Call of Duty Modern Warfare 3: la terza guerra mondiale, senza rivoluzioni

Call of Duty Modern Warfare 3: la terza guerra mondiale, senza rivoluzioni

Recensione della versione XBox 360 di Call of Duty Modern Warfare 3, uno dei giochi che più in assoluto divide le platee. Modern Warfare 3 è un particolare approccio allo shooting che resta esperienza perfetta per rapide sessioni di gioco senza molta tattica, indirizzata principalmente ai fan storici della serie.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
XboxCall of DutyMicrosoft
 

Conclusioni

Modern Warfare 3 è un prodotto divertente, anche se privo di innovazioni e ‘cambi di ritmo’ ben implementati e anche se soffre di scarso realismo e di pochissimo tatticismo.

La campagna in singolo risulta maggiormente emozionante e spettacolare, rispetto agli ultimi capitoli della serie. Azzeccati soprattutto i ‘setting’ delle nostre imprese che, oltre a essere vari e magistralmente realizzati, ci porteranno spesso in mezzo a grandi metropoli, meravigliosamente riprodotte e devastate. Tutto ciò è molto più coinvolgente, rispetto all’azione in anonime campagne o piatte installazioni militari. Per una volta, poi – anche se con poche situazioni interattive – combattere in città, ci metterà in relazione problematica coi civili. Peccato, allora, per lo scarsissimo livello di interattività con gli scenari, le pochissime opzioni di movimento concesseci.

Tutto, in MW 3, avviene in ‘linea retta’: si segue la strada prestabilita, senza credibili possibilità di variare, anche perché, così facendo, si andrebbe a intaccare la molteplicità di eventi scriptati – che, per quanto spettacolari, sono comunque precalcolati e sempre meno stupefacenti – a cui dovremo far fronte.

La trama, per quanto drammatica, catastrofica e globale, resta decisamente in sottofondo, rispetto all’azione. Pochi i momenti e i personaggi memorabili. In generale, si respira una poca credibilità di fondo, con il mondo devastato per volontà di un manipolo di persone (e questo è un po’ lo slogan del gioco!) che hanno sempre buon gioco a ottenere quello che vogliono, ingannando o massacrando migliaia di individui.

L’arsenale a disposizione del giocatore è ricco, vario e modernissimo. Non perfetto, però. In generale, tutto è un po’ troppo semplice da padroneggiare. In particolar modo, i fucili da cecchino. Negativo il comparto audio delle armi.

Dal punto di vista tecnico – più video che audio, per via di ‘rumori di battaglia’ poco realistici – siamo a livelli strabilianti su XBox 360: scenari ricchi e complessi, poche incertezze, tanti dettagli.

Laddove MW 3 fallisce, ed è un fallimento pesante, è dal ‘lato militare’ dell’esperienza della campagna. I soldati russi e gli altri nemici si comportano come se non avessero mai chiari i propri obiettivi e come se non avessero cura della propria vita. Stesso discorso per la IA alleata, poco utile. Quando non ostacolo. I programmatori hanno anche cercato di offrire numerose ‘variazioni’ sul ‘tema-shooter’. Ma esse risultano quasi sempre poco ispirate e credibili, per essere davvero gratificanti. I cambi di ritmo, così, sono raramente un vero sollievo.

Anche il multiplayer è un’esperienza divertente. Ricca, profonda, caotica e istintiva e. Ricca perché le modalità ‘classiche’ ci sono tutte, con qualche aggiunta interessante. Profonda, perché c’è tantissimo da sbloccare e la personalizzazione del proprio soldato virtuale – tra armamento e ‘poteri’ - è quasi infinita. Istintiva e caotica… perché questo è COD. Arene sempre di dimensioni piuttosto ridotte, agilità inverosimile, armi eccessivamente docili (quest’anno i fucili da cecchino si imbracciano alla leggera, quasi fossero dei ‘pompa’!). Di fatto, però, non è presente nessuna modifica sostanziale che possa davvero stupire, rispetto a quanto la serie ha offerto fin qui (soprattutto dopo Black Ops). Sledgehammer ha operato decise e intelligenti, limature. Ma il canovaccio è sempre lo stesso. Sia dal punto vista della simulazione, sia da quello della giocabilità. Ma forse i fan di COD non vogliono che si cambi. Il gioco è solido, divertente e lineare così. E questo è quello che la milionaria utenza dello shooter Activision brama.

Il multiplayer di MW3 sa comunque essere divertente. Soprattutto quando si vogliono passare dei momenti di ‘massacro in solitaria’. Scordiamoci però ogni velleità simulativa o realistico-militare.

COD, insomma, da un lato ha perso ‘smalto’ e realismo. Dall’altro ha definitivamente abbandonato la strada dell’innovazione. Ma si è mantenuto godibile e spettacolare. Si tratta un prodotto pensato – con la sua linearità e la sua prevedibilità – per il ‘mass-market’. Ma questo non è assolutamente un delitto, perché regala comunque un semplice e sano divertimento. A tratti anche spettacolare e ispirato. Ma è inutile sostenere il contrario e vedere nella serie – allo stato attuale delle cose – velleità decisamente evolutive.

