Fatemi uscire dal camino o fatemi accendere il gas in cucina per svariati minuti per poi lanciare dentro un accendino e far saltare il muro per farmi uscire...
Mostri/nemici differenti, che devono essere sconfitti in modi differenti e senza mettere sotto il naso i comandi dell'elettrocalamita (magari col suggerimento dell'obiettivo da fare) per rendere inoffensivo il robot.

Sono queste le cose che rendono ridicoli i giochi di oggi, la facilita' estrema e le ovvieta' che permettono di andare avanti...
Phoenix Fire03 Agosto 2012, 17:10 #10
@baboo85
aspetta uno può anche apprezzare giochi con i personaggi ben caratterizzati anche dal punto di vista psicologico (gdr, do you know?) ma sono appunto un altro genere di giochi e non Tomb Raider che, come tu hai ben evidenziato, è un insieme di tette e bestemmie

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^