Diablo III beta: ritorno a Sanctuary

Diablo III beta: ritorno a Sanctuary

A tre anni dal primo annuncio, abbiamo finalmente ricevuto da Blizzard la preziosa key per la beta di Diablo III. Abbiamo testato in maniera approfondita il codice per offrirvi il resoconto più completo e dettagliato possibile. Questo il diario del nostro ritorno a Tristram dopo oltre dieci anni... (Gli screenshot sparsi nell'articolo provengono dal produttore, quelli inseriti nella gallery che trovate nella prima pagina sono invece realizzati da noi sempre sulla versione PC del gioco).

di Antonio Rauccio pubblicato il nel canale Videogames
BlizzardDiablo
 

Choose your destiny

Eseguito il primo accesso, viene presentata la schermata di selezione del personaggio, dove potremo scegliere il sesso del nostro avatar e una delle 5 classi disponibili. A proposito delle nuove classi, che sono state svelate nei mesi scorsi da Blizzard, molti di voi sapranno del clamore e delle proteste dei fan conseguenti alle scelte rivelate, che sancivano la scomparsa delle classi dei precedenti capitoli, fatta eccezione per il Barbaro.

La platea acclamava a gran voce le classi che aveva nel frattempo imparato ad amare e a conoscere a fondo (personalmente ritengo la mancanza del Negromante un vuoto difficilmente colmabile). Ma Blizzard ha ignorato le proteste, portando avanti le proprie scelte, e chiedendo nel contempo agli appassionati fiducia, in quanto volevano offrire una nuova gamma di personaggi, accennando alla possibilità del rientro delle classi storiche in una futura espansione.

Passiamo quindi in rassegna le classi disponibili tra cui scegliere il nostro alter-ego, che come vedremo pure essendo nuove, condividono caratteristiche comuni a quelle già presenti nel prequel. Abbiamo testato la beta con tutte le classi disponibili e possiamo confermare che sono tutte perfettamente bilanciate e caratterizzate.

Barbarian: unica classe ereditata dal capitolo precedente, il Barbaro è la scelta per chi predilige la forza bruta e i combattimenti corpo a corpo. Più lento ma più potente, i suoi colpi corpo a corpo sono micidiali, ed è specializzato nell'uso di armi pesanti. Oltre alla salute, a schermo avremo visualizzato il livello della Furia, che diversamente dal mana (che si consuma quando vengono utilizzati i poteri magici), aumenta quanto più pestiamo i nemici e, quando carico, consente di utilizzare devastanti abilità come l'Hammer of the Ancients (spettacolare martellone da far invidia a Thor che si materializza e schiaccia i nemici).

Witch Doctor: prendete il Druido di Diablo II Lord Of Destruction, dategli poteri voodoo ed avrete un'idea del bizzarro Stregone, che per alcune abilità con cui traffica con morti viventi, può ricordare il Negromante, di cui però non ha (a nostro avviso) la classe ed l'ironia. Tra le varie abilità, può arricchire il suo party con inquietanti cani zombie, può scagliare contro i nemici piaghe come rospi velenosi e sciami di locuste. Le abilità che non abbiamo potuto sperimentare come Firebomb, Horrify, Mass Confusion, Soul Harvest, Wall of Zombies fanno ben sperare e il Witch Doctor sembra essere forse il più interessante e originale della compagnia.

Wizard: la canonica classe del Mago, che armato di bacchetta, vanta una vasta gamma di poteri magici ed elementali. Nella più classica delle tradizioni, utilizza il mana per le proprie magie, e personalmente abbiamo apprezzato l'abilità Shock Pulse che scaglia fulmini contro il nemico, la Frost Nova che congela gli avversari e l'abilità passiva Temporal Flux che rallenta chiunque venga colpito da un nostro incantesimo. Alcune delle abilità superiori non sperimentate nella beta hanno nomi inequivocabili, come Disintegrate, Electrocute, Teleport, Magic Missile, Slow Time.

Monk: il Monaco è sostanzialmente un "remake magico" dell'Assassina introdotto con l'espansione Diablo II Lord Of Destruction, usa il proprio corpo come arma, sfruttando la straordinaria velocità che lo contraddistingue, che gli consente spostamenti velocissimi e numero di colpi inferti elevato. Invece del mana, le skill del Monaco consumano lo Spirito, simile alla Furia del Barbaro, ma in questo caso legate alle combo: più è lunga la sequenza di colpi inferti, più lo Spirito viene caricato. E dopo aver accecato i nemici con il Blinding Flash, con il Dashing Strike possiamo sfuggire alla morsa dei nemici e devastarli con le lunghe raffiche di Fists of Thunder e Lashing Tail Kick.

Demon Hunter: il Cacciatore di Demoni è la quinta e ultima classe presentata al BlizzCon 2010. È una sorta di ranger che utilizza come arma principale la balestra (può equipaggiarne due contemporaneamente), vanta la possibilità di piazzare trappole (caratteristica in comune con l’Assassina), di evocare alcune magie e di usare granate. A differenza di tutte le altre classi, il Demon Hunter possiede come indicatore destro una sfera divisa a metà, con i livelli di Odio e Disciplina, i due sentimenti che lo animano contro le forze del male.

 
^