iRacing, il top della sfida per una simulazione di guida

iRacing, il top della sfida per una simulazione di guida

Con il rilascio della versione 2.0 iRacing è diventato un simulatore completo che punta in maniera ancora più decisa sugli elementi che lo hanno reso, sin da quando è uscito, uno dei migliori simulatori di guida sul mercato: ovvero comunità e precisione nel modello di guida.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Ford GT

Il nuovo modello di gestione dei pneumatici non è l'unica introduzione rilevante di iRacing 2.0. Una vettura che gli appassionati di iRacing attedevano da tempo è la Ford GT, che esplicita al meglio la tendenza US-centric di iRacing. La muscle car per eccellenza si sposa in maniera eccellente con il NTM, essendo decisamente nervosa e reattiva al controllo. La Ford GT è un'auto ampiamente sensibile alle variazioni aerodinamiche e quindi richiede molta attenzione in fase di assetto.

Un'altra vettura che si aggiunge alla flotta dei 26 veicoli presenti in iRacing è poi la HPD ARX-01c LMP2, che ha vinto nella sua classe la 24 ore di LeMans nel 2010. Si tratta della seconda vettura con motore Honda presente nel roster di iRacing dopo la Dallara IndyCar, che dispone di un motore Honda V8. Il motore HPD LMP2 V8 si presenta come una delle soluzioni più competitive in iRacing con i suoi 480 cavalli.

Ci sono delle migliorie anche al motore fisico e a quello grafico. Ad esempio, i danni estetici sono adesso più pronunciati, le vetture hanno maggiori dettagli sulle carrozzerie e alcuni cruscotti sono stati ridisegnati. C'è anche un nuovo effetto di profondità di campo che emula la prospettiva della telecamera nei replay.

Sono stati introdotti per la prima volta gli aiuti alla guida. Si possono infatti abilitare dal menu di gioco la frizione automatica o il cambio automatico, oltre che la linea sulla traiettoria ideale, l'assistenza alla frenate e all'accelerazione.

Ci sono adesso anche nuovi strumenti per la creazione di tornei, che sostanzialmente si traducono in un miglioramento delle gare hostate presenti anche nella precedente versione. I tornei consistono in un round iniziale, seguito da round preliminari e dal round conclusivo. L'host ha il controllo sull'eleggibilità dei vari concorrenti sulle fasi successive del torneo e ne può strutturare la griglia di partenza. Il torneo può essere configurato per girare su un massimo di 10 server.

Non mancano miglioramenti al sistema di assegnazione dei punti e l'introduzione della chat integrata nell'interfaccia web di iRacing.com. Inoltre, adesso gli utenti registrati possono aggiungere degli amici nella relativa lista.

È stata introdotta anche la celebre pista di Suzuka, che presenta un dettaglio poligonale mediamente più alto rispetto alle vecchie piste. iRacing ha molte piste dislocate negli Stati Uniti, ma è più restìo, perlomeno nella prima fase, ad accogliere piste che si trovano fuori dagli Usa. Come ogni nuova pista introdotta in iRacing, anche Suzuka in questa prima fase mostra qualche difetto in termini di costanza nel frame rate e di stuttering, soprattutto con la nuova funzione di profondità di campo nei replay. Altra aggiunta riguarda l'ovale dell'Iowa.

 
^