PES 2013 e lo scettro per il miglior gioco di calcio

PES 2013 e lo scettro per il miglior gioco di calcio

Continua la rincorsa di PES rispetto all'eterno rivale Fifa. Quest'anno le novità principali si nascondono dietro ai nomi di FullControl, Player ID e ProActive AI. Ecco le nostre prime impressioni su PES 2013 dopo aver provato una versione alpha del gioco.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Reattività

Pro Evolution Soccer è una serie che, nel bene o nel male, fa parte del bagaglio videoludico di ogni buon giocatore. La quasi totalità dei giocatori ha fatto prima o dopo una partita a uno dei PES, ma molti di questi giocatori hanno dedicato una quantità infinita di tempo al gioco di calcio di Konami. Uno di questi è il sottoscritto, per il quale le partite con gli amici ai vari PES 5 o 6 rimangono indimenticabili, vuoi per la qualità di quelle amicizie vuoi per le emozioni che quei giochi sapevano regalare.

Di acqua sotto i punti da quel periodo ne è passata tantissima, e PES ha subito dei cambiamenti così radicali da sembrare ormai un videogioco completamente diverso. Ciò che ha spinto Konami a introdurre i cambiamenti è principalmente Fifa: il maggiore realismo e, soprattutto, la maggiore reattività dei giochi EA Sports hanno portato Konami a modificare il suo calcio e, soprattutto, per la prima volta a inseguire. A inseguire un modello che ha portato PES a perdere quella connotazione arcade che ha sempre avuto, dove i grandi campioni potevano letteralmente fare di tutto sul campo di gioco.

Dopo aver provato una prima versione alpha di PES 2013, possiamo dire che il nuovo gioco appare subito più affinato, più gratificante alla vista e più realistico, presentando principalmente movimenti dei giocatori ancora più precisi grazie all'implementazione di un maggior numero di animazioni e di dinamiche di gioco rivolte ai giocatori che si aspettano ancora più precisione tra il loro input e la reazione dei calciatori virtuali. I calciatori sono adesso in grado di toccare molte volte il pallone quando quest'ultimo è in loro possesso e di fare sostanzialmente qualsiasi tipo di giocata, sia come lunghi lanci, passaggi e tiri, sia come piccoli tocchi, magari per spostare di qualche centimetro il pallone in modo da evitare l'ingresso del difensore.

Si tratta di un processo di rinnovamento ancora lungo, che inizia con PES 2013 ma che probabilmente finirà nella prossima generazione. Sia PES 2013 che lo stesso Fifa 13, infatti, dovrebbero essere gli ultimi due videogiochi di calcio il cui sviluppo è strutturato intorno alle console dell'attuale generazione, e questo vuol dire che PES 2014 e Fifa 14 avranno probabilmente dei nuovi motori grafici. Avere un nuovo motore grafico equivale a dire che ci sarà maggior realismo, una fisica migliore e animazioni ancora più precise e fluide, il che si traduce in ancora maggiore reattività per il giocatore.

Nei giorni scorsi, di fatto, si sono diffusi dei rumor secondo i quali il motore grafico di prossima generazione su cui sta lavorando il creatore di Metal Gear Solid, Hideo Kojima, sarà usato anche per un futuro gioco di calcio. Probabilmente, quindi, vedremo il Fox Engine, ovvero il nome della tecnologia di Kojima Productions, in un prossimo PES, che però non è PES 2013. Fox Engine, per quanto se ne sappia ancora poco, sarà principalmente cucito intorno ai prossimi giochi di Kojima, quelli conosciuti con i nomi in codice di Project Ogre e di Metal Gear Solid 5. Ma non vi emozionate troppo, perché ancora bisognerà aspettare molto a lungo.

Tornando a PES 2013, invece, bisogna dire che l'introduzione di un nuovo motore per il franchise comporta già dei piccoli adattamenti in preparazione dell'avvento della nuova tecnologia. Parliamo delle nuove dinamiche di gioco delle quali finora abbiamo detto soltanto in nomi e che ci accingiamo a descrivere nel dettaglio nelle pagine successive.

 
^