BlizzCon 2011: le novità dal mondo Blizzard

BlizzCon 2011: le novità dal mondo Blizzard

Dopo la conclusione del BlizzCon 2011, eccovi un resoconto di quanto emerso durante la due giorni californiana dedicata alle produzioni Blizzard.

di Antonio Rauccio pubblicato il nel canale Videogames
Blizzard
 

StarCraft II: Heart of the Swarm

Il prossimo titolo del secondo capitolo di StarCraft II è l’altro indiscusso protagonista della convention. Uno dei primi panel è stato dedicato alla trama: evitando di spoilerare, il team Blizzard è partito dal finale del primo capitolo, in cui Raynor riusciva a far tornare umana la Regina delle Lame. Ma la Sarah Kerrigan protagonista del nuovo capitolo e del nuovo video mostrato alla convention non è più la ragazza di un tempo che Jim sperava di salvare.

I dreadlocks rappresentano visivamente il collegamento con la razza Zerg, e seppure Sarah abbia ricordi confusi sul suo passato da Regina delle Lame, sa di aver fatto cose orribili. Il suo obiettivo principale è la vendetta su Mengsk, e per riuscirci, attraverso la storia principale della campagna Sarah dovrà prendere il controllo dello sciame Zerg. Lo spirito della campagna sarà strettamente legato alla caratteristica principe degli Zerg, ovvero l’evoluzione verso nuove forme più adatte all’ambiente e alle sfide proposte dalle missioni. In particolare sarà possibile per ogni unità scegliere tre tipi differenti di mutazioni.

Sono stati poi presentati quelli che saranno i protagonisti che troveremo nel nuovo capitolo.

Izsha è una Zerg creata dalla Regina delle Lame, e sarà controllata da Sarah, mentre Abathur è una creatura della Overmind, che evolve e migliora lo sciame al servizio di Sarah. Infine Za'gara è una brood mother Zerg, madre della genia presente su Char, che non riconosce Sarah come Regina delle Lame e la combatte. Infine Zeratul farà ritorno con un approccio simile a quello del prequel.

Heart of the Swarm offrirà una campagna che oltre alla storia principale, consentirà di approfondire i plot legati agli altri personaggi e le cosiddette ambient story, storie che stanno nel background e che solo i giocatori più attenti arriveranno a scoprire. Inoltre ci saranno nuovi contenuti, nuove unità e di conseguenze nuove strategie sul fronte multiplayer per tutte le tre razze del gioco.

Blizzard ha quindi illustrato il processo di tuning e bilanciamento tra le tre fazioni del gameplay multiplayer, che parte dalle statistiche delle partite multiplayer online, dei tornei e dei feedback degli utenti. Prendendo casi particolari (esempio una unità più debole o una skill un po’ troppo potente), è stato mostrato come questi casi sono stati fixati nelle patch, precisando che gli aggiustamenti procedono sempre per piccoli delta, in quanto il gameplay e l'equilibrio tra le razze è già molto solido. Dopo il rilascio di ogni patch c'è sempre un fase di raccolta feedback e statistiche per verificare se effettivamente c'è stato il miglioramento.

L’analisi delle statistiche per StarCraft II: Wings Of Liberty ha fatto emergere tre principali problemi: alcune debolezze delle razze (ad esempio gli Zerg sono penalizzati per alcuni aspetti), stallo negli incontri (ad esempio nello scontro tra due stesse razze, le strategie rischiano di essere troppo simili e stantie) e opportunità mancate (ovvero alcune unità del gioco non hanno un peso significativo). In Heart Of The Swarm questi problemi saranno risolti e Blizzard ha mostrato come, precisando che al momento niente è definitivo, il BlizzCon fornisce ulteriori feedbacke e la beta del nuovo capitolo di StarCraft II fornirà ancora maggiori elementi.

Le debolezze della razza Terran individuate sono principalmente occasioni mancate. L’unità Thor, non ha il giusto peso negli equilibri di gioco e per le dimensioni ingombranti si muove poco agevolmente: per ovviare a questi problemi il Thor sarà potenziato e i suoi difetti colmati da una unità più piccola e veloce, il Warhound, unità mech anti-mech.Altra unità poco significativa era rappresentata dagli Hellion, che saranno migliorati sensibilmente, soprattutto grazie alla possibilità di trasformarsi in mech umanoidi da mischia. Un’altra nuova unità sarà rappresentata dagli Shredder, piccole unità robotiche che possono interrarsi e attivarsi come torrette che creano campi radioattivi che spappolano nemici: per aggiungere un contro di equilibrio, i campi si disattivano se nel loro raggio di azione ci sono altre unità Terran.

