Madden 12, meno spettacolo e più simulazione: evviva!

Madden 12, meno spettacolo e più simulazione: evviva!

Troppo spesso – forse grazie al proprio monopolio nel settore delle simulazioni di Football – EA ha rilasciato titoli poco innovativi. Oggi, anche senza rivoluzioni, le cose cambiano!

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Questione di cultura

Affrontare il ‘discorso football’ in Europa – e particolarmente in Italia -, non è cosa facile. Da noi il ‘football’ è solo il calcio, e l’unico sport con la palla ovale diffuso e compreso è il rugby. Il football americano è poco conosciuto, poco praticato e spessissimo bistrattato.

“Lento”, “spezzettato”, “complicato”, sono i principali commenti nostrani, all’indirizzo dell’universo NFL. Eppure c’è una delle più grandi nazioni del mondo che letteralmente impazzisce per questa disciplina. Negli Stati Uniti, infatti, nonostante ci siano altri sport molto seguiti – e praticati ad altissimi livelli -, si può ben dire che sia il football a farla da padrone. Con il Superbowl, la finale del campionato NFL, che si tramuta in un evento capace di catalizzare l’attenzione di tutta la Nazione.

Non è questa la sede in cui dissertare del valore del football, ma va detto di come il football sia uno degli sport maggiormente strategici del mondo – con giocatori e allenatori specializzati in ogni singolo dettaglio del gioco – e uno dei più intensi – tutte le partite, di fatto, sono una finale senza ritorno.

E va comunque spezzata una lancia in favore di questo splendido sport: imparandone le regole e lasciandosi coinvolgere dallo spirito che pervade ogni sua singola partita, si entrerà in un mondo unico. Tattico ma brutale, adrenalinico ma sportivo. Con tutta la classe nelle presentazioni di cui sono capaci gli americani.

 
^