E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

E3 2012: come cambia l'industria dei videogiochi

Nuove console, nuove tecnologie, nuovi giochi. L'E3, come ogni anno, è un momento di vitale importanza per l'industria dei videogiochi: chi vuole essere protagonista deve esserci. Vediamo come è andata l'edizione di quest'anno, che si colloca in un momento di grande cambiamento per l'industria, ovvero quello del passaggio alla generazione successiva.

di Stefano Carnevali, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Microsoft

Fable The Journey
software house: Lionhead Studios
piattaforme: XBox 360
data di pubblicazione: 12 ottobre 2012

Il nuovo capitolo dedicato all’universo di Fable uscirà, in Europa, il 12 ottobre (3 giorni dopo la relase USA). Il gioco, nella sua campagna principale, durerà 15 ore, ma ci sono numerose sidequest che potranno aumentare la durata del gioco.

Si tratta, sostanzialmente, di uno sparatutto su binari, gestito in toto con Kinect. I nostri movimenti ci consentiranno, in modo piuttosto preciso e sicuramente spettacolare, di gestire la magia che scorre potente nel nostro protagonista.

Dopo qualche minuto di ‘assestamento’, il Kinect impara a riconoscere con buona precisione le tendenze dei nostri movimenti e, fatta la dovuta pratica, tutto funziona a meraviglia. Ogni situazione è studiata a dovere per sfruttare in profondità il sistema di controllo in modo fantasioso e originale. Oltre agli attacchi diretti, è sempre possibile avere ragione dei nemici sfruttando l’ambiente circostante, l’articolato ‘parry system’.

Importanti sono le boss-fight, contro nemici davvero enormi e la crescita del personaggio è costante e gratificante, dungeon dopo dungeon. A spezzare il ritmo, ci sono anche livelli ‘di guida’ o di azioni alternative.

I personaggi dei precedenti Fable saranno “più che citati”, ma non ci è stato rivelato di più. Il setting prescelto è circa quindici anni dopo l’ultimo Fable ‘classico’.

Gears of War Judgment
software house: People Can Fly
piattaforme: XBox 360
data di pubblicazione: 2013

All'E3 Microsoft ed Epic Games hanno rivelato il nuovo capitolo di Gears of War. Si tratta di un prodotto sensibilmente differente rispetto al resto della serie: è innanzitutto un prequel, Marcus Fenix non ne è più il protagonista e il gioco non è sviluppato direttamente da Epic Games, bensì da People Can Fly, che i fan di sparatutto conoscono per Painkiller e Bulletstorm.

In Gears of Judgment non ci saranno gli Splendenti che abbiamo visto in Gow 3, ma la maggior parte dei nemici saranno Locuste. Il personaggio protagonista interpretato dal giocatore, poi, sarà Baird, già conosciuto con i precedenti episodi. Si tratta del meccanico biondo con la battuta sempre pronta, che era già riuscito a conquistare la scena e l'affetto dei giocatori con i precedenti Gears of War.

Le vicende di Judgment sono contestualizzate quindici anni prima di quanto visto nell'originale Gears of War. Baird e gli altri membri della Kilo Squad sono stati accusati dal Colonnello Loomis di aver trasgredito alle regole COG e, nella fattispecie, di aver disertato, rubato tecnologia militare e tradito l'ordine cui appartengono. Baird, insieme a un'altra vecchia conoscenza, Cole, e ai nuovi arrivati Garron Paduk e Sofia, si apprestano a combattere, scendendo sul campo di battaglia dopo il fatidico giorno in cui le Locuste decidono di invadere la Terra, il cosiddetto E-Day.

Gears of War Judgment si concentrerà sull'azione pura, mettendo in secondo piano la spiccata componente cinematografica che aveva portato ad avere in Gow 3 oltre 90 minuti di filmati. Il gioco sarà più rapido e l'interfaccia utente semplificata: basterà, ad esempio, premere Y invece che agire sul d-pad per cambiare arma. Ci sarà il nuovo sistema Declassification, che porterà i giocatori a trovare indizi nelle mappe di gioco; e delle bonus challenge durante le missioni. In quest'ultimo caso, ci potrà venire richiesto di uccidere un certo numero di avversari o portare a termine il livello di gioco entro un certo tempo massimo.

Il fatto che il gioco sia stato pensato in modo da favorire la rigiocabilità è evidenziato anche dal cosiddetto Smart Spawn System. In Gow Judgment, infatti, il comportamento dei giocatori è costantemente monitorato, sia in termini di movimenti sulla mappa di gioco sia in termini di quantità di nemici uccisi. Con queste informazioni, il sistema è in grado di modificare le partite successive, aumentando o diminuendo il livello di difficoltà in modo da garantire una sfida sempre diversa.

