Fifa 12: quattro occhi sono meglio di due

Fifa 12: quattro occhi sono meglio di due

La recensione di Fifa 12 è stata curata da due redattori di Gamemag. Nell'articolo trovate ogni dettaglio tecnico e di gameplay sull'ultima simulazione calcistica di EA Sports.

di Stefano Carnevali, Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

FIFA si rinnova, anche offline

Il Creation Center, messo per la prima volta a disposizione dei giocatori lo scorso anno, è stato ulteriormente ampliato e reso più organico rispetto agli esperimenti passati. Sono infatti stati predisposti una serie di contenuti premium, che permettono nello specifico di caricare anche i loghi e gli sponsor personalizzati per il team che viene creato. Viene inoltre garantita una più ampia customizzazione a tutti i livelli, dalle divise all’aspetto dei giocatori e quant’altro.

L’intero editor è fruibile tramite il sito ufficiale EA Sports Football. Una volta effettuato l’accesso con il proprio profilo EA è possibile scegliere fra la creazione di un giocatore personalizzato, di un team oppure di un torneo per il quale non è prevista la licenza (scontata la presenza di Champions League e Coppa Libertadores). La piattaforma, che peraltro sembra funzionare con minori problemi rispetto allo scorso anno, è perfettamente integrata con il gioco, permettendo il download istantaneo del materiale creato, non appena venga inviato ai server di Electronic Arts. Il database è di tutto rispetto, considerato che la quantità di squadre create supera già quota mezzo milione, mentre l’elenco giocatori sfiora i tre milioni. Un problema, riscontrabile già in FIFA 11, riguarda tuttavia la quantità di slot disponibili, che limitano la mole di materiale da poter scaricare e mantenere sulla propria console in contemporanea. Si parla infatti di soli 24 posti per le squadre e i tornei, mentre nel caso dei giocatori si arriva fino a 50. Poca cosa se si pensa alle pressoché infinite possibilità di scelta di cui si dispone l’archivio.

La modalità Carriera di FIFA si presenta ormai da anni in una veste sostanzialmente analoga, senza proporre specifiche novità di rilievo. Selezionando una nuova avventura si può decidere di privilegiare unicamente l’attività di allenatore, impersonare un calciatore portandolo dai campetti di provincia fino all’elite del calcio mondiale, oppure vestire il doppio ruolo, alla Gianluca Vialli dei tempi che furono. A ben vedere si tratta di uno dei pochi aspetti del gioco che non sia stato interessato da modifiche o aggiornamenti di sorta nel corso degli ultimi anni, contrariamente a quanto ha cercato invece di fare Konami con la nuova modalità “Club Boss” che, pur non esente da difetti, cerca di avvicinarsi alla filosofia di un vero e proprio manageriale.

Un’altra novità riguarda l’integrazione dell’Ultimate Team all’interno del gioco. Non si dovrà pertanto scaricare un DLC aggiuntivo, come avveniva fino allo scorso anno. Anche in questo caso tuttavia non ci sono innovazioni degne di nota. Si inizierà la propria esperienza con una squadra qualitativamente modesta, costituita da giocatori della categoria “Bronzo” e poi si potranno apportare modifiche alla franchigia tramite i punti guadagnati con le prestazioni in campo, o ancora investendo una somma di Microsoft Points nell’acquisto di pacchetti “Argento” e “Oro”. Si può inoltre decidere di scambiare figurine con gli altri membri della community, tramite la sezione dedicata agli scambi. I match possono essere giocati a piacimento sia online che offline, mentre nella sezione “Team della Settimana” si può prendere visione di quelli che sono i giocatori del momento, gli atleti dal rendimento più elevato.

Tramite le sfide My Live Season è possibile invece rivivere il percorso effettuato nella vita reale dalla propria squadra del cuore, rigiocando in prima persona gli incontri del campionato in fase di svolgimento. Ad ogni nuova giornata viene mostrato il risultato che è stato conseguito dalla formazione, con tanto di marcatori, cartellini e atleti indisponibili. L’obiettivo primario è quello di confermare le vittorie e sovvertire le eventuali sconfitte. Ad ogni match disputato verrà indicata nel menù la posizione occupata da quel determinato team nella vita reale, affiancata dalla classifica nella stagione virtuale, con tanto di grafico a raffrontare i relativi rendimenti.

 
^