Diablo III: Blizzard risponde alla community

Diablo III: Blizzard risponde alla community

Al GamesCom abbiamo avuto modo di intervistare Josh Mosqueira, lead designer di Diablo III. Gli abbiamo sottoposto delle domande suggerite dalla community di Hardware Upgrade.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
BlizzardDiablo
 
  • Articoli Correlati
  • BlizzCon 2010: le novità dal mondo Blizzard BlizzCon 2010: le novità dal mondo Blizzard Ad Anaheim, California, si è tenuto nelle giornate del 22 e del 23 ottobre il BlizzCon 2010, l'evento di riferimento per i fan dei giochi Blizzard. "Equivale a un investimento di un milione di dollari in pubblicità in TV", dice Paul Sams, COO di Blizzard.
36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Goofy Goober23 Agosto 2011, 15:00 #11
Originariamente inviato da: Zetino74
Per chi gioca closed non funziona


Scusa l'ignoranza ma che vuol dire giocare closed?
Donbabbeo23 Agosto 2011, 15:15 #12
Originariamente inviato da: Goofy Goober
Scusa l'ignoranza ma che vuol dire giocare closed?


In pratica su Diablo 2 tu non avevi il pg sul tuo pc, era salvato sul server di b.net, questo per evitare hack e modifiche illegali. Questi personaggi erano closed.

Esisteva però anche la modalità single player, dove i pg erano salvati sul tuo computer. Questi personaggi erano open. Era comunque possibile andare online con essi, ma eri limitato a giocare esclusivamente con gli altri personaggi open.
MiKeLezZ23 Agosto 2011, 15:24 #13
Con questa storia delle auction house faranno un pacco di soldi e il gioco sarà quindi un successone (pacco di soldi guadagnati = successo).
Mi vedo già fior fiore di gente pronta a spendere 1€ oggi 1€ domani 10€ dopodomani.
Che poi non ho ben capito come sarà strutturato, chi vuole vendere un oggetto si prende soldi finti? Chi invece compra sborsa soldi veri? Geniale due volte... Con dei prodotti di finzione ovvero una serie di pixel se li trasformano in soldoni reali alla facciaccia (è proprio il caso di dirlo) di tutti coloro che si prosciugano la vita davanti questi videogames...
Ovviamente il perennemente online è semplicemente una loro tutela per evitare crack cure hack e via dicendo, che dirottebbero la gente fuori dalle auction house (altrimenti chiamate "case del re mida", visto che trasformano niente in oro).
In effetti dopo i mezzi fallimentari DLC (che comunque un po' fanno imbottare) ecco il vero nuovo modo di spillare soldi (in realtà nel territorio asiatico già attivo da anni), il gioco te lo faccio pagare una scemata, se non te lo regalo (vedi team fortress 2 nel caso PC o smurfs nel iOS), salvo poi costringerti a comprare oggetti e oggettini per andare avanti...
Goofy Goober23 Agosto 2011, 15:29 #14
Originariamente inviato da: Donbabbeo
In pratica su Diablo 2 tu non avevi il pg sul tuo pc, era salvato sul server di b.net, questo per evitare hack e modifiche illegali. Questi personaggi erano closed.

Esisteva però anche la modalità single player, dove i pg erano salvati sul tuo computer. Questi personaggi erano open. Era comunque possibile andare online con essi, ma eri limitato a giocare esclusivamente con gli altri personaggi open.


ho capito ti ringrazio

infatti io a Diablo II ho sempre giocato con dei PG open si vede, online andavo poche volte
Glasses23 Agosto 2011, 16:17 #15
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
il gioco te lo faccio pagare una scemata, se non te lo regalo (vedi team fortress 2 nel caso PC o smurfs nel iOS), salvo poi costringerti a comprare oggetti e oggettini per andare avanti...



non mischiamo le mischiamo le cose, D3 costerà 60 euro, altro che una scemata, e in TF2 gli items "veri" (ossia con statistiche e non meri orpelli estetici) droppano con costanza e facilità ([U]e senza il minimo sforzo[/U]), e l'acquisto di cappellini inutili è tutt'altro che una necessità.
In D3 per quanto ne sappiamo gli items in vendita saranno solo roba "seria", ossia capiterà davvero di trovare gente che ha speso 30 ore a farmare mob fastidiosi e stressanti per ottenere un item che un tizio che non ha mai messo piede nel suddetto dungeon ha pagato 9,99$.
cmpfrc23 Agosto 2011, 17:16 #16
Non ho capito una cosa..nell'intervista parla di mondi e dungeon simili nelle varie modalità..ciò vuol dire che non avranno la casualità di costruzione di D1-D2?

Riguardo la modalità dell'asta, l'unica cosa che mi sento di dire è che bisogna stare a vedere. Il fatto che con un colpo di fortuna possa procurarmi qualche penny e magari rientrare dell'investimento del gioco (pur sacrificando qualche oggetto) non mi suona male.. per il resto avete ragione voi! :P

Quello che non sopporto è la connessione costante, compri un gioco per poterci giocare come e quando vuoi, non così vincolato... =(
Donbabbeo23 Agosto 2011, 19:28 #17
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Che poi non ho ben capito come sarà strutturato, chi vuole vendere un oggetto si prende soldi finti? Chi invece compra sborsa soldi veri? Geniale due volte... Con dei prodotti di finzione ovvero una serie di pixel se li trasformano in soldoni reali alla facciaccia (è proprio il caso di dirlo) di tutti coloro che si prosciugano la vita davanti questi videogames...


In pratica tu paghi alla Blizzard per farti depositare sul tuo conto Blizzard i soldi (allo stesso modo di una postepay).
Una volta che i soldi sono sul tuo conto li puoi usare dentro il gioco ma non prelevare. Nel momento in cui vendi qualcosa devi decidere IMMEDIATAMENTE se il pagamento che ti arriverà dovrà essere depositato su un conto tipo Paypal (e quindi prelevabile) oppure dovrà essere aggiunto al tuo conto Blizzard (e quindi non prelevabile)
PESCEDIMARZO23 Agosto 2011, 20:43 #18
Da amante della serie Diablo, avevo paura che questo nuovo episodio facesse la fine del Duca, dopo questa intervista, lo spero.
ice_v24 Agosto 2011, 01:08 #19
Non un grande amante del genere actionRPG/H&S...però dai video iniziava a piacermi sto Diablo 3...peccato che a sto punto va un po' contro la mia etica
Zetino7424 Agosto 2011, 10:33 #20
Da quello che avevo letto sul sito Blizzard riguardo alle aste funzionerebbe più o meno così:

Puoi mettere in vendita oggetti da comprare con:
-Soldi del gioco
-Soldi veri

Nel primo caso, ovviamente, se qualcuno compra a te vanno i soldi del gioco e a lui l'item.

Nel secondo caso, anche il solo mettere in vendita per soldi veri, ha un certo prezzo. Quindi per esempio non ha senso che io metto in vendita per soldi veri un oggetto da poco, poichè dovrò spendere soldi anche se nessuno lo compra. Inoltre, una volta acquistato l'oggetto, (se non sbaglio) una piccola parte dei soldi andrà a Blizzard.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^