Forza Motorsport 4: il gioco di ruolo dell'automobilismo

Forza Motorsport 4: il gioco di ruolo dell'automobilismo

Analisi approfondita delle caratteristiche di Forza Motorsport 4, l'ultimo ibrio tra simulazione e arcade di Turn 10 Studios per XBox 360. L'articolo comprende le considerazioni di Alessio Di Domizio.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

vs Gran Turismo 5

Un confronto interessante, che andrebbe fatto in maniera esaustiva, riguarda il modello di guida di vetture uguali tra Gran Turismo 5 e Forza Motorsport 4. Cosa rende un gioco migliore dell'altro se non proprio il modello di gestione del comportamento delle varie vetture? Fare questo confronto, però, è estremamente arduo, e richiederebbe una quantità di tempo considerevole, proprio per via dell'elevato numero di auto presenti nei due giochi.

Gran Turismo 5, per quanto il gioco sia drasticamente carente dal punto di vista grafico, fisico e sonoro, ha un ottimo modello di guida per tantissime vetture. Trasmette sensazioni uniche, dando la sensazione di trovarsi proprio al volante di uno di quei bolidi che contiene nel suo catalogo. Rispetto a Forza Motorsport 3 è più accurato nella simulazione di molte auto, mentre altre sono decisamente approssimative, ma i progressi fatti da Turn 10 Studios con Forza 4 da questo punto di vista hanno ribaltato al prospettiva. Confrontando i modelli di comportamento di vetture uguali tra GT5 e FM4 si nota come nella maggior parte dei casi prevalga il secondo.

Gran Turismo 5 simula molto bene le muscle car e alcune vetture storiche come la Shelby Cobra del '66. Nel primo caso, ho avuto un'esperienza di gioco più gratificante con la Ford GT di GT5 piuttosto che con quella di FM4. Si sente molto di più la potenza della muscle car, associata alla straordinaria potenza che riesce a erogare il motore di questa vettura e all'instabilità del retrotreno quando si accelera bruscamente. La natura a metà strada tra vettura sportiva e muscle car della Ford GT è ottimamente riprodotta nel titolo Polyphony.

La Shelby Cobra del '66 sa più di vettura appartenente al passato in Gran Turismo 5. È estremamente nervosa e propone una sfida non indifferente al giocatore che cerca di controllarla. Un'auto che ha fatto la storia dell'automobilismo e che conferisce un fascino alla guida sportiva più unico che raro.

Forza 4 invece supera il diretto rivale in tantissimi altri casi. Restando nel mondo delle muscle, La Ford Mustang GT500 ha dato ottime sensazioni nel titolo Turn 10. La sua imponente mole, unita all'instabilità che si produce nel retrotreno, rendono la guida decisamente impegnativa, e appagante. I muscoli dell'auto vengono fuori tutti, soprattutto se si gareggia contro le rivali più basse.

Le auto degli anni '90, inoltre, in Forza rendono particolarmente bene. La Ferrari F40 del '92 o la McLaren F1 del '93 in Forza sono leggere al punto giusto, offrendo grande maneggevolezza per via dell'ampia carreggiata ma al contempo esprimendo la potenza fornita dal motore di oltre 400 cavalli. In entrambi i casi, inoltre, si tratta di vetture estremamente leggere, circa mille chilogrammi, e ancora una volta la sensazione del peso dell'auto è suggerita meglio da Forza, visto che in GT5 entrambe danno la sensazione di avere una stazza notevole in rapporto a quanto può spingere il motore.

Forza Motorsport ha poi storicamente fatto delle Ferrari un vero e proprio cavallo di battaglia, con l'aiuto di Microsoft che in passato aveva licenza esclusiva per lo sfruttamento delle vetture italiane nei videogiochi. Il risultato è che le Ferrari di Forza 4 sono estremamente realistiche, e offrono un'esperienza di guida unica come è lecito attendersi da vetture talmente prestigiose e così accuratamente realizzate. Tra le Ferrari inoltre si producono differenze nelle prestazioni notevoli: ho provato ad esempio a competere con una Ferrari California estremamente elaborata contro altre Ferrari 430 ma, nonostante l'elaborazione, il limite congenito della prima vettura rispetto alla seconda si è sentito e quindi non sono riuscito a ottenere i risultati sperati.

Notevoli anche le varie Gumpert Apollo, Pagani Zonda, Chevrolet Corvette di Forza: ciascuna esprime una personalità differente e richiede un certo impegno per essere padroneggiata. Ogni auto in Forza va domata in funzione del circuito, con l'individuazione dei giusti tempi di frenata e della corretta modulazione dell'accelerazione.

La SSC Aero di Forza, poi, dà un feeling spettacolare in termini di sensazione di velocità. È una supercar americana pensata per infrangere il record assoluto di velocità massima raggiungibile con un veicolo stradale. Provata sul circuito della 24 ore di LeMans questa macchina raggiunge velocità assolutamente ragguardevoli, superiori anche ai 420 km/h. Lo scenario intorno al pilota scorre con una velocità paurosa, con una sensazione di velocità difficilmente riscontrabile in altri giochi automobilistici.

L'auto è inoltre assolutamente ingovernabile a basse velocità, richiedendo di innestare le marce a elevato ritmo per non produrre ulteriore instabilità. Tutte sensazioni che il rivale per PlayStation 3 riesce a trasmettere con maggiori difficoltà. Penso ad esempio al concept realizzato in collaborazione con Red Bull, che mette fortemente in crisi il motore fisico di GT offrendo un'esperienza di gioco esageratamente esaltata e irrealistica.

 
^