Sleeping Dogs: action free roaming incontra Need for Speed

Sleeping Dogs: action free roaming incontra Need for Speed

Abbiamo giocato tre missioni del nuovo action free roaming sviluppato da United Front Games. Il gioco nasce dalle ceneri di True Crime e risulta valido in tanti aspetti, dall'esplorazione al modello di guida, più realistico rispetto ad altri giochi del genere.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Left-hand

Nella seconda missione della demo, invece, bisognava incontrare un certo Mister Tong all'interno di un intrigo politico. All'inizio della missione ci si trova in albergo e qui si ha la possibilità di modificare l'abbigliamento del personaggio interpretato. Si possono modificare tronco, pantaloni, scarpe, copricapo, occhiali, catenine, orologio, bracciali oppure ricorrere a completi predefiniti, selezionando con calma dal guardaroba.

Dopo di che si scende in strada e si comincia a guardare in giro alla ricerca di un mezzo. Piove, e l'acqua che scende giù dal cielo bagna realisticamente i vestiti e costringe la gente gestita dall'intelligenza artificiale a proteggersi. Il protagonista si avvicina a un'auto e usa un piede di porco per scardinare la serratura. Una volta a bordo dell'auto ci si rende conto che il modello di guida è decisamente differente rispetto agli altri giochi di questo genere.

Prima cosa: la guida è a sinistra! Chiaramente gli sviluppatori non hanno voluto modificare questo elemento imprescindibile di Hong Kong, con il risultato che i giocatori dovranno abituarsi, cosa assolutamente non immediata, a stare sul lato sinistro della strada. Un'esperienza simile, per i giocatori più anziani, era capitata con Grand Theft Auto - London 1969, espansione del primo Gta uscita nel 1999. Si tratta di un ulteriore elemento di fascino, che incrementerà ulteriormente il coinvolgimento, anche se darà qualche grattacapo in più nelle fasi di ambientamento.

Il comportamento dell'auto ricorda quello dei Need for Speed sviluppati da EA Black Box. È più realistico rispetto a quello di un Gta, ad esempio, e soprattutto, anche grazie all'intervento di aiuti esterni, l'auto è maggiormente controllabile. Se in Gta le auto sono quasi di un pretesto per distruggere il più possibile della città che ci circonda, in Sleeping Dogs la guida è più profonda e decisamente più godibile. Molte missioni, come vedremo, prevedono unicamente questa componente all'interno di gare che somigliano da vicino a quelle di un tipico Need for Speed.

Le auto, inoltre, ricordano esplicitamente le controparti reali, anche se non possono riportare nomi e loghi veri per motivi di licenza. Ci sono quindi Audi TT, Lamborghini Gallardo, Nissan GTR, diverse utilitarie e moto, ognuna di esse con un preciso modello di guida.

Anche per questo, dunque, Sleeping Dogs è un'esperienza nuova per un videogioco, e principalmente per l'ambientazione di Hong Kong, che alterna rapidamente paesaggi urbani moderni e densi a luoghi più fatiscenti. La città sembra ben riprodotta, anche se poi andranno valutate le sue effettive dimensioni, non discernibili in questa demo.

Dopo aver raggiunto Tong, Wei Shen si rende conto di essere stato tradito e che non si tratta della persona che si aspettava. Tong lo rapisce e, insieme ai suoi scagnozzi, inizia a picchiarlo e torturarlo. Wei Shen riesce a liberarsi e per scappare deve fare una strage, sfruttando tutti gli espedienti nel combattimento ravvicinato che abbiamo visto prima, tra gli uomini di Tong.

Alla fine della missione, uno schema riassume i punti esperienza guadagnati e i soldi ottenuti, che possono essere spesi in potenziamenti per il personaggio.

 
^