E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

Nuove console, nuove tecnologie, nuovi giochi. L'E3, come ogni anno, è un momento di vitale importanza per l'industria dei videogiochi: chi vuole essere protagonista deve esserci. Vediamo come è andata l'edizione di quest'anno, che si colloca in un momento di grande cambiamento per l'industria, ovvero quello del passaggio alla generazione successiva.

di Stefano Carnevali, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Sega

Aliens Colonial Marines
software house: Gearbox Software
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360, Wii U
data di pubblicazione: 12 febbraio 2013

Dopo l'interessante presentazione hands-off del single player dell'anno scorso, Sega e Gearbox Software hanno portato la componente multiplayer di Aliens Colonial Marines all'E3 di quest'anno. Si poteva giocare sia come marine che come xenomorfi. La componente multiplayer di Aliens Colonial Marines ha dunque come principale obiettivo quello di catturare il senso dell'angoscia e del pericolo imminente dietro ogni angolo dei vecchi film di Alien.

Giocando come marine si hanno a disposizione una serie di strumenti di attacco e di difesa, tra cui il radar con il celebre beep che rivela ogni singolo movimento delle bestie, segnalando il loro avvicinamento. Usare il radar però rallenta l'estrazione dell'arma e, se si considera che i movimenti degli xenomorfi sono estremamente veloci, questo può rivelarsi fatale. I marine possono usare delle armi estremamente letali come pulse rifle e fucili a pompa.

Ma se si passa a giocare con gli Alien ci si rende conto che anche questi sono estremamente efficaci sul campo di battaglia. Gearbox Software sembra essere già riuscita a trovare degli equilibri interessanti e risolvere una serie di frizioni che colpivano il gameplay multiplayer dei precedenti giochi su Alien. Gli alieni si muovono con grande disinvoltura, caratterizzati da fluide animazioni, e sono molto più reattivi che in passato agli input dei giocatori. La telecamera in questo caso passa in terza persona e il giocatore è chiamato a controllare queste scattanti e agilissime creature che, tra le altre cose, possono arrampicarsi ovunque continuando a muoversi rapidamente.

Per gli alieni nella demo c'erano a disposizione due classi: Soldier, in grado di assorbire un maggior numero di colpi; e Lurker, silenziosi e praticamente invisibili se usati bene. La strategia migliore con gli Alien, infatti, può anche essere quella di rimanere attendisti e attaccare solo al momento giusto. Nella versione finale ci saranno diverse modalità di gioco, modificatori, power-up, bonus e altro ancora. Aliens Colonial Marines uscirà nella prima parte del 2013.

Sonic & All-Stars Racing Transformed
software house: Sumo Digital
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360, Wii U, PS Vita, 3DS
data di pubblicazione: 2012

È un gioco di guida arcade estremamente immediato e frenetico che coinvolge alcuni tra i personaggi più popolari dell'universo Sega. La peculiarità principale di questa versione Transformed riguarda il fatto che i veicoli si trasformano da auto a motoscafi fino ad aerei al passaggio in specifici punti del circuito. L'abilita del giocatore non deve quindi essere semplicemente quella della guida, ma all'occorrenza adattarsi anche agli altri tipi di veicoli.

Il cast di personaggi giocabili di Sonic & All-Stars Racing Transformed include personaggi già visti nella serie come Sonic the Hedgehog, il Dr Eggman e AiAi e diverse “new entry”, come Gilius Thunderhead di Golden Axe e Vyse di Skies of Arcadia. I circuiti e le ambientazioni di Sonic & All-Stars Racing Transformed sono peraltro ispirati ai titoli del catalogo Sega.

Sullo showfloor dell'E3 abbiamo avuto modo di completare due gare. Nella prima abbiamo scelto Sonic e poi siamo passati a Gilius di Golden Axe. Ci sono differenze evidenti nel comportamento dei due veicoli: il primo è più manovrabile e meno nervoso, mentre il secondo più difficile da interpretare ma più scattante. Alcune acrobazie in pista, però, sono comuni per tutti i veicoli. Bisogna infatti riempire la barra All-Star effettuando acrobazie o dimostrando il proprio coraggio in sorpassi spericolati.

