Ninja Gaiden 3: tornano azione ninja, contenuti cruenti e alto livello di sfida

Ninja Gaiden 3: tornano azione ninja, contenuti cruenti e alto livello di sfida

Uscirà il 23 marzo il nuovo capitolo di Ninja Gaiden nei formati PlayStation 3 e Xbox 360 mentre più avanti nel corso del 2012 arriverà anche su Wii U. Dopo qualche ora di gameplay, vediamo come cambia Ninja Gaiden dopo l'addio di Tomonobu Itagaki.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxPlaystationWii UMicrosoftSonyNintendo
 

Modalità ninja e modalità eroe

Quello che chiede Yosuke Hayashi è insomma di non considerare Ninja Gaiden 3 semplicemente come un nuovo capitolo della serie, ma piuttosto come una visione completamente nuova di Ninja Gaiden. Si tratta, insomma, di un nuovo capitolo del franchise che modifica alcuni degli equilibri di gioco e che sarà ricordato principalmente per la componente emozionale. Un tentativo, quindi, di avvicinare alla serie anche i giocatori meno esperti, senza perdere l'elevata difficoltà tipica di Ninja Gaiden.

Sostanzialmente sono due i livelli di difficoltà di questo terzo capitolo: c'è la modalità ninja e la modalità eroe. La prima corrisponde al classico livello di difficoltà di Ninja Gaiden. I nemici hanno molte risorse vitali e l'energia di Ryu, quando viene colpito, diminuisce rapidamente. Inoltre, il giocatore non ha suggerimenti sullo schermo. Se invece si opta per la modalità eroe tutto diventa più abbordabile: ci sono, tra le altre cose, suggierimenti sui tasti da premere per mandare a segno le combo e per interagire con quanto avviene durante le sequenze di quick time events.

La modalità ninja, a sua volta, si divide in due sotto-livelli di difficoltà: normale e difficile. Si può passare in qualsiasi momento della partita da una difficoltà all'altra ma, attenzione, se si passa alla modalità ninja non si potrà più tornare alla modalità eroe, ma solamente alternare le difficoltà normale e difficile della modalità ninja. Insomma, come capite, Team Ninja non vuole assolutamente rinunciare alla reputazione di gioco iper-difficile che Ninja Gaiden si è conquistato nel corso degli anni.

Al massimo livello di difficoltà Ninja Gaiden 3 è, a detta di Hayashi-san, ancora più difficile rispetto ai predecessori. Ma, d'altra parte, giocando in modalità eroe praticamente chiunque può seguire la storia di Ninja Gaiden 3, avvalendosi dei suggerimenti e di una semplificazione generale nei combattimenti dovuta alla minore efficacia degli avversari.

Oltre alla modalità storia, Ninja Gaiden 3 offre due componenti multiplayer, una competitiva e l'altra cooperativa. Si tratta della cosiddetta modalità Ombre dal mondo: all'interno di essa ci sono le Prove Ninja, ovvero le missioni cooperative, e le Battaglie club, scontri diretti che vedono coinvolti fino a 8 giocatori con meccaniche di gioco simili a quelle dei tradizionali deathmatch.

Le missioni cooperative arricchiranno la storia principale, introducendo nuovi spunti, ma sono pensate principalmente intorno ai combattimenti. Si tratta di prove, quindi, fortemente action-oriented in cui a ondate entrano nello stage di gioco avversari che vanno affrontati e sconfitti con le abilità di cui dispongono i ninja coinvolti.

Nel multiplayer, poi, i giocatori possono modificare a piacimento il proprio ninja, personalizzandone i colori, la voce e le varie parti del loro abbigliamento.

 
^