E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

Nuove console, nuove tecnologie, nuovi giochi. L'E3, come ogni anno, è un momento di vitale importanza per l'industria dei videogiochi: chi vuole essere protagonista deve esserci. Vediamo come è andata l'edizione di quest'anno, che si colloca in un momento di grande cambiamento per l'industria, ovvero quello del passaggio alla generazione successiva.

di Stefano Carnevali, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Ubisoft

Assassin's Creed III
software house: Ubisoft Montreal
piattaforme: PC, PlayStation 3, Xbox 360
data di pubblicazione: 31 ottobre 2012

Ampiamente annunciato e ‘sviscerato’, il vero ‘passo oltre’ della saga di Ubisoft, come è noto, ci porterà nel cuore della Rivoluzione americana. Quindi spazio a un setting più selvaggio che urbano (certo, visiteremo Boston e New York, ma le città coloniali non hanno certo la profondità delle secolari Roma, Firenze o Costantinopoli). Al di là della qualità tecnica del gioco e della curiosità per lo sviluppo della trama, sono le soluzioni di gameplay a restare al centro dell’attenzione.

Detto del livello navale (L’oceano del XVIII secolo farà la sua trionfale comparsa e potremo gestire un veliero dell’epoca. Full-control sulla nave, in veste di capitano. Modalità da testare, ma dal fascino terrificante. Al timone, sotto la tempesta, saremo chiamati a ingaggiare una mortale battaglia navale. Mentre noi timoneremo la nave, la ciurma seguirà in ostri ordini, gestendo i cannoni. Fino allo spettacolare arrembaggio finale), abbiamo potuto vedere due livelli ‘classici’ di gioco: uno ambientato nella foresta innevata – con annesso assalto a un forte inglese -, l’altro per le vie di Boston.

Anzitutto Connor l’assassino avrà a disposizione un ‘arsenale’ stealth decisamente accresciuto: le sue movenze saranno molto più caute e coperte e avrà molte possibilità per distrarre le guardie, per poi aggirarle (in particolare segnaliamo le spettacolari impiccagioni tramite arpione, che attirano l’attenzione di tutti i nemici).

Da sottolineare poi il convincente comportamento dei nemici, che si muoveranno in formazione (come richiede la strategia militare del tardo 700) e rispetteranno i canoni dell’artiglieria dell’epoca, sistemandosi su due linee ogni volta che c’è da fare fuoco e ricaricare. Se c’è un dubbio da avanzare, riguarda sempre la straordinaria efficacia dell’assassino in combattimento. Efficacia che rischia di far passare in secondo piano la necessità di agire nell’ombra.

Far Cry 3
software house: Ubisoft Montreal
piattaforme: PC, PlayStation 3, Xbox 360
data di pubblicazione: 6 settembre 2012

Nella demo di Far Cry 3 portata da Ubisoft all'E3 si inizia a nuoto nella bellissime acque tropicali incontaminate. Il protagonista del gioco, Jason Brody, vuole assaltare infatti un campo in cui si trova il cattivo di Far Cry 3, Vaas. Bisogna mantenersi nascosti tra le acque per non farsi vedere dagli avversari e chiaramente stare attenti a prendere fiato ogni tanto.

La giungla circonda l'insediamento, consentendo al giocatore di stabilire il tipo di approccio tattico. Si può scegliere da che punto attaccare e il tipo di arma, facendo più o meno rumore. Il giocatore propende per l'arco, che può essere utilizzato con proettili avvelenati, che mettono fuori combattimento i nemici, o con proiettili esplosivi. Attaccando l'esplosivo si generano degli spettacolari incendi che consumano progressivamente il campo. Inoltre, il fuoco è soggetto dinamicamente alle raffiche del vento, che può quindi disperderlo nell'intero accampamento.

