Bastion: rimanere piacevolmente colpiti da un Arcade

Bastion: rimanere piacevolmente colpiti da un Arcade

Dopo essersi guadagnato il premio come miglior titolo arcade presente sullo show floor dell’E3 2011, Bastion è disponibile dalla giornata di oggi su Xbox Live. Abbiamo avuto l’occasione di provare approfonditamente l’action RPG di SuperGiant Games, pubblicato da Warner Bros Interactive, e ne siamo rimasti piacevolmente colpiti.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
XboxWarner Bros.Microsoft
 

Un action RPG divertente, snello, mai frustrante

Bastion si avvale di meccaniche di combattimento tipicamente action, infarcite da numerosi elementi ruolistici, tra cui i potenziamenti per le armi, il livellamento del personaggio (fino al 10° livello) e il supporto di differenziati poteri magici. Nell’equipaggiamento di Kid è possibile infatti servirsi di due differenti tipologie di arma, generalmente alternate tra gli strumenti di mischia e quelli a lunga gittata. Sono peraltro previste anche la schivata o la protezione per mezzo dello scudo.

Esistono poi due differenti tipologie di tonico, quello di colore azzurro dedicato al ripristino della salute e quello di colore nero, che permette di sfruttare attacchi supplementari di vario genere, come ad esempio l’utilizzo di mine di prossimità, di creature proprie alleate e via discorrendo. La quantità e la variazione delle armi è degna di nota, visto che si inizia l’avventura armati semplicemente di un martello e si arriva verso le battute conclusive a possedere equipaggiamenti possenti come il mortaio o il bazooka. Bisogna tuttavia evidenziare un’eccessiva disparità nell’utilizzo delle stesse, dal momento che alcune (ad esempio il fucile sparachiodi) verranno sbloccate ma utilizzate col contagocce, in quanto non all’altezza rispetto alle alternative di cui ci può avvalere nell’armeria, anche dopo aver opportunamente sbloccato i potenziamenti.

Vi starete chiedendo come si gestisce tutto il materiale a disposizione. E’ presto detto, non esistono infatti menù da dover consultare mentre si è in gioco. La struttura è molto intuitiva e snella, tramite la raccolta dei nuclei si può progressivamente edificare una serie di edifici all’interno del Bastion, ognuno con una sua specifica destinazione. Si otterrà così l’accesso all’Armeria, nella quale selezionare il proprio assetto da combattimento, alla Fornace dove si applicheranno i potenziamenti alle armi, o ancora alla Distilleria, in cui è permesso attivare poteri supplementari forniti da speciali super alcolici, che migliorano le prestazioni di Kid in vari modi. Tramite il palazzo degli Oggetti Smarriti si possono invece applicare materiali di risulta alle armi che, opportunamente lavorati, produrranno ulteriori miglioramenti.

Infine il Tempio e il Memoriale permettono rispettivamente di invocare divinità per rendere i nemici più agguerriti, acquisendo in questo modo una quantità extra di denaro da poter investire, oppure di prendere visione di specifiche missioni secondarie che una volta portate a termine daranno diritto ad un bonus.

La quantità di livelli riguardanti la trama è già di per sé notevole per un prodotto arcade, ma l’esperienza non si limita solo al percorso principale. Esistono infatti i campi di addestramento, ovvero stage supplementari dove progressivamente è possibile testare le nuove armi sbloccate, portando a termine incarichi a tempo. Anche in questo caso sono previsti bonus progressivi, in relazione all’abilità che si è dimostrata sul campo. Ottenere la miglior prestazione possibile non è affatto facile, quindi in questo senso anche i giocatori più desiderosi di sfida avranno pane per i loro denti.

Infine va fatto un breve accenno ai livelli di “Chissà Dove”, in sintesi degli stage supplementari ai quali si accede direttamente dal Bastion. Kid cadrà in una sorta di stato ipnotico, vivendo una sorta di allucinazione. In queste fasi la voce narrante offre nuovi spunti e dettagli riguardanti l’universo di gioco, i suoi personaggi e la città di Caelondia. Le meccaniche invece somigliano a quelle di un’orda. Sono infatti previste 20 ondate progressive di nemici, sempre più intense, e al termine di ognuna una quantità di bonus in denaro.

 
^