PlayStation Vita: specifiche, giochi e in video

PlayStation Vita: specifiche, giochi e in video

L'ampio display OLED da 5 pollici e le nuove CPU e GPU quad core sono fra le novità più importanti della nuova console portatile. Riassumiamo tutto quello che si sa a proposito di PlayStation Vita, quando mancano ormai pochi giorni al lancio occidentale.

di Dorin Gega, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Considerazioni

PlayStation Vita è sicuramente un interessante dispositivo tecnologico. Attraverso il display OLED da cinque pollici e grazie all'hardware con CPU e GPU quad core è in grado di offrire un'esperienza di gioco portatile, e di navigazione sul web, semplicemente mai vista in termini di qualità visiva, spettacolarità dell'immagine e coinvolgimento dei giocatori. Il sistema, d'altra parte, anche se strizza l'occhio al giocatore occasionale con alcune funzioni e certi giochi, è principalmente pensato per i giocatori hardcore.

Per questo offre un sistema di controllo avanzato e completo, che consente di interfacciarsi con il gioco in maniera differente. Diversi tipi di controllo, qualora implementati, sono poi possibili all'interno dei singoli giochi. La presenza di due funzioni di interazione touch rende inoltre unica PS Vita in fatto di controlli: il touchpad posteriore, infatti, come abbiamo visto nel corso dell'articolo, si trova nella parte posteriore del dispositivo nella corrispettiva posizione del display, il che consente di avere un corrispondenza precisa tra touchpad e display. I giocatori possono quindi interagire via touch senza che le dita occludano così la visuale.

Ma anche gli stick analogici, i bumper e la croce direzionale faranno la felicità dei giocatori che amano la profondità. Soprattutto l'ultima consentirà di avere, a mio modo di vedere le cose, alcuni tra i picchiaduro meglio riusciti su sistema portatile. Probabilmente già Street Fighter X Tekken si rivelerà un must-have su PS Vita da questo punto di vista (uscirà più avanti nel 2012). Alcuni giochi, poi, offriranno un'esperienza più rilassata, sfruttando principalmente il display touchscreen. Escape Plan può essere uno di questi, ma in questa lista potremmo aggiungere anche Little Deviants, Sound Shpaes, Super Stardust, tanto per citarne alcuni.

E qui bisogna fare anche una considerazione di mercato. I videogiochi stanno andando verso il mobile in maniera decisa, ma in una forma che non è certamente quella tipica del mondo PlayStation. I titoli casual più immediati, che costano pochi euro o che sono addirittura gratuiti, hanno ormai conquistato il mercato, favorendo la vendita di massa degli smartphone e dei tablet. In mobilità la gente vuole soprattutto prodotti estremamente immediati, in cui l'interazione sia ridotta al minimo, alle volte a sporadici tap delle dita sul touchscreen. La filosofia che sta alla base di PS Vita sicuramente non è questa.

Si tratta, anzi, di un sistema voluminoso e pesante, che non è neanche in grado di espletare tutte le funzioni che sono invece alla portata di un più comodo smartphone, come le telefonate ad esempio. PS Vita, dunque, rimane pensata principalmente per i giocatori hardcore: è per loro che costituisce un valore aggiunto e per cui è pensata nelle fondamenta.

Come detto, rimane un'ottima base in termini di caratteristiche tecniche. Il grande display, oltre che immagini realistiche con i giochi, garantisce un'ottimale navigazione sul web, anche perché si tratta di uno dei display più grandi per dispositivo portatile (che non sia un tablet ovviamente). Ci sono certamente dei limiti: come qualche imperfezione nel rendering delle pagine in questa prima versione del web browser e l'assenza del supporto ad Adobe Flash.

Bisogna poi tenere in considerazione che potrà essere collegato un unico account PlayStation Network per ogni unità di PS Vita. Per associare un secondo account Psn alla console occorrerà fare il reset di fabbrica, operazione che porterà alla perdita di tutti i dati memorizzati sulla scheda. Sarà, inoltre, impossibile creare account differenti per scaricare dagli store diversi da quello del continente di appartenenza, cosa che spesso fanno gli utenti di PlayStation 3 e PSP per assicurarsi le esclusive regionali.

L'hardware di ultima generazione garantisce poi grafica complessa come non si era mai vista nel gaming portatile alla risoluzione di 960x544. Come detto, PS Vita non offre una densità di pixel paragonabile a quella di altri dispositivi di recente introduzione sul mercato, ma la velocità delle immagini e la distanza che separa il giocatore dallo schermo non consentono di individuare comunque i singoli pixel.

Su PS Vita è poi possibile giocare con i titoli per PlayStation 3 attraverso la funzione Vita Remote Play. Questa feature, infatti, come già succede con PSP di attuale generazione, consente di giocare i titoli PS3 sull'handheld o di accedere ad altri contenuti memorizzati sulla console domestica. La risoluzione a cui verranno visualizzati i giochi su PS Vita è 480x272 per un limite nello sviluppo del software. La console si incaricherà poi di fare l'upscaling fino alla risoluzione nativa 960×544. Insomma, su Vita si potrà giocare anche a Killzone 3 o a Metal Gear Solid 4, con un sistema di controllo peraltro molto simile a quello della console domestica.

