Risen 2 e il ritorno al gioco di ruolo classico

Risen 2 e il ritorno al gioco di ruolo classico

Abbiamo completato il nuovo gioco di Piranha Bytes e vi proponiamo la nostra idea sulle meccaniche di gioco e la profondità di questo secondo capitolo della serie Risen. Gli screenshot sparsi nell'articolo provengono dal produttore, quelli inseriti nella gallery che trovate nella prima pagina sono invece realizzati da noi al massimo livello di dettaglio (Ultra) per la grafica.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Attributi, talenti e abilità

La parte ruolistica di Risen 2 ruota intorno alla suddivisione tra attributi, talenti e abilità, ed è regolata dai cosiddetti punti gloria. Si tratta di un sistema altamente modulare, come emerge soprattutto nel combattimento, che vedremo meglio nella pagina successiva. Le abilità possono essere sbloccate migliorando gli attributi o apprendendole dai corrispettivi insegnanti, ovvero personaggi non giocanti che si trovano sulle mappe delle otto isole in cui è diviso il mondo di Risen 2. Per sbloccare una nuova abilità bisogna disporre di una certa quantità di denaro e raggiungere un certo livello di esperienza nel relativo talento.

Gli attributi che stanno alla base della struttura ruolistica sono lame, armi da fuoco, resistenza, astuzia e voodoo. Il giocatore può decidere liberamente di investire la gloria in uno degli attributi, migliorando la corrispettiva componente del suo personaggio. Con le lame, dunque, si migliorerà il combattimento corpo a corpo con i vari tipi di spada presenti in Risen 2, mentre migliorando l'attributo delle armi da fuoco si otterà una maggiore sottrazione delle risorse vitali del nemico una volta che si spara con una pistola o un moschetto. Discorso analogo può essere fatto per il voodoo, mentre astuzia risulta determinante per migliorare scasso, intimidazione ed eloquenza. Il primo consente di scassinare le serrature dei forzieri e delle porte, con la possibilità di accedere ad oggetti fondamentali per le missioni o per il miglioramento del personaggio. Intimidazione permette di mettere paura sugli interlocutori nei dialoghi, e sottrarre così importanti informazioni; mentre eloquenza aumenta il carisma del personaggio, che così ottiene favori da altri personaggi non giocanti.

I talenti in Risen 2 invece sono i seguenti: armi da taglio, armi da punta, armi da lancio, moschetto, fucile, pistola, a prova di lame, antiproiettile, intimidazione, trucchi sporchi, furto, eloquenza, magia nera, culto della morte e rituale. Dovete dividerli a gruppi di tre per capire che tipo di suddivisione è stata fatta in funzione degli attributi: quindi, i primi tre appartengono a lame, i secondi tre ad armi da fuoco, poi a resistenza, e così via.

Per ognuno dei talenti poi ci sono le abilità. Bisogna sbloccare il relativo talento per poter accedere a una certa abilità, a quel punto ottenibile dando del denaro al relativo insegnante. Ad esempio, un insegnante può sbloccare l'abilità del furto o migliorarla, o insegnarci nuove mosse che vengono dinamicamente aggiunte al sistema di combattimento, o farci luce nella strada della creazione di una bambola o uno scettro voodoo. In quest'ultimo caso, quindi, occorre apprendere l'abilità, trovare la ricetta per la costruzione di un certo scettro, procurarsi gli ingredienti richiesti dalla ricetta e, quindi, recarsi presso un calderone voodoo e iniziare la procedura.

Il giocatore acquisisce gloria per ogni missione primaria o secondaria portata a termine, e per ogni nemico ucciso. Questa gloria si accumula e non va necessariamente spesa. Il consiglio che posso dare, dopo diverse ore spese a testare Risen 2, è di non spendere immediatamente la gloria, ma aspettare che si prospetti una certa necessità per fare la scelta su quale attributo investirla. Se ad esempio spendiamo tutto immediatamente, supponiamo nell'abilità con la spada, e subito dopo si verifica un evento per cui è necessario giocoforza aprire un forziere, potremmo ritrovarci nella situazione per la quale non si ha più la gloria per migliorare l'abilità scasso. Bisognerà quindi andare in giro per il mondo e ottenere nuova gloria per proseguire nella missione principale. Tutto questo per dire che Risen 2 è comunque un gioco che offre un livello di sfida alto, all'interno del quale ogni decisione deve essere ponderata.

Oltre ad attributi, talenti e abilità, nel menu di Risen 2 troviamo anche le parti relative ad equipaggio e collezione. Nel primo caso possiamo conoscere i dettagli sui membri dell'equipaggio che abbiamo radunato. I membri dell'equipaggio vengono determinati in base alle scelte del giocatore e alle missioni che ha portato a termine. Per ogni missione, poi, si può scegliere un membro, che ci farà da alleato e ci aiuterà nei combattimenti. Nella missione finale, invece, tutti i membri dell'equipaggio combatteranno insieme.

Tra questi, il ruolo del timoniere è riservato a Patty. Quando vorremo lasciare un'isola per raggiungere una nuova destinazione, basterà andare da lei e dirle su quale isola desideriamo recarci. In alcune missioni, invece, ci verrà richiesto di andare alla ricerca di altri timonieri, che serviranno per navi di personaggi alleati o avversari.

Nel corso dell'esplorazione potremmo imbatterci in diari e in altri tipi di racconti che custodiscono informazioni preziose su oggetti leggendari, che possono essere collezionati. Si tratta di missioni facoltative, che aumentano la gloria del personaggio: quindi, se svolte, aiutano nell'affrontare i combattimenti avanzati di Risen 2. Per queste missioni non viene indicata la destinazione da raggiungere, come invece accade per le missioni principali, il che comporta un livello di sfida non indifferente, anche per la vastità e irregolarità del mondo di gioco preparato da Piranha Bytes. Le missioni per la ricerca degli oggetti da collezione aumentano sensibilmente la longevità di Risen 2, praticamente raddoppiandola rispetto a quella della quest principale.

Sempre nel menu troviamo le schede su personaggio, inventario, carta nautica e diario di bordo. Nell'ultimo possiamo vedere le missioni in corso e quelle da svolgere, mentre attraverso la carta nautica si può ordinare a Patty l'isola da raggiungere o arrivare istantaneamente in un certo luogo della mappa tramite fast travel. Una volta sbloccati i luoghi sensibili, infatti, il giocatore potrà scegliere se raggiungerli procedendo a piedi o se spostarsi istantaneamente proprio attraverso la carta nautica.

 
^