Una volta entrati nel cuore della base, ci accorgiamo che Vaas ci stava aspettando e, all'interno di un cortile, viene protetto da un alto numero di scagnozzi. È una sequenza molto frenetica, in cui bisogna per prima cosa assicurarsi di rimanere in vita, fuggendo da edificio ad edificio. Dopo un po' ci si accorge che una tigre è imprgionata all'interno di una cella: la liberiamo. Dà la sensazione di non aspettare altro, visto che si lancia subito contro Vaas e i suoi uomini.

Il mondo di Far Cry 3 sembra consegnare un certo livello di dinamismo. In questo caso la tigre è stata dalla nostra parte, ma avrebbe anche potuto attaccarci e, in quel caso, avremmo dovuto ucciderla con le nostre mani. Interessanti anche le possibilità strategiche date dai dardi esplosivi e dalla loro interazioni con le condizioni atmosferiche.

Sempre a proposito di Far Cry 3, nella conferenza Sony pre-E3 era stata rivelata la componente co-operativa basata su classi. Ricorda per certi versi Left 4 Dead, visto che quattro giocatori possono esplorare e combattere all'interno di un'intera isola. Oltre al single player, poi ci sarà anche il multiplayer competitivo, al quale sarà dedicata un'altra isola.

Splinter Cell Blacklist
software house: Ubisoft Toronto
piattaforme: PC, PlayStation 3, Xbox 360
data di pubblicazione: primavera 2013

Decisamente promettente il nuovo Splinter Cell, rivelato per la prima volta durante la conferenza pre-E3 di Microsoft. C'è un cambio di sviluppatore visto che la serie passa da Ubisoft Montreal a Ubisoft Toronto, il nuovo centro di sviluppo di Ubisoft diretto da Jade Raymond. Blacklist introdurrà nuove caratteristiche di gameplay e grafiche, e segnerà un deciso cambiamento nell'ambientazione, visto che sarà principalmente ambientato in Iraq e quindi alla luce del sole.

Sam Fisher deve fronteggiare un network di terroristi, per il quale i servizi segreti hanno allestito una nuova unità blacklist. Della storia non è stato detto molto, ma possiamo confermare la presenza massiccia di sequenze di narrazione e lo stile cinematografico.

Ecco che inizia la demo. Vestito alla maniera orientale Fisher sembra intenzionato un moribondo un cadavere alle autorità orientali. Entra nella tenda del pronto soccorso e appoggia il corpo su un tavolo. A quel punto gli viene chiesto qualcosa in lingua araba e, senza indugiare oltre, Fisher sfodera la sua pistola e, aiutato dal rallentamento del tempo, uccide tutti i soldati avversari presenti nella tenda. L'unico avversario che rimane in vita viene interrogato: questa sequenza è stata migliorata rispetto al passato visto che adesso il giocatore deve fare delle scelte che, se azzeccate, gli consentono di ottenere più informazioni. Alla fine può anche decidere se uccidere o mantenere in vita il bersaglio.

Nell'altra parte della demo si vede come Fisher possa tagliare la stoffa per entrare in una tenda e sfruttare le coperture per non farsi vedere dal nemico, oltre che spostarsi velocemente da copertura a copertura. Si possono taggare i nemici e poi ucciderli in sequenza, mentre Fisher si sposta con grande agilità per il livello di gioco saltando gli ostacoli e schivando i colpi dei nemici. Si tratta della nuova spettacolare mossa Killing in Motion, ben evidenziata nel video per la conferenza pre-E3 Microsoft.

Nella parte successiva della demo Fisher si arrampica su un pendio, mostrando le nuove animazioni e maggiore reattività ai controlli del giocatore. Uccide una guardia che tratteneva un cane, che a sua volta si scaglia contro di lui. Fisher dispone di un tool che gli consente di vedere la posizione dei nemici al di là delle pareti e, di conseguenza, di attraversare l'insediamento presidiato sfruttando le zone d'ombra. Può fischiare per attirare i bersagli e, come al solito, utilizzare degli Sticky Shocker, proiettili non letali che mettono fuori combattimento il nemico.