Sony punta molto sul nuovo dispositivo portatile e, anche se non sarà quasi sicuramente possibile battere 3DS nelle vendite, spera di confermare le vendite di PSP, che comunque hanno garantito al colosso nipponico margini non indifferenti. Attualmente, secondo analisi di esperti di produzione, produrre un esemplare di PS Vita costa circa 123 euro. Tenendo in considerazione che, quindi, si tratta esclusivamente dei costi dei materiali con cui la console viene prodotta, c'è una differenza di circa 140 (108 euro) dollari tra il prezzo di vendita e il costo di produzione. Visto che i produttori di hardware solitamente offrono un margine di guadagno ai rivenditori che varia tra il 5 e il 7,5% prima che l'IVA venga applicata, Sony realizza un margine di 115 sterline (138 euro circa) su ogni unità di PlayStation Vita venduta nel Regno Unito (altri dettagli qui). Tutto ciò per dire che Sony ha comunque interessanti margini per ridurre il prezzo di vendita della console anche perché, come abbiamo riferito più volte con le news quotidiane, dopo un brillante lancio PS Vita ha iniziato un po' a soffrire, in termini di vendite, nell'unico territorio principale dove è in commercio attualmente, il Giappone.

Al lancio, comunque, il modello Wi-Fi sarà in vendita al prezzo consigliato al pubblico di 252.99 €, mentre per il modello 3G/Wi-Fi il prezzo consigliato al pubblico è di 302.99 €.

56 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor13 Febbraio 2012, 12:30 #1
Un solo sistema proprietario di memorie è da barboni, meglio crearne due! Vero Sony?

Ma si può? almeno per il salvataggio dei dati potevano usare le SD o le microSD!
Manwë13 Febbraio 2012, 12:41 #2
Flop...
netcrusher13 Febbraio 2012, 12:42 #3
In giappone sta floppando purtroppo, poi con questa cosa delle memory card in formato proprietario........vabbè dovranno pur difendersi dalla pirateria, che dire buona fortuna ps vita, è un periodo molto difficile in Europa con la crisi e con Nintendo che ha abbassato il prezzo della 3DS, vedremo vedremo........ciao ciao.
nicacin13 Febbraio 2012, 13:13 #4
spendere fino a 300€ per una console portatile è da folli imho...

oltre ai bambini viziati, chi dovrebbe essere il target di riferimento?
Murakami13 Febbraio 2012, 13:16 #5
Non ho capito in che formato è l'uscita video...
Gargor13 Febbraio 2012, 13:59 #6
Non vedo l ora di averla tra le mani e giocare tanto. Tutti quelli che dicono flop o la criticano mi ricordano tanto la storia della volpe e l'uva.
Un dispositivo così potente con potenzialità di gameplay incredibili, non ammette critiche, si il prezzo si può dire alto , ma dopo che ho visto code per avere iPad o iPhone vari criticare il prezzo della PSvita è ridicolo.
Ed è ridicolo fare paragoni con smartphone xche giocare senza tasti è uno schifo quanto scomodo e ho provato poiché ho un htc Desire, solo giochini scemi.
È una console con gl'attributi , e porta aria fresca, e dirò di più, io il 90% ci giocherò spaparanzato sul letto, la 360 mi ha scocciato aspetto solo ME3 e poi polvere.
Mia all'uscita.
teolinux13 Febbraio 2012, 14:00 #7

Compasso? O_o

compasso elettronico su tre assi


Serve per studiare geometria?

Credo che compass si traduca dall'ingelse con bussola.

Ha anche una CPU realizzata in silicone ?
Phoenix Fire13 Febbraio 2012, 14:36 #8
il prezzo, per quello che da va bene, non è per casual gamers, come è il DS/3DS, ma solo per hardcore gamers imho. Il discorso delle memorie invece non mi va giù, posso capire (ma non giustificare) il discorso del gioco su memoria per non essere piratabile, ma che addirittura mi obblighi per giocare ad alcuni titoli a buttare soldi per una memory card "esterna" che me la fai pagare più degli HDD dopo la crisi in tailandia è veramente esagerato
samslaves13 Febbraio 2012, 14:49 #9

Flash?

Per la redazione: Flash e' morto. Lo ha ucciso proprio Adobe. Cambiate player.

Inoltre, perche' mi costringete a vedere il sito mobile di HWUp su di un dispositivo mobile? Fate che si entri nel sito normale, poi da li date l'opzione della versione mobile. E' molto fastidioso tutto cio'.
Yrrah13 Febbraio 2012, 14:59 #10
Originariamente inviato da: samslaves
Per la redazione: Flash e' morto. Lo ha ucciso proprio Adobe. Cambiate player.

Inoltre, perche' mi costringete a vedere il sito mobile di HWUp su di un dispositivo mobile? Fate che si entri nel sito normale, poi da li date l'opzione della versione mobile. E' molto fastidioso tutto cio'.

Finchè Youtube userà Flash direi che quest'ultimo non è morto, quando anche loro passeranno di default alla versione HTML5 che è in test allora saremo a buon punto.

Comunque trovo giusto che di default venga richiesta la modalità mobile se arrivi da dispositivo mobile, se poi tu vuoi vedere subito la desktop basta che ti attivi sul browser la richiesta della versione desktop come predefinita. L'utilità della mobile oltre alla fruibilità maggiore su display piccoli è proprio quella di non dover caricare troppi MB di dati per risparmiare banda in caso di piani dati con traffico limitato, se per andare alla versione mobile bisogna passare dalla desktop si perde già metà della utilità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^