Star Wars The Old Republic: BioWare dà la caccia a Warcraft

Star Wars The Old Republic: BioWare dà la caccia a Warcraft

Tutto quello che c'è da sapere sul MMORPG destinato a cambiare il mercato. Resoconto dalla beta, classi, razze, Flashpoint, Operation del videogioco più costoso di sempre.

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
Star Wars
 

Player vs Player e combattimento

E’ difficile e in parte scorretto valutare il Pvp e il sistema di combattimento di un mmorpg prima di aver raggiunto il livello massimo, perché evidentemente si valuta solo una parte ‘monca’ del gioco (non avendo i personaggi accesso a tutte le abilità e ai punti talento). Mi limiterò per cui a qualche considerazione generica: pur avendo sempre dato l’idea di un mmorpg indirizzato con forza al lato PvE (dungeon, raid eccetera), il sistema di PvP di The Old Republic dà una buonissima impressione, certamente superiore alle aspettative e certamente migliore, toccando con mano, di quanto possa sembrare dai semplici video. Da un lato le “Warzone”, cioè i ‘battleground’ per chi ha dimestichezza con World of Warcraft, appaiono pensati con una notevole intelligenza.

Nella beta ne abbiamo visti tre, tutti pensati per avere degli obiettivi da raggiungere, ma tutti realizzati in modo che raggiungere il tale obiettivo (ad esempio, conquistare una postazione e difenderla) si integri perfettamente con la voglia di fare a botte con i nemici. Sembra un’ovvietà ma non lo è: quante volte nei mmorpg ci troviamo in situazioni di battaglia dove l’obiettivo per vincere sembra allontanarci dai nemici e dallo scontro, anziché portare tutto insieme? Spesso finisce che la platea di giocatori si frattura, con una massa che va a combattere in un certo punto, fregandosene di cosa prevedono le regole dello scenario, e un’altra sparuta parte di giocatori che si trova da sola (e impossibilitata) a completare gli obiettivi per portare a casa la vittoria.

Non è il caso delle warzone di Old Republic: sia che la vostra intenzione sia di giocare in modo tattico, sia che vogliate solo buttarvi nella mischia e come va va, in un modo o nell’altro farete entrambe le cose. Naturalmente la squadra di giocatori con più organizzazione tenderà poi ad avere la meglio. A livello dei singoli personaggi poi, le abilità sembrano essere state pensate bene, in modo da favorire il divertimento piuttosto che imporre troppe regole stringenti.

Un esempio che mi viene in mente è il “force leap” del Cavaliere Jedi, ovvero un’abilità che ci permette di saltare istantaneamente addosso ai nemici: basso cooldown, utilizzabile anche in combattimento, raggio d’azione molto elevato… il risultato è che pur avendo una classe da corpo a corpo ci troviamo ad essere molto mobili, capaci di saltare da una parte all’altra anche superando enormi dislivelli (quel cecchino nemico appostato su una passerella, ad esempio) e il feeling ricorda davvero tanto quello delle battaglie acrobatiche tra Jedi della nuova trilogia di Star Wars.

Più difficile valutare il ruolo delle classi ranged, quelle cioè che usano armi a distanza. Per loro è fondamentale la meccanica della “copertura”, che ovviamente permette di nascondersi dietro una barriera (in modo automatico, se lo spazio è disponibile). Se non esiste fisicamente alcuna copertura, il personaggio si accuccerà comunque a terra, in modo da non rendere l’abilità troppo dipendente dalla posizione e dal tipo di mappa.

In copertura, le classi ranged hanno a disposizione delle abilità in più, e negano al contempo alcune abilità ai nemici. L’unico aspetto che lascia un po’ perplessi è inevitabilmente quello dello scontro tra una classe ranged e una corpo a corpo, con le inguardabili scene di un soldato con un enorme cannone in mano che spara a bruciapelo a un jedi mentre questi lo tempesta di colpi con la spada laser.

In generale però, tutto il sistema di combattimento è piuttosto dinamico e piacevole, reso vario e adrenalinico anche dal numero massiccio di stun e knockback distribuiti tra le classi, in un modo che (e personalmente lo ritengo un grosso pregio, poi sta ai gusti) è piuttosto reminiscente del sistema di combattimento di Warhammer Online.

 
^