Inferno magico dagli occhi di un witcher

Inferno magico dagli occhi di un witcher

Finalmente la recensione della versione definitiva di The Witcher 2 Assassins of Kings. La profondità della storia, la libertà decisionale lasciata al giocatore e il complesso incastro delle missioni fanno in modo che The Witcher 2 Assassins of Kings alzi la barra per il genere a cui appartiene, confermandosi sicuramente come il migliore esponente in assoluto.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
The Witcher
 

Gioco di ruolo

L'obiettivo di CD Projekt con The Witcher 2 è di migliorare il genere dei giochi di ruolo in ogni aspetto. Principalmente, ha inteso creare un gioco dinamico, a partire dal sistema di combattimento ma, inteso in senso più generale, fino a tutta l'impostazione del mondo di gioco. Chi gioca deve vivere un mondo sul quale in qualche modo può incidere, cambiando qualcosa sia nei personaggi che nelle vicende.

Il witcher ha dei poteri enormi, sia come magie che dal punto di vista del controllo delle azioni di altre persone. È dotato di segni attraverso i quali può scatenare una ferocia magica e di abilità particolari attraverso le quali è in grado di scandagliare l'animo dei personaggi che icontra, il che gli dà grande aiuto soprattutto nelle indagini. The Witcher 2 non è solo un gioco di combattimento, ma molto spazio viene dato ai dialoghi, alla storia come abbiamo visto nella pagina precedente, alle indagini e alle scelte.

Partiamo con la struttura delle missioni. Come già nel predecessore, le missioni di The Witcher 2 presentano dei bivi, mentre il giocatore può decidere liberamente come affrontarle e con quali strumenti, e che tipo di esito avere. Le missioni, infatti, si compongono di fasi, ognuna con esito modificabile a seconda delle scelte del giocatore; inoltre, le missioni possono anche essere completate in maniera infruttuosa, senza raggiungere dunque gli obiettivi sperati.

Le fasi di una missione possono essere combinate con le fasi di un'altra missione, o anche di più missioni contemporaneamente, in modo da incastrare i vari avvenimenti. L'elevato numero di missioni, già nelle prime battute di gioco, crea un qualcosa di molto dinamico: una sorta di flusso di avvenimenti, apparentemente slegati dall'esito finale della missione. Le varie azioni del witcher, a lungo andare, porteranno a precisi avvenimenti.

La complessità delle missioni, l'incastrarsi delle varie fasi, e la libertà del giocatore sono tutti elementi che raggiungono un livello di complessità che, partendo da quello del primo Witcher, è adesso elevato all'ennesima potenza. Il giocatore può spesso decidere se agire in maniera accorta o spargendo litri di sangue, può stabilire quale personaggio interpellare e da chi farsi aiutare e se, può rinunciare a una missione, può scegliere varie opzioni nel dialogo, e così via.

In una missione può addirittura capitare che l'obiettivo diventi: attendi l'evolversi degli eventi. Insomma, niente è precostituito e lo spazio decisionale del giocatore è veramente molto grande e influisce sulle fasi successive della missione. Ogni missione, in realtà, nasconde una vera e propria storia, e alcune di esse sono decisamente interessanti e coinvolgenti, con personaggi che hanno un proprio senso e una propria personalità, che il giocatore appassionato al genere avrà molto interesse a scrutare fino in fondo.

A seconda di come si completano le missioni, inoltre, si ha un certo impatto sulla storia principale. Diciamo che l'andamento generale è sempre quello, ma che in alcuni punti ci sono dei bivi su cui il giocatore può intervenire, modificando ciò che succede dopo. The Witcher 2 ha, inoltre, sedici finali differenti, che sono determinati proprio dalle scelte del giocatore.

In base a ciò che si è fatto, la tecnologia è in grado di caricare una sequenza narrativa piuttosto che un'altra. In alcuni momenti, inoltre, se non si è pronti, o ad esempio si fallisce un assalto stealth, si potrebbe avere insuccesso in una missione o in una fase di missione, e questo ci impedisce di scoprire nuovi dettagli sulla trama o, più semplicemente, rende più complicato il prosieguo dell'avventura. In queste cose si hanno sensazioni simili a quelle avute con Heavy Rain.

 
^