Max Payne 3: un ritorno atteso undici anni

Max Payne 3: un ritorno atteso undici anni

Recensione della versione Xbox 360 del videogioco di Rockstar sul popolare personaggio che ha l'abilità di rallentare il tempo. A seguire arriverà un articolo di approfondimento sul motore grafico e sulla versione PC di Max Payne 3.

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Conclusioni

Max Payne 3 è in generale un ottimo titolo, da cui traspare la voglia di Rockstar di riconsegnare ai fan un prodotto da tempo rimasto solo come ricordo nella memoria dei giocatori.

Va precisato che anche per chi non ha giocato i precedenti capitoli, questo gioco è assolutamente godibile e consigliabile: ma a maggior ragione per chi ha amato i primi due titoli, Max Payne 3 non deluderà le aspettative. Potendo scegliere, credo che consiglierei l’acquisto della versione Pc rispetto a quella per console, non fosse altro che l’uso del mouse probabilmente renderà più bilanciato e appagante il livello di sfida, che su Xbox mi è sembrato altalenare un po’ troppo tra “frustrante” e “facile”.

I combattimenti però sono quasi sempre molto entusiasmanti, e o facendo un po’ di fatica con il free aim, o lasciandosi trasportare dalla storia e usufruendo del soft lock, il gioco risulta in ogni caso assolutamente piacevole. L’aggiunta del multiplayer e delle modalità single player aggiuntive (peraltro anch’esse mutuate dai precedenti Max Payne) permettono tra l’altro al titolo di avere una longevità più che buona per un gioco del genere, considerando che la campagna single player si aggira attorno alle 12 ore, probabilmente qualcosa in più giocando al massimo livello di difficoltà.

Insomma, Max Payne 3 è un titolo solido e adatto a un pubblico ampio: ottimo script, gameplay collaudato e divertente, ma soprattutto un graditissimo rispetto verso quello che è stato un mito del passato dei videogiochi, rispetto che unito a una realizzazione intelligente ha certamente premiato gli sforzi di Rockstar.

  • Articoli Correlati
  • Max Payne 3: euforicamente noir Max Payne 3: euforicamente noir Rockstar ha portato l'ultima build disponibile di Max Payne 3 al Games Week, la kermesse videoludica milanese che si è svolta nella scorsa settimana. Esaminiamo le caratteristiche di gioco, i punti di contatto con il passato e le discontinuità. Max Payne si confermerà il cult noir che era una volta?
19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bestio01 Giugno 2012, 16:33 #1
Senza la voce di Giorgio Melazzi, per noi Italiani non sarà mai Max Payne in tutto e per tutto.
Horizont01 Giugno 2012, 16:55 #2
Originariamente inviato da: Bestio
Senza la voce di Giorgio Melazzi, per noi Italiani non sarà mai Max Payne in tutto e per tutto.


WORD!
AleK01 Giugno 2012, 20:10 #3
Una recensione davvero bella. Aspetto l'uscita per PC per capire meglio come ha lavorato il team di sviluppo per il porting. Peccato per la perdita di alcune componenti storiche legati allo stile e forse, anche a quella narrazione a metà tra l'ironico e il grottesco che riusciva ad emergere nonostante la drammaticità della storia. Ma era francamente difficile sperare di poter superare o eguagliare la sceneggiatura originale. Non per altro Max Payne è passato alla storia come un capolavoro.
CaRLiTo8201 Giugno 2012, 22:00 #4
Miiii, già undici anni sono passati....bei ricordi!
prra02 Giugno 2012, 12:30 #5
Originariamente inviato da: CaRLiTo82
Miiii, già undici anni sono passati....bei ricordi!


quello che ho pensato anche io.. cavolo..!
Bestio02 Giugno 2012, 13:07 #6
Ma MP2 non era uscitonel 2003? Se la matematica non è un'opinione gli anni dovrebbero essere solo 9...
Comunque 9 anni per Max Payne, 12 per Diablo...
Mammamia come sono vecioooo.
Stappern02 Giugno 2012, 18:28 #7
Originariamente inviato da: Bestio
Senza la voce di Giorgio Melazzi, per noi Italiani non sarà mai Max Payne in tutto e per tutto.


parla per te,a me ha sempre fatto schifo il doppiaggio italiano
andreasperelli02 Giugno 2012, 21:08 #8
Non concordo con i difetti emersi dalla recensione, il sistema di mira libero tramite pad non è assolutamente frustante o "non ottimale" è solo un po' più difficile di quello assisto.

Il sistema di coperture non è "pensato" male, è solamente diverso da un classico Gears of War. Più semplicemente non è un gioco basato sulle coperture.

Per quanto concerne la mancanza di doppiaggio io ho giocato i primi due in inglese e per me la voce di Max è quella originale, capisco però che per un gioco di questa tiratura potevano permettersi un bel doppiaggio.
prra02 Giugno 2012, 21:29 #9
la voce di max payne ITA comunque era molto bella.. sul doppiaggio non saprei.. fondamentalmente era solo narrazione durante quei magnifici intermezzi con i fumetti.. e non so in eng, ma in ita era davvero molto bella..
Jeetkundo03 Giugno 2012, 01:36 #10
La voce ita di Max non era male anche se onestamente non era tutto di altissimo livello il livello del dub ita... quello inglese aveva una marcia in più. Direi che ha più un valore affettivo la cosa

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^