  • Articoli Correlati
  • La guerra nelle capitali del mondo di Modern Warfare 3 La guerra nelle capitali del mondo di Modern Warfare 3 Activision ha mostrato alla stampa italiana due missioni di Call of Duty Modern Warfare 3 ambientate a Parigi e Londra. È l'occasione per fare il punto su tutte le caratteristiche dell'ottavo Call of Duty finora rivelate. All'interno l'intervista con Robert Bowling, Creative Strategist di Infinity Ward.
  • Primo approccio con Call of Duty Elite Primo approccio con Call of Duty Elite Abbiamo dato un'occhiata alle funzioni di Call of Duty Elite, il nuovo servizio social per i giocatori della serie di sparatutto militari di Activision e Infinity Ward. Il beta test di Elite, infatti, è partito il 14 luglio per Call of Duty Black Ops in versione XBox 360.
45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Stevejedi29 Novembre 2011, 16:29 #1
Ovvio che bisogna diversificarsi. Fare prodotti uguali non fa bene al mercato.
Tirando le somme, dopo aver acquistato e averci buttato più di 100 ore di gioco a Battlefield 3 e dopo aver giocato a Modern Warfare 2 e Black Ops e letto la recensione di MW3, credo di aver le carte in tavola per affermare che: chi cerca uno shooter basato sul lavoro di squadra e la tattica è più orientato a Battlefield 3, chi preferisce il combattimento immediato e adrenalinico senza troppi pensieri vada per i prodotti Activision. In questo modo, differenziando la clientela, non si scavalcano.

Piccola parentesi, Homefront era (è?) un gioco a mio parere ben fatto, ma era un miscuglio di Battlefield e COD... e si sa che se qualcosa non è né carne e né pesce non funziona granché
Dave8329 Novembre 2011, 16:40 #2
Finalmente qualcuno che non spara voti assurdi per questo gioco, anche se personalmente avrei dato un punto secco in meno nella longevità (sp troppo breve e in generale gioco troppo simile ai precedenti) e almeno mezzo punto in meno sul voto generale (ma anche uno) e un altro mezzo punto sulla grafica.
Lanfi29 Novembre 2011, 16:53 #3
La recensione la ritengo molto ben fatta in quanto evidenzia tutti i punti positivi e negativi del gioco. A mio parere non corrisponde al voto "in copertina", che dovrebbe essere di almeno un punto più basso. Va detto però che quella recensita è la versione per xbox...io mi riferisco alla versione per pc, dove dal punto di vista grafico non può assolutamente prendere 4 su 5 visti i termini di paragone (crysis 2 e bf3 sennò sarebbero fuori scala).

Che dire? Lo scimmiottamento della missione di infiltrazione a Pripyat fa male al cuore...lì il capitano MacMillian ci diceva di stare attenti all'effetto Coriolis, qui manca poco che si spari col fucile di precisione in corsa. O che si cecchini a 2000 metri con un red dot...
Cico the SSJ29 Novembre 2011, 17:02 #4
Ho letto solo scorrendo in fretta "...tenere attaccato al pad..."

Ho chiuso
DenFox29 Novembre 2011, 17:27 #5
Sempre la solita solfa, sempre la solita solfa...
jacky214229 Novembre 2011, 17:55 #6
Dopo aver letto tutta la recensione si capisce che il gioco è sempre la solita "minestra riscaldata", è vero che ci sono alcuni cambiamenti, ma sono comunque poco profondi.

Mi aspettavo un voto finale più basso, visto che per metà recensione vengono mostrati i lati negativi, alla fine i contro sono più dei pro e anche i voti non sono così alti.

Secondo me nel giudicare un gioco bisognerebbe anche tener conto di altre cose, come il costo, ogni quanto viene pubblicato in media un nuovo capito della serie e in generale (specialmente quando si parla di serie con molti capitoli) di come si è comportata la SH con i precedenti titoli.
Personalmente prima di acquistare qualcosa da 50-60€ vorrei avere anche un'idea di quanto questo gioco possa durarmi, ad esempio un gioco come un COD dopo un anno posso anche buttarlo, visto che esce un titolo quasi identico con due robette in più che tutti comprano e devo comprare anche io se non ritrovarmi a giocare da solo o comunque senza il mio solito gruppetto di amici.

[sarcasmo on]
Se non fosse per l'ambientazione moderna che va di moda oggi e che fa credere ai bimbiminkia di essere super soldati/fighi solo perché vincono una partita a COD, dovrebbero farlo ambientato nel futuro, così potrebbero creare un gioco un po' più credibile, fare soldati con supertute così da giustificare la loro agilità impressionante, armi laser per giustificare la balistica incredibile delle armi, etc...
[sarcasmo off]
fbrbartoli29 Novembre 2011, 17:56 #7
sarebbe, secondo me, più leggibile una votazione in centesi. con 4/5 stelle non si capisce niente... è un 65? 70? 75? 80? 85?
A sentimento direi 70 ma potrei sbagliarmi
bomkill29 Novembre 2011, 18:01 #8
Trovo che sia divertente ben fatto ma con limiti della I.A certo a questo giro bf3 gli è superiore anche se onestamente nel single e + divertente cod,quello che trovo assurdo e sparare per cod dei voti bassissimi solo per quella che mi sembra la moda attuale quella di spalare merda sopra cod,ripeto BF3 e il vincitore a mio modesto parere ma ciò non toglie che cod sia un bel gioco
jacky214229 Novembre 2011, 18:04 #9
Originariamente inviato da: fbrbartoli
sarebbe, secondo me, più leggibile una votazione in centesi. con 4/5 stelle non si capisce niente... è un 65? 70? 75? 80? 85?
A sentimento direi 70 ma potrei sbagliarmi


Le stelle sono 5, di cui 4 illuminate, quindi 4 su 5, oppure 8 su 10, o ancora 80 su 100. Sono frazioni.
roccia123429 Novembre 2011, 18:18 #10
Originariamente inviato da: jacky2142
Le stelle sono 5, di cui 4 illuminate, quindi 4 su 5, oppure 8 su 10, o ancora 80 su 100. Sono frazioni.


forse intendeva dire che come votazione è poco precisa. Non dico di fare una scala basata sui centesimi, ma almeno una scala da 0 a 10 sarebbe più adatta...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^