Judgment introdurrà diverse novità anche nel multiplayer, con nuove modalità di gioco e un nuovo sistema di classi. OverRun sarà una sorta di incrocio tra le modalità pre-esistenti Horde e Beast in cui i due team composti da cinque giocatori devono portare a compimento obiettivi distinti. Quanto alle classi, che si differenzieranno per abilità, caratteristiche e armi utilizzabili, avremo Soldato, Scout, Medico e Tecnico. Dall'altre parte ci sono ovviamente le Locuste, tra cui inizialmente la scelta sarà limitata a Ticker, Wretch, Granatiere e Kanuts.

Halo 4
software house: 343 Industries
piattaforme: XBox 360
data di pubblicazione: 6 novembre 2012

Il nuovo shooter che segna il ritorno di Master Chief era presente nel media-briefing Microsoft con una nuova sequenza catturata dalla campagna single player che ha mostrato nuove armi e nuovi avversari, ed era giocabile in modalità co-operativa nel corso della fiera.

Quanto alla storia, Halo 4 riprenderà esattamente dal punto in cui si erano concluse le vicende del gioco precedente. Master Chief e Cortana infatti si ritrovano sul pianeta Requiem, dove si svolgerà l'intero quarto episodio di Halo, e dove sembrano esserci degli eventi segni dei Precursori. I due si trovano sulla Infinity, la nuova ammiraglia spaziale che farà da hub tra le missioni della storia single player, ma anche per il nuovo co-op costruito intorno alle cosiddette Spartan Ops e il multiplayer competitivo incentrato sui Wargames.

La storia si focalizzerà sulla profondità del personaggio Master Chief e sul suo rapporto con Cortana, e vuole essere epica e rivelaritrice come lo fu la storia del primo indimenticabile Halo del 2000. Ma la vera novità di questo Halo 4 in termini di gameplay saranno le Spartan Ops, ovvero il co-op per quattro giocatori costruito intorno a una storia che si contestualizza sei mesi dopo la fine del filone narrativo principale di Halo 4 e che sarà costantemente aggiornata tramite DLC anche dopo il rilascio del gioco. I DLC verranno rilasciati con cadenza settimanale e saranno gratuiti per coloro che hanno acquistato il gioco di base, mentre chi compra di seconda mano potrà accedere tramite season pass a pagamento. Ognuno di loro conterrà un episodio di una serie televisiva a sfondo Halo e da cinque missioni cooperative dalla durata di circa 15 minuti ciascuna.

All'E3 abbiamo avuto modo di giocare l'ultimo dei primi cinque episodi, che saranno distribuiti la settimana del lancio. Il livello di gioco era ambientato in un canyon al tramonto, in cui bisognava anticipare i Covenant nel raccogliere un manufatto dei Precursori. L'ambientazione al tramonto introduceva uno scenario del tutto inedito per Halo, visto che la palette cromatica si tingeva di colori che si concentravano sul rosso. La grafica è sensibilmente migliorata rispetto ad Halo Reach, perché gli avversari e gli alleati sono più dettagliati, perché sono state introdotte tante nuove animazioni e perché il gioco viene finalmente renderizzato alla risoluzione nativa di 720p.

Bisogna collaborare con gli altri compagni del team per accerchiare l'avversario e non dargli scampo, mentre la presenza di nemici con caratteristiche diverse richiede un approccio sempre differente. Ci sono due abilità a disposizione dei giocatori: Tacktical Weapon, che consente di imbracciare due armi primarie invece che una primaria e una secondaria; e la Promethean Vision, uno scan che consente di monitorare la posizione e gli spostamenti anche dei nemici che si trovano al di là delle pareti.

Halo 4 include una vasta suite di nuove modalità multiplayer, armi, veicoli, qualità della corazza e un sistema di progressione del giocatore, oltre a un nuovo sistema di modifica dell’armatura che introduce per la prima volta la personalizzazione del gameplay in un gioco Halo. Il sistema di progressione del giocatore in Halo 4 va oltre i semplici aggiornamenti estetici e consente agli utenti di creare uno Spartan che agisca davvero nella maniera in cui vogliono. I giocatori possono guadagnarsi e attivare altre qualità nel combattimento chiamate “Specialization” basate sul modo in cui loro stessi interpretano il gioco, dalla furtività al puro assalto frontale, passando per tutto ciò che vi sta in mezzo.

Vi ricordiamo che la release di Halo 4 è confermata per il 6 novembre in tutto il pianeta.

 
^