Le debolezze della razza Zerg sono rappresentate dalle occasioni mancate e dalla debolezza Zerg nelle fasi di assedio. L’Ultralisca, che per le dimensioni condivide gli stessi problemi del Thor, sarà rinnovata e dotata dell’abilità Burrow Charge, grazie alla quale le Ultralische si interrano e riemergono nel centro della battaglia. Il Viper è una nuova unità aerea che casterà spell efficaci soprattutto con le unità di terra e potrà utilizzare un tentacolo per trascinare a terra unità che si rifugiano su livelli superiori: ad esempio è stato mostrato un Colosso Protoss che attaccava Zergling al riparo su un’altura, e il Viper con il tentacolo lo trascinava a terra, in pasto ai voraci Zergling. La debolezza in fase d’assedio sarà corretta da una nuova unità di artiglieria, lo Swarm Host: questa unità può piazzarsi nel terreno in prossimità di strutture nemiche, e dalle uova che porta sul dorso generare senza spesa di risorse e continuamente dei parassiti Zerg che si gettano contro il nemico, permettendo pressione costante sulle strutture nemiche e il controllo della mappa.

Le debolezze della razza Protoss invece risiedono nella mancanza di unità di incursione e di unità aeree AOE. Poiché i Protoss hanno molte opzioni, tra cui la temibile Death Ball, non c'è necessità urgente di aggiungere unità, se non per fixare le mancanze.

Prima novità: il Carrier è eliminato (almeno per il momento), e al suo posto giunge il Tempest, nuova astronave anti aerea, che possiede anche notevoli capacitò di assalto contro le strutture nemiche. Altra nuova unità è il Replicant, costosa unità tecnologica capace di tramutarsi copiando fattezze e abilità di unità nemiche: è stato mostrato un esempio in cui Replicant Protoss contro fanteria e tank Terran si tramutavano in cinque tank in modalità assedio, spazzando via il nemico con le sue stesse armi. Oracle è invece una notevolissima unità aerea di incursione che sostituisce la Mothership: tra le sue abilità la possibilità di inglobare in un campo protettivo i minerali che non potranno essere raccolti dai workers, la capacità di spiare le strutture nemiche per studiare unità e tecnologie sviluppate e l’abilità di bloccare in una piramide energetica unità terrestri di attacco aereo.

Inoltre sono stati illustrati tutta una serie di fix minori che però avranno un impatto significativo nelle meccaniche e nelle strategie: costo minore dell’abilità Cloak per i Ghost, migliore rigenerazione della salute dei Reaper, maggiore velocità ai Battlecruiser, Baneling aggiornati con la burrow move, Idralische più veloci, i Corruttori avranno l’abilità Siphon che attaccando un edificio nemico ne ruberà le risorse, i Nexus avranno capacità difensive e l’abilità di recall.

Nel panel dedicato alle illustrazioni e alle tecnologie è stato mostrato in dettaglio la concezioni delle nuove unità attraverso i concept e i modelli poligonali, fino a mostrare il modello finale e la resa all’interno di sequenze del gioco. Poi sono stati illustrati alcuni dei nuovi scenari, sottolineando la volontà di renderli sempre più vari, animati e caratteristici, anche attraverso l’uso di palette di colori nettamente distinte. Infine sono state mostrate alcune delle migliorie del comparto grafico del nuovo titolo della serie: la più interessante è sicuramente la riscrittura del motore fisico, che dovrebbe garantire una resa molto più realistica e accurata.

  • Articoli Correlati
  • Diablo III beta: ritorno a Sanctuary Diablo III beta: ritorno a Sanctuary A tre anni dal primo annuncio, abbiamo finalmente ricevuto da Blizzard la preziosa key per la beta di Diablo III. Abbiamo testato in maniera approfondita il codice per offrirvi il resoconto più completo e dettagliato possibile. Questo il diario del nostro ritorno a Tristram dopo oltre dieci anni... (Gli screenshot sparsi nell'articolo provengono dal produttore, quelli inseriti nella gallery che trovate nella prima pagina sono invece realizzati da noi sempre sulla versione PC del gioco).
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fbrbartoli28 Ottobre 2011, 21:18 #1
la Bliz è il top! Basta solo lei per far valere ancora tanto il settore games nei pc. Finchè ci sono case come Blizzard, Valve, e grandi sviluppatori indipendente (le prime che sfornano capolavori di taratura planetaria e i secondi incredibili indie), mi spiace, ma non c'è console e cod/gta che tenga. Detto questo non ho mai mancato un titolo Blizzard (tranne Wow li ho tutti su blattle.net) e non rinucerò neanche ai prossimi 2 (diablo 3 credo lo aspettino tutti da più di 10 anni).
Infobiz30 Ottobre 2011, 13:01 #2
Voglio Diablo treeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ç_ç
fbrbartoli02 Novembre 2011, 18:34 #3
nessuno che commenta questa news... che gamers da quattro soldi su hwupgrade.
Monte Cristo19 Novembre 2011, 20:34 #4
Si ha una pur vaga idea delle possibili date di uscita e ipotesi sul numero di vendite?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^