Sleeping Dogs, come un film sulle arti marziali

Sleeping Dogs, come un film sulle arti marziali

Abbiamo giocato la prima parte della campagna di Sleeping Dogs, il nuovo gioco d'azione di United Front Games la cui versione definitiva è prevista per agosto. Ecco le noste impressioni su un gioco che punta deciso sul suo sistema di combattimento corpo a corpo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Considerazioni

Sleeping Dogs è certamente un gioco interessante per l'atmosfera e lo scenario, che va consigliato a occhi chiusi agli appassionati dei film orientali sulle arti marziali. Questi combattimenti sono riprodotti con grande cura sia sul piano delle animazioni che per quanto riguarda le meccaniche di gioco. Il sistema di combattimento è così efficiente che United Front Games ha deciso di sacrificare le sparatorie.

Procurarsi un'arma nella Hong Kong di Sleeping Dogs, in maniera realistica da un certo punto di vista, non è così immediato. Per farlo, nelle battute iniziali del gioco, bisogna aggredire un poliziotto o rubarne una dal baule di un'auto della polizia. Ma le sparatorie non appaiono ancora sufficientemente affinate, soprattutto dal punto di vista della precisione nella mira e nello sfruttamento delle coperture.

In Sleeping Dogs ci sono due barre di progressione, che si riempiono in funzione delle scelte e delle azioni fatte dal giocatore. Stare dalla parte della Triade o da quella della polizia consente di sbloccare abilità passive differenti, e solo alternando i due tipi di azione si può ottenere un personaggio completo. Con maggiore reputazione, invece, si conquistano altri tipi di bonus: ad esempio le bevande di qualità, che consentono di ripristinare più risorse vitali, e la capacità di disarmare i nemici e rubare loro le armi.

Il modello di guida sembra abbastanza realistico, e riproporre alcuni spunti tipici della serie Need for Speed. È invece sempre molto facile rubare le auto presenti sulla mappa di gioco: sostanzialmente basta premere e il personaggio si occuperà automaticamente di impossessarsi dell'auto.

Se i pro di Sleeping Dogs sono dunque il modello di guida, l'atmosfera orientale ben ricostruita, il taglio cinematografico e il sistema di combattimento corpo a corpo, i contro, in questa fase dello sviluppo, riguardano invece le sparatorie e la scarsa libertà concessa al giocatore nella mappa di gioco. Detto questo, Sleeping Dogs sembra un action free roaming decisamente valido e divertente, oltre che tecnicamente buono.

Il responso definitivo è rimandato, però, al 17 agosto quando uscirà la versione definitiva nei formati PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

  • Articoli Correlati
  • Sleeping Dogs: action free roaming incontra Need for Speed Sleeping Dogs: action free roaming incontra Need for Speed Abbiamo giocato tre missioni del nuovo action free roaming sviluppato da United Front Games. Il gioco nasce dalle ceneri di True Crime e risulta valido in tanti aspetti, dall'esplorazione al modello di guida, più realistico rispetto ad altri giochi del genere.
2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
appleroof24 Maggio 2012, 18:52 #1
ahia, seguo con attenzione questo gioco, ma questa frase mi ha un pò deluso:

D'altronde, uno degli elementi più critici di Sleeping Dogs, che può influire direttamente sul fattore longevità, è la stessa grandezza della mappa di gioco di Hong Kong. Dopo questa prima esperienza la mappa non ci pare grande come quella di un Gta, anzi le cose da fare sembrano essere poche e ripetitive. Difficilmente il gioco potrà avere una longevità complessiva superiore alle 20 ore. Un mondo di gioco denso e immersivo, insomma, ma forse fin troppo piccolo.


non mi aspettavo una mappa e una longevità alla gta4, ma nemmeno questi limiti...
hexaae24 Maggio 2012, 19:41 #2
Ho visto un Combat Trailer del gioco su YouTube... mi aspettavo qualcosa di più veloce e coreografico, anche se non sono male.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^