Dopo un'uccisione dall'alto che scatena una sparatoria convulsa, entra in un edificio mentre i nemici continuano a sparargli, causando la frantumazione dei vetri delle finestre che si trovano nella struttura. Ci viene poi mostrato come Fisher possa richiedere un attacco missilistico esterno che distrugge un camion in maniera dinamica.

Finito questo momento di concitazione, Fisher si prepara ad assaltare un edificio al cui interno si trova il suo bersaglio. Dal buco della serratura controlla il numero di minacce che si trovano nella struttura e piazza un esplosivo sulla porta. Si arrampica a quel punto sull'edificio e si apposta vicino a una delle finestre. A quel punto fa esplodere l'ordigno in basso ed entra dalla finestra, sfondandola. Coglie così le guardie impreparate e può ucciderle usufruendo nuovamente della tecnica Killing in motion. Si tratta di un nuovo modo di assaltare un edificio presidiato.

Altra feature riguarda il controllo di droni tramite il dispositivo elettronico di cui lo stesso Fisher è dotato. Attraverso i droni, si possono sparare in prima persona missili su postazioni anti-aerei e sugli stessi soldati. Ci saranno, insomma, più sezioni tipicamente di guerra.

Splinter Cell Blacklist uscirà nella primavera del 2013 su PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

Watch Dogs
software house: Ubisoft Montreal, Ubisoft Reflections
piattaforme: PC, PlayStation 3, Xbox 360
data di pubblicazione: 2013

Presentato per la prima volta in occasione del media briefing pre-E3 di Ubisoft, Watch Dogs è uno dei giochi che ha attirato maggiormente le attenzioni all'E3 2012. Sviluppato da Ubisoft Montreal con l'aiuto di Ubisoft Reflections (Driver), si fa notare per la grafica, sostenuta da un motore completamente nuovo allestito per l'occorrenza e per il gameplay, che sembra dare un livello di libertà molto alto ai giocatori.

Potremmo dire che Watch Dogs è un'estensione di Assassin's Creed in un contesto moderno: il giocatore, infatti, si ritrova ad agire in un'immensa città e può intervenire su target e nella ricerca degli indizi in maniera libera, organizzando delle tattiche.

Tutto è connesso, la connessione è potere. È con questo slogan che si potrebbe descrivere la storia di Watch Dogs, contestualizzata in una versione alternativa di Chicago a cui Ubisoft si riferisce semplicemente con il nome di Windy City, città ventosa. Nell'agosto del 2013 un virus si è diffuso negli Stati Uniti e per avviare il processo di ricostruzione le autorità hanno deciso di collegare le varie città da una rete coordinata da supercomputer conosciuto come "ctOS" (Central Operating System). Il sistema controlla tutti i dispositivi elettrici della città e contiene informazioni sui residenti e le attività.

Aiden Pearce è invece il personaggio interpretato dal giocatore, una sorta di anti-eroe che nella missione mostrata all'E3 deve assassinare un magnate dei media che si chiama Joseph DeMarco, ingiustamente assolto dall'accusa di omicio.

Ecco, dunque, che parte la demo, giocata in tempo reale davanti a noi. Aiden può intervenire su qualsiasi cosa regolata da elettricità, quindi può entrare nei circuiti chiusi delle telecamere o ascoltare le conversazioni con i cellulari che avvengono dinamicamente a Windy City. Il protagonista, infatti, è dotato di tecnologia che gli consente di entrare nel meccanismo gestito dal ctOS.

Ci viene, ad esempio, mostrato come possa ascoltare una conversazione telefonica casuale o come, tramite jamming tools, disturbare tutti i cellulari nella zona. Della gente in coda per entrare in un edificio protesterà dopo l'azione di Aiden, anche se chiaramente non avrà piena consapevolezza di ciò che sta accadendo. Aiden può influire su decine di personaggi gestiti dall'IA contemporaneamente.

