Focus sulla versione PC di Rage: l'importanza dei 60 fps

Focus sulla versione PC di Rage: l'importanza dei 60 fps

Perché tanti problemi al lancio della versione PC di Rage? Cosa ha di veramente innovativo la nuova tecnologia allestita da John Carmack? In questo approfondimento alla recensione di Rage cerchiamo di rispondere a queste e ad altre domande. Include il videoarticolo e una gallery di screenshot inediti.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Patch

Il problema del caricamento delle texture è stato in parte risolto con la patch rilasciata nei giorni scorsi. Questa ha risolto una serie di problematiche che portavano al crash del software, ha aggiunto la possibilità di modificare il campo visivo e ha inserito una serie di opzioni grafiche nel relativo menu. Secondo id Software, i problemi che si sono verificati al lancio riguardano una certa incompatibilità tra id Tech 5 e i driver dei due fornitori di schede video. Non solo la tecnologia necessita di essere adattata specificamente alle architetture AMD e Nvidia, ma ha bisogno di aggiustamenti anche in relazione alla release dei driver.

Non finisce qui. Visto che lo stesso Carmack ha rivelato sul suo profilo Twitter di essere al lavoro su un nuovo fix che risolve alcuni problemi di sfocamento della megatexture. In alcuni casi, infatti, capita con la versione PC di Rage che parti della megatexture non vengano visualizzate correttamente e risultino sfocate. Carmack ha invece negato che possa uscire un ulteriore fix che blocchi la qualità della texture alla massima risoluzione possibile: ha infatti detto che il design della texture originale non consente questo livello di qualità visto che la megatexture non ha lo stesso livello di dettaglio in tutte le sue parti.

La presenza sui PC più competitivi di una quantità di memoria superiore di circa il 200% rispetto alla memoria presente su console consente a questi sistemi di gestire con maggiore efficacia il sistema basato su megatexture. Tutto ciò rende la versione PC di Rage assolutamente la migliore, ovviamente una volta che si risolvono i problemi legati al caricamento della texture, perché consente di avere maggiore risoluzione nella texture stessa e un dettaglio visivo complessivamente superiore.

Inoltre, su PC i giocatori beneficiano di anti-aliasing, configurabile fino a 16X, e filtro anisotropico, oltre che una risoluzione complessiva dell'immagine decisamente superiore. Anti-aliasing e filtro anisotropico, invece, sono completamente assenti su console. Tutto questo crea una dicotomia interessante nella qualità delle immagini tra versioni PC e console che abbiamo cercato di dimostrare con la galleria di immagini collegata in questo articolo e con lo stesso videoarticolo, realizzato con immagini catturate appunto dalla versione PC di Rage.

In passato Carmack ha parlato di medesima texture per le versioni PC e console. In effetti, se si esegue l'installazione del software su XBox 360 vengono richiesti circa 22 GB di spazio sul supporto di storage. Se si scarica la versione PC da Steam, il servizio online di Valve richiede un dowload proprio di 22 GB. Segno che le parole di Carmack sono fondate. Quello che cambia è la potenzialità del sistema nel renderizzare la megatexture entro il limite di tempo che id Software si è imposta per avere i 60 fotogrammi per secondo, e in questo entra in azione il già citato auto-bilanciatore.

Nel caso del PC, come abbiamo riferito qualche giorno fa (vedi qui) c'è la possibilità di aggirare l'auto-bilanciatore e avere la texture sempre alla massima risoluzione possibile, identificata da id Software con la sigla 16X. È chiaro che tale workaround tradisce la filosofia con la quale Carmack ha pensato id Tech 5, che riguarda, come detto, il mantenimento costante dei 60 fotogrammi per secondo. Il workaround incide fortemente sulle prestazioni e richiede un'ampia dotazione di memoria video per la gestione dell'enorme texture, fino a un massimo teorico di 3 GB di VRAM.

La maggiore velocità dei PC moderni nel caricare la megatexture e la presenza dei filtri, quindi, danno alle immagini su PC una qualità decisamente maggiore. Ma ovviamente ciò non influisce sulla qualità artistica della megatexture, che non è sempre ai massimi livelli. Ovviamente la realizzazione della texture ha richiesto tantissimo tempo agli artisti di id Software, e quindi i disegni non hanno la stessa qualità dappertutto. In alcuni casi, dunque, capita di vedere disegni approssimativi e non rifiniti a dovere, e questo si presenta sia su PC che su console.

 
^