E3 2011: i giochi presentati

E3 2011: i giochi presentati

Il report contiene tutte le informazioni rivelate all'E3 e le prime impressioni sui giochi presentati, che faranno parte della prossima stagione videoludica.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

THQ

Metro Last Light
software house: 4A Games
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360, Wii U
data di pubblicazione: Q4 2012

Si tratta del seguito diretto di Metro 2033, tratto ancora dai romanzi dello scrittore russo Dmitry Glukhovsky. L'ambientazione sarà ancora quella post-apocalittica con una Russia devastata da una catastrofe nucleare e Artyom, un ragazzo cresciuto in una stazione della metropolitana situata sotto ad i quartieri più a nord di Mosca, tornerà come protagonista. L'atmosfera è ancora immersiva e terrificante, oltre che decisamente buia, e ampio spazio agli utensili di fortuna che vengono usati da Artyom per farsi spazio nella metropolitana e per affrontare le creature mostruose generate dal disastro nucleare.

Lo sviluppatore 4A Games intende migliorare il combattimento, l'intelligenza artificiale, le fasi stealth, il sistema di illuminazione e ha inserito una tecnologia di gestione della distruzione dinamica degli ambienti. L'inizio della demo E3 è contestualizzato in uno spazio aperto con uno scenario distrutto della Mosca post-apocalittica del gioco. Lo scenario è molto dettagliato e la ripresa è di tipo cinematografico.

Artyom scende nel sottosuolo attraverso una botola. Nota due guardie che parlano tra loro e perlustrano la zona con casco dotato di torcia. Il giocatore le uccide entrambe in azione stealth. Nel combattimento successivo, invece, si nota la distruzione centimetro per centimetro delle coperture, che ricorda quella di Battlefield Bad Company 2. Lo location, inoltre, sembrano più variegate rispetto a quelle del predecessore, anche se le meccaniche di gioco e l'impostazione generale è identica al primo Metro.

Artyom carica manualmente il mitragliatore pneumatico mentre un'altra arma è dotata di un aggeggio che ne rileva la temperatura interna. L'uso di questi utensili primordiali ricalca quanto già visto nel predecessore, in cui ad esempio bisognava usare l'accendino per farsi luce sul quaderno e vederne gli appunti, indipensabili per completare la missione.

La demo finisce con la sequenza del raduno di una delle fazioni che intendono conquistare il predominio nella metropolitana moscovita, che è la stessa che si vede nel nuovo trailer del gioco. La ripresa è ancora cinematografica e si nota un uso intensivo di luci, ombre ed effetti di fumo volumetrico, se possibile ancora più dettagliati di quelli del primo capitolo. Artyom è insieme a un altro personaggio che uccide l'oratore e fugge repentinamente, all'interno di un inseguimento che ricorda lo stile del primo capitolo.

Artyom viene ferito e condotta a braccio dal suo compagno. Infine scappano a bordo di un mezzo su rotaie. Si verifica a questo punto un combattimento tra mezzi su rotaie parallele con lo stesso tipo di coinvolgimento del predecessore. A questo punto Artyom salta su un'altra carrozza e respira affannosamente. Si notano teloni mossi dal vento e il buio continuo aiuta ad avere un elevato dettaglio poligonale e ottimi effetti di luce e fumo. I mostri sono molto più convincenti di quelli estremamente deludenti del primo, soprattutto per via di animazioni più fluide, aggressive e realistiche. Inoltre, interagiscono dinamicamente con la fisica.

Saints Row The Third
software house: Volition
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360
data di pubblicazione: 15 novembre 2011

Grande budget pubblicitario per il terzo capitolo di Saints Row. Se lo stand THQ era sempre abbastanza fornito in fatto di belle presenze femminili, nel parcheggio antistante il Los Angeles Convention Center THQ ha addirittura organizzato un car wash in cui simpatiche fanciulle scarsamente vestite, se non con una striminzita maglietta con il logo di Saints Row The Third, erano ben propense a lavare le varie auto parcheggiate.

Il terzo capitolo rinnova la serie mantenendo l'impostazione di base da gioco free roaming alla Gta, ma aggiungendo uno strato di ironia supplementare. Il nuovo Saints Row evidenzia adesso una connotazione demenziale che per certi versi riporta alla mente Dead Rising. Durante la demo E3 è stato mostrato come sia possibile picchiare i passanti con gli strumenti più assurdi come grossi pugni e tubature varie, che si possono prelevare dagli scenari di gioco.

Si può ballare con le prostitute e impossessarsi di un carroarmati, che consente di acquisire punti a seconda del tipo di uccisione. Il carro sale sulle macchine, schiacciandole, ma non provoca distruzione negli edifici. Non manca la possibilità di cambiare abbigliamento e c'è un nuovo modo per impossessarsi delle macchine: il protagonista infatti salta dentro di esse dal finestrino.

È stato mostrato anche un aereo futuristico che sputa fuoco e che può entrare in modalità jet, sorvolando la città velocemente e mettendo in crisi il motore grafico che deve fare uno streaming rapido degli edifici. Un altro abitacolo assolutamente bizzarro cattura i passanti e li sputa fuori attraverso il canone di cui è dotato. I passanti così si spiaccicano contro i muri in maniera di nuovo molto ironica.

Dopo questa prima fase goliardica della demo, si inizia finalmente a fare sul serio. I membri della famiglia Saints si preparano per una rapina in banca all'interno di una sequenza di narrazione ben ripresa. Indossano delle grosse teste di plastica. Ma mentre sono dentro si rendono conto che tutti gli impiegati della banca sono armati fino al collo e ciò dò inizio a una furiosa sparatoria in cui il giocatore può usare le coperture per proteggersi dal fuoco del nemico.

I Saints con un elicottero agganciano la camera blindata e la portano via, mantenendola in posizione sopraelevata sopra la città. Il protagonista si trova sulla camera e continua a sparare convintamente dalla sommità della camera. È un turbinio di proiettili tra grattacieli. Alla fine sale sul tetto e viene circondato dai poliziotti, il che segna la fine della demo.

Warhammer 40.000 Space Marine
software house: Relic Entertainment
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360
data di pubblicazione: 6 settembre 2011

Nello spettacolare stand THQ, condito da una insistita e apprezzabile presenza femminile, c'era la possibilità di provare in prima persona lo sparatutto in terza persona di Relic Entertainment ambientato nell'universo di Warhammer. Il protagonista del gioco è il Capitano Titus degli Ultramarines, che deve fronteggiare l'invasione degli orchi. Ma nella demo E3 si combatte anche contro i Marine del Chaos.

Oltre ai combattimenti con le armi da fuoco, ci sono anche quelli ravvicinati con l'arma chainsword, che può essere usata in attacchi veloci ma poco potenti e in attacchi più lenti e più potenti. Inoltre, c'è una barra di energia che, una volta riempita, consente di compiere degli attacchi speciali. Quando viene eseguito questo colpo su un boss parte una sequenza in quick time events, in cui se si premono i pulsanti giusti nei momenti giusti si compie una fatality che uccide definitivamente il boss.

Inoltre, il gioco favorisce la varietà tra attacchi ravvicinati e attacchi dalla distanza, visto che alternare gli uni e gli altri consente di ricaricare più velocemente la barra dell'energia. Relic ha inoltre preferito rinunciare alle coperture, proprio per premiare il combattimento diretto e più frenetico possibile.

 
^