Disney Universe e le più grandi avventure di tutti i tempi

Disney Universe e le più grandi avventure di tutti i tempi

Il nuovo gioco d'azione sviluppato dalla software house britannica Eurocom consente di rivivere le più grandi avventure Disney da una prospettiva inusuale. All'interno di mondi magici e colorati, i più giovani hanno l'opportunità di capire il valore della ricompensa che si ottiene vincendo le sfide.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Robottini

I combattimenti con i robottini nemici sono stati resi il più possibile vivi dagli sviluppatori di Eurocom. Questi infatti interagiscono con gli oggetti presenti negli scenari e mettono in pratica delle strategie di attacco e di difesa. L'obiettivo è quello di rendere il giocatore partecipe di uno scenario intelligente, non solo per quanto riguarda i compagni di squadra interpretati da altri giocatori, ma anche nel caso dei nemici. Il tutto all'interno di sfide serrate e altamente confusionarie, che vedono coinvolte anche decine di personaggi, in cui il giocatore deve premere furiosamente sui tasti di attacco per annientare i robottini nemici e distruggere gli elementi degli scenari che custodiscono l'oro.

I robottini gestiti dall'intelligenza artificiale possono, ad esempio, rimuovere un oggetto collocato da uno dei giocatori per sbloccare un meccanismo, rendendo così inutile il lavoro fatto dal giocatore fino a quel momento. Per proseguire la risoluzione dell'enigma, quindi, bisogna prima annientare tutti i robottini nemici e poi ricollocare gli oggetti nelle posizioni giuste. Inoltre, l'IA è in grado di costruire delle postazioni di attacco o di difesa come torrette o spuntoni.

Alla fine di ogni livello di gioco, il sistema assegna punti blu in base al numero di nemici uccisi e al numero di stelline blu ritrovate. I punti arancioni, invece, vengono assegnati in base alla quantità d'oro recuperata e al numero di rigenerazioni. In Disney Universe, infatti, non c'è in nessun caso la morte definitiva che obbliga a rifare interamente il livello di gioco, ma solo delle rapide rigenerazioni in un luogo prossimo a quello in cui è avvenuta la morte. Insomma, il massimo che il giocatore rischia è di ritrovarsi a fine partita con qualche punto arancione di troppo.

Si tratta, insomma, di una sorta di battaglia per evitare il male, meglio si gioca e più punti blu si ottengono, allontanando l'avanzata dei punti arancioni.

Tuttavia, il gioco presenta un comunque soffisfacente livello di sfida nelle battute avanzate. Se certi scenari, come quello de I Pirati dei Caraibi, sono scenari di base, altri sono più complessi, ad esempio quello di Alice. Ci sono diversi enigmi non immediati da risolvere che riguardano orologi da taschino, teiere e sfere con i semi delle carte che scorrono all'interno di montagne russe. Disney Universe è però pensato principalmente per i più giovani, per i quali è possibile abilitare i suggerimenti visivi: in questi casi delle frecce indicano con estrema chiarezza come procedere e come risolvere i vari enigmi.

Ad esempio potrebbe capitare di dover attivare un meccanismo piazzando un orologio da taschino in una fessura, di costruire un percorso sparando delle zolle di zucchero posizionate su un cucchiaino o trascinare un cappello magico in un punto preciso e spararsi in alto con l'aiuto di quest'ultimo. Nello scenario di Monsters & Co. invece può capitare di dover recuperare delle tessere elettroniche mentre lo scenario si capovolge continuamente (e quindi giocare con lo schermo rovesciato) o di abilitare dei marchingegni che fanno paura ai bambini e consentono lo sblocco della porta che sta alla fine del livello.

La gestione delle risorse vitali è incentrata sul recupero di energie nei momenti in cui non si subiscono colpi. Il giocatore vede le risorse vitali residue con un circolino posto al di sotto della sagoma del personaggio. Quando sta subendo troppi colpi deve allontanarsi dai nemici e recuperare energie. Se si muore si perde dell'oro, e questo può indurre il giocatore a decidere di evitare alcuni combattimenti troppo ardui.

Alla fine di ciascun scenario il giocatore è ricompensato con un nuovo costume. Si tratta di un semplice sblocco, visto che per usare il costume poi bisogna spendere parte dell'oro trovato nei livelli di gioco. L'oro può essere speso anche per comprare gli scenari (2 mila pezzi d'oro per ciascuno di essi). Se si vogliono dei costumi speciali, poi, si possono fare degli acquisti con valuta reale recandosi nello spazio costumi presente nel menù principale. Qui si possono comprare, tra gli altri, i costumi di Ursula de La Sirenetta, di Malefica de La Bella Addormentata nel Bosco o di Crudelia de Mon de La Carica dei 101.

Tutto ciò è contestualizzato all'interno di una grafica piacevole e godibile, anche se non estremamente dettagliata. Il principale obiettivo di Eurocom è stato quello di esprimere la simpatia richiesta dall'universo Disney: e per questo i robottini buoni e quelli cattivi sono sempre buffi e pronti a strappare una risata. Di ottimo livello, oltre che precise, le animazioni, che consentono di esprimere la personalità di ogni personaggio anche se i modelli poligonali sono piuttosto piccoli.

I livelli di gioco, poi, sono ottimamente ricostruiti: non solo nei modelli poligonali ma anche e soprattutto negli sfondi, che ricordano alcune delle scene più famose dei film dai quali sono tratti.

 
^