PlayStation Vita alla prova del laboratorio

PlayStation Vita alla prova del laboratorio

Dopo alcuni test di laboratorio, siamo in grado di esprimere un giudizio definitivo sulla nuova console portatile di Sony. Destinata ai giocatori hardcore, può fare breccia in un mercato sempre più complesso e che riguarda ormai esigenze videoludiche così distanti tra loro?

di Andrea Bai, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyPlaystation
 

Display frontale

Lo schermo touchscreen capacitivo di tipo OLED consente di avere una risoluzione di 960x544 pixel e introduce un nuovo modo di giocare i titoli PlayStation, che viene sfruttato anche da franchise pre-esistenti famosi come Uncharted ed Everybody's Golf. Il display di PlayStation Vita, inoltre, offre una profondità di colore a 24 bit e presenta una densità di pixel pari a 220 ppi, con una diagonale del display di 5 pollici.

L'analisi colorimetrica del display di PS Vita rileva un comportamento nel complesso buono: osserviamo infatti un'eccellente saturazione di tutti i colori primari, con il verde che addirittura eccede il valore di riferimento. Eccellente anche la precisione dei colori blu e rosso, meno convincente quella del verde. Discorso differente per i colori complementari, che seppur molto saturi, soffrono di un sensibile scostamento dai valori dello standard. Il punto di bianco, infine, appare notevolmente spostato verso tonalità più fredde, comportamento chiaramente percepibile anche ad occhio nudo. Ci troviamo dinnanzi ad un display di buon livello, soprattutto considerando l'ambito di impiego. A fronte dei valori rilevati riteniamo che l'esperienza multimediale, sia quella videoludica, sia quella votata alla riproduzione di contenuti, possa essere più che adeguatamente soddisfatta su questo dispositivo.

PS Vita non offre una densità di pixel paragonabile a quella di altri dispositivi di recente introduzione sul mercato: ad esempio il Nuovo iPad presenta una densità di pixel pari a 264 ppi, chiaramente distribuita su una superficie maggiore. La velocità delle immagini e la distanza che separa il giocatore dallo schermo, tornando a PS Vita, tuttavia non consentono di distinguere i singoli pixel.

Dunque, quello di PS Vita si conferma come uno dei migliori display su dispositivo portatile, oltre che fra i più grandi. Consente un'esperienza videoludica di grande impatto, facendo dimenticare dopo pochi minuti di essere su dispositivo portatile, con una grafica che pertanto risulta di poco inferiore a quella che si può avere sul sistema domestico. Anche per la navigazione a internet PS Vita si rivela funzionale, con un'esperienza interessante proprio grazie alle ampie dimensioni del display.

 
^