Se si premono in curva sia il freno che l'acceleratore il mezzo si produrrà, infatti, in una sbandata prolungata in stile Ridge Racer. Mentre si sta compiendo un volo, invece, bisogna agire sulla levetta destra per compiere una piroetta come succede in Wipeout. Sonic & All-Stars Racing Transformed è basato su un motore grafico completamente riscritto, che ha consentito a Sega di introdurre nuove caratteristiche di gioco e tipi di scenari inediti. Non mancheranno diverse modalità multigiocatore, tra le quali Grand Prix e Battle Arena.

Dopo questa prima prova sembra un prodotto interessante e fresco, anche se indirizzato a una specifica parte del pubblico. Mi sembrano più rifinite le fasi di guida rispetto a quelle con i motoscafi o con i mezzi aerei.

The Cave
software house: Double Fine Productions
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360
data di pubblicazione: 2013

The Cave è un gioco d'avventura a scorrimento orizzontale che amalgama alcuni elementi della struttura di gioco di The Lost Vikings, indimenticabile avventura tattica realizzata nel 1992 da Blizzard (allora si chiamava Silicon & Synapse), agli aspetti che hanno reso popolare l'avventura grafica Maniac Mansion. Il gioco è sviluppato da Double Fine Productions ed è prodotto da Sega, mentre i lavori sono diretti da Ron Gilbert, l'autore dello stesso Maniac Mansion, oltre che di Monkey Island.

Gilbert dice che l'idea che sta alla base di The Cave è molto vecchia, addirittura antecedente allo stesso Maniac Mansion. The Cave vede protagonisti sette eroi, e ognuno di questi ha una motivazione differente per entrare nella caverna. Si tratta del monaco, dell'avventuriero, del montanaro, dello scienziato, dei gemelli, del cavaliere e del viaggiatore nel tempo. Ad esempio, il montanaro si avventura per amore, il monaco è alla ricerca del suo maestro perduto e il viaggiatore nel tempo vuole porre rimedio a un errore che ha fatto nel passato.

Proprio come in The Lost Vikings, si può passare da un personaggio all'altro in qualsiasi momento dell'avventura, mentre all'inizio del gioco si scelgono tre dei sette personaggi. Il gameplay di base di The Cave è quello classico dei giochi di piattaforme in cui si salta, ci si arrampica e si nuota, ma ci sono tanti elementi da avventura grafica classica, visto che, tra le altre cose, è possibile raccogliere gli oggetti e collezionarli nell'inventario.

La caverna, nelle intenzioni degli sviluppatori, deve essere un posto tranquillo, sicuro e gradevole da esplorare, quindi ci saranno ripercussioni lievi per ogni morte. La collaborazione tra i personaggi sarà fondamentale, perché un sistema di leve potrebbe richiedere l'intevento di due di loro per essere sbloccato, mentre per alcuni enigmi potrebbe servire un oggetto specifico che può essere usato solo da un personaggio.

Ognuno degli eroi, poi, dispone di un potere speciale. Ad esempio, il cavaliere ha abilità da tank, visto che si può avvicinare agli avversari e assorbire i danni che provocano. Mentre il cavaliere tiene occupati i boss in questo modo, un altro personaggio, come lo scienziato, può rubare del denaro ai boss stessi. Ci sono anche tanti enigmi da avventura grafica tradizionale, per esempio in certi casi potrebbe capitare di dover combinare degli oggetti o usare uno degli oggetti su un personaggio per distrarlo. Secondo Gilbert, gli enigmi possono essere risolti in maniera differente, combinando le abilità dei sette eroi.

The Cave sarà rilasciato in formato digitale nella prima parte del 2013 nei formati PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

 
^