Entra a quel punto in un party dove le varie persone si comportano in maniera individuale: ognuno ha le proprie storie e i suoi segreti su cui il giocatore può indagare in qualsiasi momento, ci spiegano i programmatori di Ubisoft Montreal. Uno degli strumenti a disposizione di Aiden si chiama profiler, e gli consente di indagare istantaneamente su ogni persona, visto che il software fa il match tra i volti e le registrazioni schedate nel sistema. Aiden è quindi in grado di impiegare un potente sistema di intercettazione con cui può svolgere le proprie indagini.

Notiamo come Aiden possa combattere e arrampicarsi nelle varie strutture della città. Si rimane sorpresi dal nuovo sistema di gestione delle animazioni, visto che ogni parte del corpo e i vestiti si muovono in maniera differenziata. Le animazioni di Watch Dogs sono a un livello successivo rispetto a qualsiasi cosa sia stata vista fino a oggi, rappresentando un netto miglioramento rispetto ad Assassin's Creed.

Una volta fuori, Aiden altera un semaforo, causando uno spettacolare incidente di massa gestito dinamicamente dall'intelligenza artificiale. A quel punto attacca gli uomini che escono fuori dalle auto: si tratta, infatti, della scorta di DeMarco. Vediamo come sia possibile sfruttare le coperture e come gli spari siano realistici, sostenuti da un ottimo comparto audio. C'è anche la fisica in tempo reale diffusa su quasi tutti gli oggetti presenti sulla mappa di gioco, come auto, persone ed elementi dello scenario urbano.

Dopo aver ucciso gli uomini della scorta e lo stesso DeMarco, Aiden si avvicina a un'auto e scappa a bordo di essa. In Watch Dogs infatti è contemplato anche lo spostamento tramite guida come in un classico Grand Theft Auto.

Alla fine della presentazione, i ragazzi di Ubisoft Montreal ci spiegano come tramite un normale tablet si possa accedere al mondo di gioco dell'esperienza principale. Si può usare il tablet come mappa, conoscere la disposizione del traffico e i luoghi dove si trovano i negozi. Inoltre, è contemplata anche l'interazione con gli amici, visto che si può sapere chi sta giocando e guardare il log delle loro missioni e i loro achievement. Si può anche influire sulla partita: per esempio con l'hack di un terminale o monitorando per loro una certa persona.

Watch Dogs è un progetto per questa generazione di console, visto che uscirà su PlayStation 3 e Xbox 360, e anche per PC. Potremo mettere le mani sulla versione definitiva di Watch Dogs nel corso del 2013.

Zombi U
software house: Ubisoft Montpellier
piattaforme: Wii U
data di pubblicazione: 2012

Zombi U è uno tra i giochi che sembrano fare il migliore uso del nuovo controller di Nintendo Wii U. Il controller funziona come un kit di sopravvivenza, chiamato "Bug Out Bag", una sorta di zaino che potrà contenere tutte le mappe, gli strumenti, le armi e i rifornimenti che il giocatore raccoglierà in ciò che resta dello scenario urbano. Zombi U sfrutterà anche il touch screen, il sensore di rotazione e la fotocamera del nuovo gamepad di Nintendo Wii U.

Zombi U è ambientato nella Londra del 2012, dove un'epidemia ha infettato la popolazione, trasformandola in una massa di zombi alla costante ricerca dei pochi superstiti. Si tratta di uno sparatutto in prima persona che punta al coinvolgimento emotivo del giocatore all'interno di una serie di spunti horror. Quando il giocatore muore, inoltre, può ritornare in vita nel corpo di un altro sopravvissuto che si materializza nella stessa posizione in cui è avvenuta la morte. Inoltre, il nuovo sopravvissuto potrà recuperare il vecchio Bob, il kit di sopravvivenza.

Ci sarà anche una componente multiplayer, visto che consente a un giocatore di assumere il ruolo di "Signore degli zombi", creando e controllando i nemici tramite il gamepad di Wii U con una visuale dall'alto, mentre il secondo giocatore combatte seguendo la partita sullo schermo principale della TV in uno sparatutto tradizionale e interagendo con il Wii remote classico e con l'unità nunchuck.

 
^