The Darkness II: una volta assaggiato il potere non puoi fermarti

The Darkness II: una volta assaggiato il potere non puoi fermarti

Abbiamo testato approfonditamente la versione PC di The Darkness II, il nuovo shooter con elementi di forte innovazione di Digital Extremes, la storica software house che ha aiutato Epic Games nello sviluppo di Unreal e Unreal Tournament. Gli screenshot sparsi nell'articolo provengono dal produttore, quelli inseriti nella gallery che trovate nella prima pagina sono invece realizzati da noi sempre sulla versione PC del gioco.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Epic
 

Darkling

I combattimenti sono molto intensi, non lasciando quasi mai neanche un attimo per riprendere fiato. Il giocatore, infatti, deve sparare, agire sulle braccia, recuperare salute strappando il cuore dai mafiosi avversari uccisi, e gestire i poteri della Tenebra. Il nemico non si comporta sempre in maniera ottimale, anzi non fa molto altro che procedere verso una copertura e iniziare a sparare al di là di essa. La scarsa personalità dei nemici rende alquanto ripetitivi i combattimenti di The Darkness II nel lungo periodo, con nemici che non offrono un livello di profondità che va molto oltre gli zombi di Left 4 Dead o gli avversari di Borderlands.

A seconda del tipo di uccisione Jackie guadagna una certa quantità di punti che può spendere per acquisire nuovi talenti e per potenziare quelli che già possiede. Se ad esempio scaglia con una delle due braccia demoniache una tanica di propano verso un avversario scatenerà una spettacolare esplosione che gli consentirà di ottenere molti più punti rispetto a una normale uccisione con una delle armi. I punti possono essere spesi nei cosiddetti Santuari della Tenebra che il giocatore incontra man mano che procede nei livelli di gioco.

I Santuari della Tenebra consentono di sbloccare talenti del tutto originali. La creatività da questo punto di vista risulta evidente anche dai nomi stessi dei talenti: schianto a terra, lame demoniache, buco nero corrosivo, sciame killer. Il giocatore, quando avrà accumulato l'esperienza necessaria, potrà intervenire direttamente su due Poteri della Tenebra. Uno di questi infonde la Tenebra per qualche secondo sui proiettili, consentendo di non consumare proiettili in quel breve intervallo di tempo e di fare più danno sui nemici. Lo sciame di insetti invece stordisce per qualche istante il nemico, che può essere così tranquillamente colpito.

Un altro potere che Jackie ottiene dalla Tenebra riguarda il controllo di una creatura demoniaca, che accresce ulteriormente le possibilità di interazione. Si tratta del Darkling, una specie di scimmia, dal fare cattivissimo, che indossa l'Union Jack. Il Darkling disturba gli avversari aggrappandosi alle loro teste e impedendo loro di continuare a guardare: durante questi momenti il giocatore può colpire il nemico di turno realizzando un'efficace combinazione che gli conferisce un maggiore quantitativo di punti esperienza.

Il Darkling può essere usato in vari modi, all'interno di un ritmo di gioco sempre serrato con azioni che variano continuamente durante la campagna. Sempre sbloccando la relativa abilità, ad esempio, sarà possibile agganciare con il braccio sinistro il Darkling (come si fa con i normali oggetti dello scenario) e scagliarlo contro un preciso avversario, dando inizio alla consueta sequenza di disturbo. In altri momenti, invece, si prenderà il controllo del Darkling, ad esempio, per raggiungere una location con un passaggio troppo piccolo per essere superato da Jackie. In questi frangenti, si possono usare nuove esecuzioni stealth, il cui il Darkling penetra letteralmente nel corpo del nemico per fare esplodere il suo cuore.

L'unico limite che la Tenebra dà a Jackie riguarda la luce. Quando ci si avvicina troppo a una fonte di illuminazione, infatti, i poteri della Tenebra vengono inibiti e il proprio corpo è più vulnerabile ai colpi del nemico, perdendo più velocemente le risorse vitali. Bisogna, quindi, distruggere tutte le fonti di illuminazione prima di avvicinarcisi oppure mettere fuori uso i generatori di corrente elettrica. L'alternanza tra scenari illuminati e scenari al buio costituisce uno degli elementi visivamente più interessanti di The Darkness II e, insieme alla grafica cel shading, conferisce personalità all'aspetto grafico del gioco di Digital Extremes. Ad ogni modo, anche se in situazioni di oscurità, le sagome dei personaggi e i contorni degli oggetti sono sempre ben evidenziati, all'interno di location sempre molto colorate. Insomma, il giocatore non avrà mai reali problemi a vedere ciò che lo circonda.

 
^