Tales of Graces f per chi ama i giochi di ruolo orientali

Tales of Graces f per chi ama i giochi di ruolo orientali

Namco Bandai ha organizzato un evento di presentazione per il prossimo capitolo della serie Tales of che sbarcherà in Italia a fine agosto. Tra una serie infinita di sigle che contraddistinguono le varie caratteritiche del sistema di combattimento, vediamo quali sono le peculiarità di questo gioco uscito già su Nintendo Wii. Namco ha poi annunciato che Tales of Xillia arriverà in Europa nel 2013.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Nintendo
 

100 ore di gameplay

Il team di sviluppo di Tales of vuole creare un gioco di ruolo molto longevo e rigiocabile. Ha pertanto inserito tutta una serie di accorgimenti e di feature volte a spingere la longevità fino alle 100 ore. Innanzitutto, abbiamo arti e abilità differenti per ciascun personaggio. Inoltre, durante il pellegrinare per i livelli di gioco si incontrano tanti personaggi che avanzano delle richieste di aiuto. Portare a termine queste missioni secondarie consente di ottenere delle ricompense specifiche.

Il giocatore può poi creare nuovi oggetti o armi combinando gli oggetti che già possiede. E poi i dungeon vengono generati randomicamente, in modo da fornire avventure sempre uniche e migliorare la varietà.

Namco Bandai non si sottrarrà alla legge dei DLC e rilascerà quindi contenuti di espansione con nuovi personaggi e nuovi costumi che introdurranno modifiche estetiche anche per gli attachment che possono essere aggiunti ai costumi stessi.

Il produttore nipponico ha poi pensato a un'offerta esclusiva per il lancio europeo di Tales of Graces f con un'edizione da collezione che include il video del making of, la colonna sonora, l'art book, un DLC che contiene un set di costumi inediti ispirati da Tales of Destiny 2 e temi esclusivi per PS3. Il tutto racchiuso all'interno di un elegante confezione.

Tales of Graces f è quindi un gioco di ruolo consigliato a chi ama la grafica e il modo di raccontare orientale. Costituisce un miglioramento per la serie soprattutto dal punto di vista del sistema di combattimento, visto che il nuovo SS-LMBS consente di avere maggiore velocità e ritmi più incalzanti. Lo stile visivo, a tratti poetico, e la grazia e la simpatia dei personaggi sicuramente faranno la felicità degli appassionati di questo modo di raccontare le storie. L'unica perplessità rimane legata al fatto che si tratta di un progetto datato, uscito in Giappone per la prima volta nel 2009, e che quindi presenta un comparto tecnico non al passo con i tempi.

Siamo di fronte a un jrpg vero, che offre un'enorme profondità sia in termini di longevità che di possibilità tattiche. Ogni combattimento va affrontando schierando la combinazione di personaggi migliore configurati nel modo opportuno. Inoltre, i giocatori hanno l'opportunità di esplorare un enorme mondo di gioco, di dialogare con personaggi secondari e di trovare oggetti rari, all'interno di un'avventura che, come abbiamo detto, può durare anche 100 ore.

PlayStation 3 si conferma la piattaforma regina per i jrpg. Tales of Graces f, infatti, uscirà il 30 agosto solo nel formato Sony.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AleK11 Luglio 2012, 17:40 #1
Se solo si decidessero a fare prodotti meno orientali, credo che questo tipo di giochi potrebbero avere una grande diffusione un pò ovunque.
Phoenix Fire12 Luglio 2012, 08:52 #2
se solo li facessero multipiattaforma (e magari anche per PC)

Se li facessero meno orientali sarebbero un altro genere, è un pò come chiedere a COD di essere un pò meno di guerra
AleK12 Luglio 2012, 15:50 #3
Originariamente inviato da: Phoenix Fire
Se li facessero meno orientali sarebbero un altro genere, è un pò come chiedere a COD di essere un pò meno di guerra




Pensavo si capisse ma ora corredo meglio. Mi riferisco alla struttura di gioco, chiaramente. Cambiando lo stile grafico lo stile di gioco non cambia. Non si tratta quindi "di essere un pò meno guerra". Si tratta appena di essere un pò meno japan. A me personalmente gli intermezzi con i disegni manga non mi attirano, mi sembrano tutti uguali. E' solo una questione di gusti, senza offesa per gli appassionati. Per farti un esempio di un'ambientazione occidentale, i nostri eroi potrebbero essere in un ipotetico medioevo, dove appunto si possono utilizzare armi bianche e incantesimi da mago o stregone. E invece che combattere alberi di mele o funghi giganti che fa molto japan, potrebbero esserci creature mitiche. Insomma una trasposizione che possa risultare ammiccante anche per chi non ama i cartoni animati giapponesi. Non mi sembra certo una cosa impossibile da realizzare. Che poi non lo vogliono fare perchè in qualche modo riescono ad esportare la loro cultura manga all'estero è altra cosa. Ma personalmente, sin quando saranno confezionati in questo modo, non mi invoglieranno all'acquisto.
X-Kenny12 Luglio 2012, 19:17 #4
Originariamente inviato da: AleK

cut!

È già stato fatto, si chiamano Dragon Dogma e Demon/Dark Souls. I Tales, come i Dragon Quest o i Monster Hunter, hanno un preciso target di riferimento; persone che non vogliono assolutamente uno stravolgimento nello stile e nelle meccaniche della loro serie preferita, pena sviluppatori crocifissi in sala mensa con ogni orifizio occupato da gioiosi gingilli. Senza contare poi tutto il substrato delle produzioni minori, vedasi i vari Atelier/Disgaea/Neptunia & soci, lì arriviamo a vette di fanservice altissime. Detto ciò, come sempre è tutta questione di gusti, per una persona che schifa lo stile anime, ce ne sono 100 che lo adorano.
AleK12 Luglio 2012, 20:24 #5
Originariamente inviato da: X-Kenny
Detto ciò, come sempre è tutta questione di gusti, per una persona che schifa lo stile anime, ce ne sono 100 che lo adorano.

Scusami la correzione al volo, ma per i dati di vendita è più vero dire che per uno che lo adora ce ne sono 100 che lo schifano. E da quì la riflessione che facevo all'inizio. Poi come dici te, i gusti son gusti.
satomiz12 Luglio 2012, 23:28 #6
Originariamente inviato da: AleK
Scusami la correzione al volo, ma per i dati di vendita è più vero dire che per uno che lo adora ce ne sono 100 che lo schifano. E da quì la riflessione che facevo all'inizio. Poi come dici te, i gusti son gusti.


Beh si, effettivamente in europa 1 li adora e 100 li schifa. Cmq prova Dragon Dogma, potrebbe fare al caso tuo. Se lo localizzano in ITA questo tale fanno una grande cosa.
Conan1234519 Luglio 2012, 12:10 #7
Se fosse stato per PC avrei pure potuto farci un pensierino visto che amo lo stile orientale in ogni sua forma, pazienza
jimmyanderson4527 Luglio 2012, 07:51 #8
Scusami la correzione al volo, ma per i dati di vendita è più vero dire che per uno che lo adora ce ne sono 100 che lo schifano. E da quì la riflessione che facevo all'inizio. Poi come dici te, i gusti son gusti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^