I migliori videogiochi del 2011: la parola ai lettori

I migliori videogiochi del 2011: la parola ai lettori

Anche quest'anno Hardware Upgrade e Gamemag offrono la classica dei migliori giochi dell'anno precedente, scelti dai lettori. Si parte dalla decima posizione e si risale fino al gioco vincitore.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

8a posizione

Call of Duty Modern Warfare 3

Produttore: Activision
Sviluppatore: Infinity Ward
Piattaforma: PC, PlayStation 3, Xbox 360, Wii
Rilascio: novembre
Percentuale di voti conseguita: 2,95%

La serie campione di incassi anche nel 2011 non poteva mancare nella nostra classifica dei 10 migliori videogiochi dell'anno. Si tratta ormai di un fenomeno culturale: magari Call of Duty sarà odiato da un certo tipo di giocatori, ma certamente c'è una nutrita schiera di fan che non si fa mancare un capitolo della serie ormai da diversi anni. C'è però qualcosa che non va nell'andamento del gradimento della serie nel corso degli anni, perché in passato Cod occupava posizioni migliori. Call of Duty 4 Modern Warfare, infatti, vinse addirittura la classifica del 2007 con il 25,59% delle preferenze, mentre l'anno successivo Call of Duty World at War retrocesse al terzo posto con l'8,83% dei voti. Nel 2009, poi, la serie si piazzò al secondo posto con Modern Warfare 2 che raccolse il 20,28% delle preferenze per ottenere successivamente il quarto posto nella classifica dello scorso anno con Call of Duty Black Ops, che si accaparrò il 4,62% dei voti.

Modern Warfare 3 chiaramente ripropone gli elementi vincenti dei capitoli precedenti, con importanti novità nella componente multiplayer, soprattutto per quanto riguarda la ricompensa per le uccisioni e con l'introduzione del servizio di raccolta delle statistiche sulle performance Call of Duty Elite. La campagna single player, invece, riprende il filone narrativo dei due precedenti Modern Warfare, raccontando la storia sulla terza guerra mondiale da prospettive differenti, ma sempre in prima persona e attraverso i personaggi ormai diventati iconici per il prolungarsi della serie.

L'immersività di Call of Duty passa attraverso cinematograficità, eventi di grandi dimensioni, distruzione, all'interno di una strategia che ha avuto un successo senza precedenti negli ultimi tre anni e che Activision e Infinity Ward ripropongono puntualmente con l'ottavo capitolo. Ciò che cambia è la contestualizzazione, visto che Infinity Ward ha scelto le capitali del mondo più famose, con i monumenti maggiormente iconici, come scenario del suo conflitto senza confini, che ormai perdura da qualche anno.

Nel multiplayer, la nuova struttura di killstreak e obiettivi mira a cambiare l'approccio al gioco. Le ricompense non sono, infatti, determinate esclusivamente dalle uccisioni come in passato, ma anche dal conseguimento di obiettivi che vengono proposti sulla mappa di gioco. L'idea è di ricompensare qualsiasi tipo di stile di gioco, che sia basato sulle morti o sugli obiettivi, e di differenziare le ricompense a seconda del modo di giocare. Il sistema intende premiare il gioco di squadra e rendere le partite differenti a seconda degli stili di gioco. Portando a compimento gli obiettivi, in Modern Warfare 3 si otterranno i cosiddetti Pointstreak, che dunque sono ricompense per la combinazione di obiettivi e morti.

Un'altra novità apportata dal multiplayer di Modern Warfare 3 è la modalità Kill Confirmation, basata sulla raccolta delle dogtag. Uccidere un avversario non basterà per ottenere il punto per la propria squadra: bisognerà, infatti, raccogliere anche la dogtag lasciata cadere in seguito a una morte. I giocatori dovranno quindi organizzarsi per raccogliere le dogtag e prevenire che il nemico faccia altrettanto. Kill Confirmed non è l'unica nuova modalità di gioco: c'è, infatti, anche Team Defender. Bisogna raccogliere la bandiera del nemico e difendere il portatore della bandiera per incrementare il punteggio della propria squadra.

Il nuovo sistema di progressione per le armi, poi, consente di ottenere maggiore efficienza dalle armi che vengono usate più frequentemente. Tra le altre cose, ci sono le cosiddette Proficiencies, che consentono ai giocatori di specializzare le proprie armi con nuovi attributi. Per esempio l'attributo Kick riduce il rinculo, Attachments consente di avere due upgrade per l'arma primaria, Focus fa in modo che il personaggio reagisca prontamente anche dopo un colpo, e Stability riduce le oscillazioni del mirino.

 
^