Infinity Blade II e il massimo potenziale di iPhone 4S

Infinity Blade II e il massimo potenziale di iPhone 4S

È appena uscito Infinity Blade II per iOS: ci siamo fiondati a comprarlo per toccare con mano il massimo potenziale del nuovo device Apple e valutare le caratteristiche di gameplay dell'action rpg basato sugli swipe di Epic Games.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
AppleiPhoneiOSEpic
 

Storia

Infinity Blade II ha una storia più profonda rispetto a quella del predecessore, raccontata con nuove sequenze cinematografiche che traggono evidente beneficio dal rinnovamento della tecnologia e dall'adattamento di quest'ultima alle nuove caratteristiche hardware di iPhone 4S. Siris, l'eroe protagonista interpretato dal giocatore, ha sconfitto il Re dio ma ciò lo terrà per sempre legato alla leggendaria Infinity Blade. Deve liberarsi di questo legame se non vuole essere inseguito per sempre dai Titani.

Per farlo deve trovare il cosiddetto Artigiano dei segreti, ma nessuno conosce il suo destino tranne che una misteriosa informatrice orientale di nome Saydhi. Quest'ultima si trova in una remota località orientale, nella quale si ambienta il prologo di Infinity Blade II. L'inizio del gioco, dunque, non è contestualizzato nel classico scenario del castello, ma in un lussureggiante giardino nipponico, che presenta uno stile di narrazione differente rispetto a quello classico di Infinity Blade.

Tra le altre cose, all'idioma fittizio del precedente gioco sono state sostituite adesso frasi recitate in inglese e sottotitolate in italiano. La parte del prologo nello scenario orientale è, in realtà, semplicemente un tutorial, che insegna ai novizi della serie come interfacciarsi con l'action rpg Epic Games. Dopo aver sconfitto Saydhi torna in scena lo stesso Re dio, che quindi non è morto, e che sfida nuovamente Siris, riprendendosi la Infinity Blade (con la quale, quindi, si inizia il gioco).

Un misterioso personaggio colpisce a questo punto Siris con una freccia magica e lo trasporta in una specie di limbo. Si vede una scena in un cui un uomo è incatenato in una stanza all'interno di uno scenario moderno e realistico, e poi inizia la serie di rinascite che vedrà Siris sfidare i campioni Titani fino a guadagnare tutta l'esperienza possibile. Insomma, con questo secondo capitolo la storia di Infinity Blade diventa decisamente più profonda e assume parte dei connotati della trama di Assassin's Creed.

Dopo la scena della prigionia nella modernità si torna nel classico scenario di Infinity Blade, in cui l'eroe si insinua all'interno di un castello e deve affrontare una serie di Campioni fino a combattere contro il signore del castello. Questa volta non è il Re dio ma Thane, Gran Signore della IX casa, che possiede il segreto sul luogo in cui si trova l'Artigiano dei segreti. Thane è dotato di magie, come sfere elettriche che scaglia contro il personaggio del giocatore, ed è via via sempre più forte, consentendo al giocatore di skillarsi fino a conquistare tutta l'esperienza presente nel mondo di gioco di Infinity Blade.

 
^